ID ‘assassino del carrello della spesa’, corpo trovato nella contea di Fairfax – NBC4 Washington

La polizia della contea di Fairfax ha indagato su un uomo noto come “The Shopping Guard Killer” da quando le prime quattro vittime sono state uccise ad agosto.

La polizia dice che Anthony Robinson, 35 anni, è sospettato di essere un serial killer. Le autorità hanno detto in una conferenza stampa venerdì che Robinson era in custodia.

Gli investigatori ritengono che Robinson abbia incontrato le vittime su siti di incontri, sia andato in hotel con loro, le abbia uccise e poi abbia trasportato i loro resti nei carrelli della spesa. I resti gravemente decomposti delle due vittime sono stati ritrovati insieme in un container.

“Il nostro killer del carrello della spesa fa cose che non può dire alle sue vittime”, ​​ha detto Kevin Davis, capo della polizia del distretto di Fairfax.

La polizia ritiene che potrebbero esserci più vittime. Chiunque abbia informazioni è pregato di contattare la polizia.

Le forze dell’ordine hanno detto venerdì che l’avvocato di Robinson non ha rilasciato alcuna dichiarazione.

Robinson è noto per aver vissuto a Washington, nella contea di Prince George e a New York, ha detto Davis. Il leader ha affermato di non avere “nessuna storia criminale significativa” rispetto all’orrore dei crimini di cui è stato accusato.

Resti umani sono stati trovati mercoledì nella zona di Alessandria, nella contea di Fairfax, ha detto venerdì la polizia. I resti sono stati trovati in un container “zona alberata isolata” vicino a un carrello della spesa nel blocco 2400 di Fairhaven Avenue. Questo posto è a circa un miglio a sud della capitale Beltway.

Polizia di Harrisonburg Robinson è stato arrestato all’inizio di questo mese e accusato dell’omicidio di due donne Nella valle di Shenandoah. Anche il sospettato Una persona interessata alla scomparsa di una donna DC.

READ  I futures sulle azioni sono cambiati poco dopo che l'S&P 500 ha colpito il cross della morte

Resta sintonizzato su NBC Washington per ulteriori dettagli su questa storia in crescita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto