Il procuratore speciale ha criticato l’idea che Trump possa richiedere documenti classificati come documenti personali

Il procuratore speciale Jack Smith ha risposto martedì al giudice che supervisiona il caso dei documenti riservati dell'ex presidente Donald Trump, esortandolo a riconsiderare l'idea secondo cui Trump aveva la proprietà personale di materiale riservato di cui è accusato di possedere illegalmente.

In una dichiarazione di mezzanotte in risposta all'ordine del giudice Eileen Cannon del mese scorso, si cercavano istruzioni proposte alla giuria che sembravano prendere per valore ciò che gli esperti legali sostenevano fosse una delle difese più marginali di Trump: cioè che l'ex presidente aveva un'incontrollata capacità di avanzare pretese. . Smith ha sostenuto che accettare un argomento del genere era “pura finzione” – tutti i documenti classificati come sua proprietà personale – ma era “immeritato e pericoloso” rispetto a tutte le prove raccolte dal governo come parte del loro caso.

Tali fonti, secondo Smith, includono interviste con gli avvocati di Trump che si occupano dei documenti presidenziali e con “numerosi” alti funzionari della Casa Bianca, nessuno dei quali “ha sentito Trump dire che stava commissionando documenti privati”.

“Al contrario, ogni testimone a cui è stata posta questa domanda non aveva mai sentito una cosa del genere”, ha detto l'ufficio di Smith.

L'ufficio di Smith ha ripetutamente esortato Cannon a “notificare le parti di tale decisione prima del processo” se il presidente persegue tale interpretazione della legge sui documenti, suggerendo di chiedere sollievo alla Corte d'Appello dell'11a Circoscrizione. , che ha già ribaltato due volte la sua sentenza.

“Il governo avrebbe dovuto avere l'opportunità di prendere in considerazione una revisione d'appello prima che si corresse il rischio”, si legge nella dichiarazione.

READ  Robert Thurst condannato all'ergastolo per aver ucciso la sua amica Susan Berman

Trump si è dichiarato colpevole lo scorso anno di tutte le accuse di aver maneggiato materiale riservato dopo aver lasciato la Casa Bianca dopo che i pubblici ministeri avevano affermato che si era ripetutamente rifiutato di consegnare centinaia di documenti contenenti informazioni riservate che andavano dai segreti nucleari statunitensi alle capacità di difesa della nazione. I tentativi del governo di recuperare i documenti dovrebbero essere contrastati. L'ex presidente ha condannato l'indagine come una caccia alle streghe politica.

Nella loro dichiarazione, l'ufficio del procuratore speciale ha citato una precedente opinione dell'11° Circuito, sostenendo che avrebbero dovuto chiarire a Cannon che Trump non aveva alcun interesse personale nei documenti sequestrati dall'FBI nel 2022 nella tenuta di Trump a Mar-a-Lago. “Il querelante non ha alcun interesse personale nei documenti in questione, e pertanto non subirebbe un danno significativo se gli Stati Uniti esaminassero documenti in cui non possiede o non ha un interesse personale”, si legge nella dichiarazione.

Nell'ambito della documentazione, l'ufficio di Smith ha rivelato le comunicazioni in corso tra la squadra di Trump e Tom Fitton, capo del gruppo conservatore Judicial Watch, che secondo loro mostravano la sua ammissione nel febbraio 2022. Il caso era presidenziale, non personale.”

Secondo il documento, mentre Fitton consigliava a un membro anonimo dello staff di Trump che i registri che Trump teneva a Mar-a-Lago “dovevano essere classificati come privati”, un altro membro dello staff esortava Trump a respingere tale argomento e spiegargli il motivo.

READ  How to Think and Act in the Plummeting Stock Market

“Tuttavia, il 10 febbraio 2022, Trump ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava: 'Sono stato informato che non ho alcun obbligo di fornire materiale sulla base di varie sentenze legali emesse nel corso degli anni'”, si legge nel documento. Non ho mai sentito questa teoria da Trump prima. Febbraio 2022 Nessun altro testimone ha ricordato che Trump sosteneva questa teoria fino a quando il capo di Judicial Watch non glielo ha detto.

Nella loro successiva documentazione, il consulente speciale ha incluso bozze di quelle che secondo loro erano istruzioni “errate” della giuria che facevano ipotesi su ciò che l'ordine del giudice Cannon avrebbe consentito agli ex presidenti di fare:

Esempi inclusi:

“Vi avverto, tuttavia, che per quanto riguarda un ex presidente, anche se non ha un nulla osta di sicurezza, non ha bisogno di conoscere informazioni riservate e conserva informazioni al di fuori di una struttura sicura, se esistono informazioni classificate, lui ha l'autorità per farlo. È contenuto in un “documento personale”, perché tale periodo è limitato dal Presidential Records Act (PRA), che stabilisce la proprietà pubblica dei documenti presidenziali e garantisce che i documenti presidenziali siano conservati per l'accesso del pubblico dopo la fine del mandato del presidente.”

“Vi consiglio inoltre che, indipendentemente dalle definizioni statutarie che ho fornito, il Presidente ha l'autorità non rivedibile di designare qualsiasi documento come privato. Prima della fine del suo mandato, il Presidente trasferisce i documenti dalla Casa Bianca a qualsiasi altro luogo rispetto alla National Archives and Records Administration, come accusato. Come notato, ha usato la sua autorità non rivedibile per rendere privati ​​quei documenti. Possiedili e non potrai ritenerlo colpevole.

READ  Concert Therapy: Breathtaking Barbados Snorkeling Experience

In risposta all'ordine del giudice Cannon, la squadra di Trump ha presentato varie ipotetiche istruzioni alla giuria che avrebbero garantito l'immediata assoluzione della giuria di Trump.

Tra loro:

“In qualità di presidente degli Stati Uniti, il presidente Trump ha diritto alla cosiddetta 'autorità di classificazione originaria' in base alla sua autorità ai sensi della Costituzione e delle leggi correlate, il che significa che l'autorità esercitata da lui e da altri gli è stata concessa. Per declassificare le informazioni … In qualità di Presidente degli Stati Uniti, il Presidente Trump ha la piena e completa autorità di declassificare documenti e informazioni. Aveva anche un'autorità non verificabile… Durante le udienze avete sentito prove che il Presidente Trump ha utilizzato tale autorità a volte verbalmente e a volte in modo non appropriato procedure mentre era presidente, e quelle decisioni di classificazione sono esempi dell'uso corretto e giuridicamente appropriato dell'autorità di classificazione da parte del presidente Trump mentre era presidente degli Stati Uniti. Ve lo consiglio.”

L'udienza di Trump sui documenti riservati è attualmente fissata per il 20 maggio, ma il giudice Cannon dovrebbe posticipare tale data a seguito delle recenti discussioni di entrambe le parti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto