I problemi di budget della NASA potrebbero distruggere il telescopio spaziale Chandra da 2 miliardi di dollari

La NASA ha speso 2,2 miliardi di dollari per costruire e lanciare l'Osservatorio a raggi X Chandra nel 1999, e ha funzionato brillantemente, esaminando lo spazio profondo, i buchi neri, gli ammassi di galassie e i resti di stelle esplose. Vede cose che altri telescopi spaziali non possono, perché ha letteralmente una visione a raggi X.

È troppo Soffre di alcuni problemi legati all'invecchiamento. Senza un'attenta pianificazione, può surriscaldarsi, apparentemente perché l'isolamento riflettente del telescopio non è più luminoso come in passato. Questa è solo un'ipotesi plausibile, poiché è in orbita attorno alla Terra da 25 anni e nessuno l'ha osservata da vicino, per non parlare di toccarla con mani umane. Ma Chandra rimane una spina dorsale scientifica, offrendo visioni dell'universo che non possono essere ottenute in nessun altro modo.

Il futuro di Chandra, sfortunatamente per gli astronomi che lo amano, è tetro. Se il Congresso approverà la richiesta di budget 2025 dell’amministrazione Biden per le missioni scientifiche della NASA, Diconola missione di Chandra verrà effettivamente terminata.

Lo stato incerto del telescopio obsoleto è parte di un grave problema di budget presso il Science Mission Directorate della NASA. Non ci sono abbastanza soldi per tutte le sonde planetarie, i rover su Marte e i telescopi spaziali già costruiti o sul tavolo da disegno. I funzionari hanno chiarito a tutti che difficilmente si otterranno fondi aggiuntivi Per scendere magicamente dal cielo.

I contribuenti forniscono risorse, tra cui circa 7,5 miliardi di dollari all’anno per le missioni scientifiche della NASA. Ma i budget non sono stati in grado di tenere il passo con le ambizioni scientifiche, compresi i costosi tentativi di recuperare campioni da Marte.

È anche possibile che la visione strategica della NASA venga influenzata dalla concorrenza estera. La Cina e altri paesi stanno lanciando astronavi a destra e a manca. La Cina potrebbe portare gli astronauti sulla Luna entro pochi anni. Nelle comunità militari e di sicurezza nazionali si parla di “Space Race 2.0” e dello spazio come dominio per fare guerre.

READ  La strategia di allarme di 30 minuti della NASA per eventi solari dannosi

In tempi di budget ristretti ci sono vincitori e vinti. Chandra potrebbe essere solo una delle numerose missioni di quest'ultima categoria.

La NASA non sta dicendo che sta uccidendo la missione Chandra. Ma il linguaggio utilizzato nella richiesta di bilancio della NASA dell'11 marzo non sembrava promettente: “La riduzione a Chandra darà inizio ad una riduzione ordinata della missione alle operazioni minime”.

Il telescopio è stato finanziato con poco meno di 70 milioni di dollari all’anno, ma la richiesta di budget fiscale per il 2025 lo riduce a 41 milioni di dollari. Poi a 26,6 milioni di dollari l’anno successivo, scendendo a 5 milioni di dollari nell’anno fiscale 2029.

“Abbiamo dovuto fare alcune scelte difficili per mantenere un portafoglio equilibrato all'interno della direzione della missione scientifica”, ha affermato Nicola “Nicky” Fox, direttore scientifico senior della NASA. “Chandra è molto, molto preziosa… ma sfortunatamente è una vecchia astronave.”

Budget piatti contro ambizioni elevate

La primavera scorsa, dopo una feroce battaglia sul bilancio a Capitol Hill, il presidente Biden ha firmato il Fiscal Responsibility Act, che ha innalzato il tetto del debito federale ma ha imposto limiti alla spesa federale. Nella maggior parte del governo, le agenzie hanno a che fare, nella migliore delle ipotesi, con budget stabili, anche se l’inflazione rende tutto più costoso.

Casey Dreyer, capo della politica spaziale presso la Planetary Society, ha scritto in un articolo L'ultima colonna Anche con un aumento del 2% del budget complessivo della NASA nella richiesta della Casa Bianca per il 2025, rappresenta comunque una perdita di 2 miliardi di dollari in potere d’acquisto dal 2020 a causa dell’inflazione.

Attraverso il programma Artemis, gli Stati Uniti sono pienamente impegnati a inviare nuovamente gli astronauti sulla Luna. La missione Artemis coinvolge la scienza lunare. Ma la maggior parte dei dollari va a razzi, astronavi, stazioni di rifornimento orbitali, lander lunari e alle complessità di mantenere in vita gli esseri umani in un luogo privo delle comodità domestiche, come l’aria.

READ  Porta la libertà sulla luna

Controllo della realtà del budget: il volo spaziale umano vincerebbe qualsiasi incontro di wrestling interno sui dollari dell’agenzia.

Poi c'è il ritorno del campione di Marte. È il programma scientifico planetario più ambizioso e costoso della NASA. Il progetto mira a trasferire pezzi di suolo marziano sulla Terra per ricerche di laboratorio, che rappresentano una priorità per la comunità scientifica, che ritiene che il Pianeta Rosso, nella sua giovinezza più calda e umida, ospitasse la vita. Il rover Perseverance, atterrato su Marte nel 2021, ha già estratto e conservato campioni.

Ma portarli sulla Terra non sarà né facile né economico. Un comitato di revisione indipendente ha affermato l’anno scorso che la missione era sulla buona strada per superare il budget e non sarebbe riuscita a rispettare il programma di lancio. I revisori hanno stimato che la restituzione del campione costerebbe tra gli 8,4 e i 10,9 miliardi di dollari nel corso della missione.

La NASA ha risposto creando un team per rivedere l'architettura e il programma della missione. Per mesi il ritorno del campione su Marte è rimasto nel limbo, ma questo periodo difficile potrebbe finire: lunedì l'amministratore della NASA Bill Nelson e Fox terranno una teleconferenza con i giornalisti per annunciare i risultati di una revisione del campione missione, con il Consiglio comunale della NASA. da seguire.

Nel frattempo, il Jet Propulsion Laboratory della NASA, che gestisce la missione, ha licenziato circa l’8% della sua forza lavoro.

In tutta la comunità scientifica, le persone stanno sostenendo le loro missioni, incontrando i legislatori sulla collina, cercando di spiegare perché vale la pena sostenere la ricerca che potrebbe sembrare esoterica al grande pubblico.

Ci sono alcune conversazioni difficili all’interno della comunità scientifica su quali compiti valga la pena investire in tempo con risorse limitate. Compiti “importanti” più costosi spesso minacciano di consumare il pranzo di compiti più piccoli. Sebbene il telescopio Webb ebbe un enorme successo, costò circa 10 miliardi di dollari e portava un segno memorabile: “Il telescopio che divorò l'astronomia“.

READ  Una veloce e misteriosa esplosione radio che ha viaggiato per 8 miliardi di anni per raggiungere la Terra

Come telescopio a raggi X, Chandra non è versatile come i telescopi spaziali Hubble o Webb quando si tratta di produrre immagini degne di un poster, quindi non ha lo status di celebrità di quegli osservatori. Ma ha accumulato una lunga lista di scoperte, alcune delle quali nell’entroterra Cooperazione con i telescopi Che vengono osservati a diverse lunghezze d'onda. Nel 2015, le osservazioni di Chandra hanno catturato un buco nero che faceva a pezzi una stella. A novembre, le osservazioni di Chandra sono state fondamentali per la scoperta di un buco nero supermassiccio in una galassia distante 13 miliardi di anni luce, ritenuto il buco nero più antico e distante del suo genere. L'ho guardato finora.

Se Chandra venisse ridotta al minimo, si prevede che circa 80 persone perderanno il lavoro.

“Ho iniziato a lavorare su Chandra subito dopo essermi laureato nel 1988”, afferma Pat Slane, 68 anni, direttore del Chandra X-Ray Center di Cambridge, Massachusetts. “È stata tutta la mia carriera”.

“Abbiamo appena ricevuto proposte la scorsa settimana per Chandra Notes l'anno prossimo e abbiamo ricevuto richieste in eccesso di un fattore cinque”, ha affermato Slan. “Dimostreremo che è ancora un osservatorio abitabile”.

Grant Tremblay, astrofisico del Centro di astrofisica Harvard-Smithsonian di Cambridge, è tra gli scienziati che sostengono la sopravvivenza di Chandra. Ha detto che la scomparsa del telescopio non porrà fine all’astronomia a raggi X, ma gli Stati Uniti perderanno la loro posizione di leader nel campo.

“Incoraggio gli scienziati di tutto il mondo. Non mi interessa quale scienza portano avanti”, ha detto Tremblay. “Ma è vero che gli Stati Uniti rinunceranno alla loro leadership nelle scoperte cosmiche”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto