Il primo verme parassita vivo al mondo trovato nel cervello di una donna australiana | Notizie sulla salute

Il verme, che si trova comunemente nei pitoni tappeto, è stato scoperto dopo che il 64enne aveva sviluppato sintomi tra cui l’amnesia.

Un verme parassita vivo è stato trovato nel cervello di una donna australiana di 64 anni, segnando il primo caso di infezione nell’uomo.

La scoperta è stata fatta dopo che medici e ricercatori dell’Università Nazionale Australiana (ANU) e dell’Ospedale di Canberra hanno trovato vivo nella donna un nematode di 8 cm.

Il nematode Opitascaris robertsii – il suo ospite abituale, il pitone tappeto – estratto da un paziente dopo un intervento chirurgico al cervello – è vivo e si contorce. Si sospetta che le larve del verme possano aver infettato altri organi del corpo della donna, compresi i polmoni e il fegato.

“Questo è il primo caso umano di Ophidascaris descritto nel mondo”, ha detto in una nota Sanjaya Senanayake, specialista in malattie infettive presso l’ANU e l’ospedale di Canberra.

“A nostra conoscenza, questo è il primo caso che coinvolge il cervello di un essere umano o di qualsiasi altra specie di mammifero.

“Le larve dei nematodi si trovano solitamente nei piccoli mammiferi e nei marsupiali che vengono mangiati dai pitoni, consentendo loro di completare il ciclo vitale del serpente.”

I ricercatori hanno pubblicato i loro risultati Malattie infettive emergenti Secondo il giornale, la donna probabilmente ha contratto l’infezione dalle erbe Warrigal, una specie di erba autoctona, che raccoglieva vicino a casa e poi cucinava.

Le erbe sono l’habitat dei pitoni, che espellono le uova del parassita nelle feci.

I nematodi Opitascaris robertsii sono comuni nei pitoni tappeto e vivono nell’esofago e nello stomaco del pitone.

READ  Il produttore cinese di auto elettriche Neo ha lanciato un rivale della Model Y di Tesla

Descritti dall’ANU come “incredibilmente resistenti”, i worm possono prosperare in un’ampia gamma di ambienti.

“Larve microscopiche”

I ricercatori affermano che la donna, originaria dello stato sud-orientale del Nuovo Galles del Sud, potrebbe essere stata infettata dopo aver toccato o mangiato l’erba autoctona.

Carina Kennedy, direttrice di microbiologia clinica presso l’ospedale di Canberra e professoressa associata presso la Scuola di Medicina dell’ANU, ha affermato che i sintomi della donna sono comparsi per la prima volta nel gennaio 2021 e sono peggiorati nell’arco di tre settimane, portandola al ricovero in ospedale.

“Inizialmente ha sviluppato dolore addominale e diarrea, seguiti da febbre, tosse e respiro corto. In retrospettiva, questi sintomi potrebbero essere dovuti alla migrazione delle larve di nematodi dall’intestino e ad altri organi come fegato e polmoni. Campioni respiratori “È stata eseguita una biopsia polmonare; tuttavia, questi campioni non mostravano parassiti. Non è stato identificato nulla”, ha detto.

“A quel punto, cercare di identificare larve microscopiche che non erano ancora state identificate come causa di infezione umana era come trovare un ago in un pagliaio.”

Nel 2022, la donna soffriva di dimenticanza e depressione, spingendo una scansione MRI, che mostrò una lesione al cervello.

Quando un neurochirurgo dell’ospedale lo esaminò, rimase scioccato nel trovare il verme, la cui identità fu confermata dai parassitologi.

Senanayake ha affermato che il caso sottolinea il rischio di diffusione della malattia dagli animali all’uomo.

“Ci sono stati circa 30 nuovi contagi nel mondo negli ultimi 30 anni. Circa il 75% delle infezioni emergenti in tutto il mondo sono zoonotiche, nel senso che si diffondono dal mondo animale a quello umano. Ciò include i virus corona”, ha affermato.

READ  Blocco della MLB: aggiornamenti in tempo reale mentre la MLBPA e i proprietari continuano le trattative prima della scadenza del campionato

“Questa infezione da Opitascaris non si diffonde tra le persone, quindi non provoca un’epidemia come la SARS, il COVID-19 o l’Ebola. Tuttavia, il serpente e i suoi parassiti si trovano in altre parti del mondo, quindi altri casi verranno riconosciuti in altri paesi nei prossimi anni.

La donna, che non si è ripresa del tutto dalla polmonite dopo aver contratto il verme, è monitorata da specialisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto