Il lander russo Luna-25 dichiara una “emergenza” prima di atterrare sulla superficie lunare

Sabato l’agenzia spaziale russa ha dichiarato una “emergenza” per la sua navicella spaziale Luna-25 – la prima missione lunare del paese in quasi mezzo secolo – poiché stava tentando di entrare in orbita prima di un atterraggio pianificato lunedì.

Sabato Roscosmos ha inviato un comando alle 14:10 ora di Mosca sollecitando la sonda a entrare in orbita di pre-atterraggio, ma “si è verificata un’emergenza sulla sonda spaziale e non le ha permesso di eseguire la manovra secondo i parametri richiesti”, ha disse. Ha detto nell’aggiornamento su Telegram che è stato riportato anche dall’agenzia di stampa statale russa TASS.

Roscosmos ha detto che gli specialisti stanno analizzando la situazione, senza fornire ulteriori dettagli.

Con gli sbarchi sulla luna russi e indiani che incombono, la corsa lunare sta prendendo piede

Luna-25 è il primo tentativo della Russia di atterrare sulla luna dal 1976. Il veicolo spaziale senza equipaggio è decollato dal cosmodromo di Vostochny nella regione orientale dell’Amur in Russia l’11 agosto, ora locale.

Ha già inviato le immagini del cratere Zeeman sulla Luna e avrebbe dovuto atterrare lunedì, due giorni prima Missione Indiana È impostato per toccare. La loro corsa per atterrare sul polo sud della luna arriva in mezzo a una corsa per stabilire una presenza lunare da paesi tra cui Stati Uniti e Cina.

Il lander russo ha un braccio robotico lungo 1,6 metri (circa 5 piedi e 3 pollici) con una paletta per raccogliere rocce, terra e polvere. Si prevede di operare per un anno sulla superficie lunare su a un compito Per studiare la formazione del Polo Sud, dove la NASA e altre agenzie hanno scoperto Effetti dell’acqua ghiacciata.

READ  Scopri una misteriosa macchia oscura sul pianeta Nettuno

Il Washington Post riferisce che l’accesso a quel ghiaccio è vitale per qualsiasi insediamento umano: non solo l’acqua può sostenere la vita, ma le sue parti componenti di idrogeno e ossigeno possono anche essere utilizzate come carburante per missili, rendendo potenzialmente la luna un punto di sosta per altre parti di il sistema solare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto