Il giudice respinge il caso del Texas contro la politica di immigrazione centrale nella strategia di frontiera di Biden

Venerdì un giudice federale ha respinto una causa intentata da funzionari repubblicani in Texas. Un programma federale Ha consentito a centinaia di migliaia di immigrati di volare negli aeroporti statunitensi ed è ora una politica centrale dell’agenda sull’immigrazione dell’amministrazione Biden.

La disputa è incentrata sul piano dell'amministrazione Biden consente Ogni mese circa 30.000 immigrati provenienti da Cuba, Haiti, Nicaragua e Venezuela entrano negli Stati Uniti se hanno sponsor finanziari statunitensi. A coloro che sono autorizzati a volare negli Stati Uniti in base a questa politica vengono concessi permessi di lavoro di due anni grazie all’uso senza precedenti da parte del presidente Biden di un’autorità per l’immigrazione nota come libertà condizionale umanitaria.

L’amministrazione Biden ha sostenuto che la politica scoraggia gli immigrati provenienti da questi quattro paesi colpiti dalla crisi dal viaggiare verso il confine tra Stati Uniti e Messico e dall’entrare illegalmente nel paese. Il piano è stato annunciato nel gennaio 2023 in concomitanza con un accordo bilaterale in cui il Messico ha accettato di accettare il ritorno degli immigrati entrati illegalmente negli Stati Uniti da Cuba, Haiti, Nicaragua e Venezuela.

Nella sua causa, il Texas ha affermato che il programma ignorava i limiti stabiliti dal Congresso sullo status di immigrazione legale e violava lo spirito del potere sulla libertà condizionale, sostenendo che dovrebbe essere utilizzato solo su base limitata.

Ma il giudice della Corte distrettuale degli Stati Uniti Drew Tipton ha stabilito venerdì che il Texas non aveva la legittimazione ad agire in giudizio perché non aveva dimostrato di essere stato “danneggiato” dal programma. Ha archiviato il caso senza pronunciarsi sulle affermazioni del Texas secondo cui l'iniziativa federale era illegale.

Secondo i dati interni del Dipartimento per la Sicurezza Interna ottenuti da CBS News, dall’8 febbraio più di 365.000 cubani, haitiani, nicaraguensi e venezuelani sono rientrati nella politica di sponsorizzazione dell’amministrazione Biden.

I rappresentanti del governatore del Texas Greg Abbott e del procuratore generale del Texas Ken Paxton, Mr. Due critici repubblicani accesi delle politiche di immigrazione di Biden non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento. Il Texas potrebbe presentare ricorso contro l'ordine di Tipton.

La sopravvivenza del programma di sponsorizzazione rappresenta un’importante vittoria legislativa per l’amministrazione Biden, che ha cercato di consolidare i percorsi di migrazione legale e di inasprire le norme sull’asilo. Dimensioni senza precedenti Sezione trasversale degli immigrati al confine tra Stati Uniti e Messico, con vari gradi di successo.

In una dichiarazione di venerdì, il ministro per la Sicurezza interna Alejandro Mayorkas ha affermato che “altri paesi in tutto il mondo stanno guardando all'iniziativa di sponsorizzazione” come modello per “affrontare la sfida dell'aumento dell'immigrazione irregolare che anche loro stanno sperimentando”.

Anche la Casa Bianca ha accolto favorevolmente la decisione di Tipton.

“La decisione del tribunale distrettuale si basa sul successo di questo programma, che ha ampliato i percorsi legali per i cittadini di Cuba, Haiti, Nicaragua e Venezuela. Persone che hanno uno sponsor in questo paese e superano il nostro rigoroso processo di valutazione, riducendo drasticamente il numero di cittadini provenienti da quei paesi. Attraversando il nostro confine sud-occidentale”, ha detto a CBS News il portavoce della Casa Bianca Angelo Fernandez Hernandez.

Anche il verdetto di venerdì è stato un risultato sorprendente sotto molti aspetti. Tipton, nominato dall’ex presidente Donald Trump, si è già pronunciato contro altre norme sull’immigrazione dell’amministrazione Biden, inclusa la nota del 2021. Ha ridotto la portata degli arresti A cura delle forze dell'ordine e dell'immigrazione degli Stati Uniti. Sig. Negli ultimi tre anni il Texas è riuscito in generale a convincere i giudici dei tribunali distrettuali federali dello stato a bloccare le politiche di immigrazione firmate da Biden.

Ma dopo l'annuncio del programma di sponsorizzazione, Tipton ha riconosciuto, a suo avviso, che l'ingresso illegale di immigrati provenienti da Cuba, Haiti, Nicaragua e Venezuela alla frontiera meridionale degli Stati Uniti è crollato.

Protezione delle dogane e della frontiera Statistiche In effetti, l’anno scorso ha mostrato un forte calo degli attraversamenti illegali delle frontiere da parte di immigrati provenienti da Cuba, Haiti e Nicaragua. Tuttavia, gli attraversamenti illegali del Venezuela hanno oscillato, a volte diminuendo in modo significativo e talvolta raggiungendo livelli record alla fine dello scorso anno. Negli ultimi anni più di 7,7 milioni di venezuelani sono fuggiti dalla loro patria a causa del collasso economico e dei disordini politici, rendendola la più grande popolazione sfollata del mondo. Statistiche delle Nazioni Unite.

“In conclusione, le parti concordano sul fatto che il numero di cittadini (cubani, haitiani, nicaraguensi e venezuelani) che entrano negli Stati Uniti è diminuito drasticamente dall'inizio del programma, e i dati lo riflettono”, ha scritto Tipton nella sua sentenza.

Guerline Jozef, direttore esecutivo della Haitian Bridge Alliance, che serve gli immigrati haitiani e li mette in contatto con gli sponsor americani, ha elogiato la sentenza di venerdì. Joseph ha definito il programma di sponsorizzazione una politica “essenziale” per coloro che ne hanno “più bisogno”, comprese le persone che cercano di fuggire da Haiti, ha osservato. Distrutto dalla guerra tra bande Nelle ultime settimane.

“È un'ancora di salvezza per molte persone ad Haiti, a Cuba, in Venezuela, in Nicaragua, che altrimenti non avrebbero modo di arrivare qui”, ha detto.

READ  40 La migliore spazzolino per cane del 2022 - Non acquistare una spazzolino per cane finché non leggi QUESTO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto