Il neozelandese Ardern etichetta le proteste contro i vaccini “importate” mentre la folla sfida le chiamate ad andarsene

WELLINGTON (Reuters) – Il primo ministro neozelandese Jacinda Ardern ha dichiarato lunedì di ritenere che le manifestazioni contro il mandato di un vaccino contro il COVID-19, che ora sta entrando nella sua seconda settimana, siano un fenomeno “importato” e niente di simile a qualsiasi cosa avesse visto prima in Paese. .

Centinaia di manifestanti continuano ad occupare i prati davanti all’iconico “alveare” del Parlamento per il settimo giorno, ignorando le ripetute chiamate della polizia per andarsene e senza controllo a causa della forte pioggia durante il fine settimana.

Ispirandosi alle manifestazioni anti-vaccino dei camionisti in Canada, i manifestanti hanno anche bloccato diverse strade intorno al Parlamento con i loro camion, risciò e motociclette.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Mi sento come una protesta importata”, ha detto Ardern all’emittente statale TVNZ in un’intervista.

“Ho visto le bandiere di Trump in giardino, ho visto le bandiere canadesi in giardino”, ha detto, riferendosi alle foto dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump che alcuni manifestanti hanno portato e alla situazione in Canada.

In una conferenza stampa nel corso della giornata, Ardern ha affermato che i manifestanti hanno chiesto al governo di rimuovere tutte le misure di salute pubblica relative al virus COVID-19.

READ  Le obbligazioni sono state danneggiate mentre i noleggiatori di aerei cercano di recuperare aerei bloccati in Russia

“Ciò significa che nello stesso momento in cui stiamo assistendo a un aumento dei casi e un aumento dei rischi per la salute pubblica e il benessere in Nuova Zelanda, vogliono vedere la rimozione delle misure che ci hanno mantenuti al sicuro e in salute. perdonami se guardo attentamente a questo suggerimento “, ha detto Ardern.

Le proteste sono iniziate come una presa di posizione contro i mandati sui vaccini, ma sono state raggiunte da gruppi che chiedono la fine delle restrizioni COVID-19, il rifiuto delle vaccinazioni, oltre a richiamare l’attenzione su altre questioni sociali come la censura e i diritti dell’etnia Maori Comunità. Al culmine delle proteste, si stima che abbiano partecipato migliaia di manifestanti.

La Nuova Zelanda, con una popolazione di cinque milioni di abitanti, ha il numero più basso di casi di COVID-19 al mondo, in gran parte a causa delle rigide restrizioni alle frontiere e delle restrizioni sociali del coronavirus.

I casi di variante giornaliera di Omicron sono aumentati, tuttavia, a quasi 1.000 lunedì, poiché alcune restrizioni locali sono state allentate questo mese.

Tuttavia, i confini del paese rimangono chiusi con decine di migliaia di espatriati neozelandesi isolati dalle loro famiglie.

Lunedì l’Alta Corte ha iniziato l’udienza di una causa contro il governo intentata da un gruppo che rappresenta i neozelandesi che ha accusato lo stato di negare illegalmente ai cittadini il diritto di entrare nel Paese.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reporting di Praveen Menon Montaggio di Kenneth Maxwell e Kim Coogill

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
3,596FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles