La Disney Succession Saga manterrà il fuoco su Bob Iger dopo una battaglia per procura

I verbali mettono fine all'aspra battaglia per procura della Disney con Nelson Peltz, la cui offerta di espandere il consiglio rappresenta una sfida diretta al CEO Bob Iger.

Salvo casi in sospeso, i risultati della votazione saranno rivelati ai membri del Consiglio di amministrazione mercoledì in occasione dell'assemblea annuale degli azionisti della Società alle 13:00 ET/10:00 PT. (Le urne chiudono ufficialmente stasera alle 23:59 ET.) Iger ha combattuto, e ha autorizzato una spesa di 40 milioni di dollari, per schiacciare l'investitore attivista intromesso, ma sia che abbia vinto o perso, ha definito la lotta attraverso una successione fallita.

Cambiare il regime in difficoltà divenne il grido di battaglia di Peltz, molto più urgente delle sue idee sulla strategia. Ecco perché correre è così difficile. L'ISS, il più influente servizio di consulenza per delega, ha inferto forse il colpo più grande alla società appoggiando Peltz in una mossa che ricorda quella di negare i voti all'allora amministratore delegato Michael Eisner nel 2004 durante l'epica resa dei conti finale all'incontro annuale.

Questa volta, la società ha citato in gran parte un processo di successione fallito nel 2020, quando Iger si è dimesso improvvisamente quando il Covid ha iniziato a capovolgere il mondo e ha nominato Bob Chapek, che era ancora vivo in azienda, come CEO. Il consiglio ha sostenuto il passaggio del testimone “è vero che non ha seguito il processo delineato per l'attuale strategia di successione”, ha detto l'ISS, aggiungendo che i membri del consiglio “si sono semplicemente fidati del giudizio di Iger senza condurre una due diligence più rigorosa”. Un'altra strana decisione è stata che Iger sarebbe rimasto nel mix come CEO per supervisionare il lato creativo dell'azienda, e ci si aspettava che si scontrasse con Chapek.

READ  Nvidia, Eaton e Wells Fargo ottengono aumenti degli obiettivi di prezzo del club dopo gli aumenti

“La Disney ha pianificato molto bene e sembra che abbia funzionato per noi”, afferma un analista di Wall Street. “Mi dà ancora davvero fastidio.”

L'ISS ha affermato che la presenza di Peltz potrebbe rassicurare gli altri investitori sul fatto che il consiglio questa volta è adeguatamente impegnato.

Iger ha ottenuto il sostegno per la direzione della società da un illustre elenco di governatori, tra cui il CEO di JPMorgan Chase Jamie Dimon, Eisner, George Lucas, Laurene Powell Jobs e la famiglia Disney. Nonostante ciò, Peltz ha vinto, oltre all'ISS, il più grande fondo pensione CalPERS e Egan-Jones, un proxy advisor più piccolo.

I rapporti indicavano che la Disney aveva il vantaggio nel voto. Tuttavia, poiché la concorrenza è più dura del previsto, in molti ambienti dell’industria dell’intrattenimento si parla che l’azienda dovrà decidere chi sarà il prossimo CEO subito dopo che le acque dell’agenzia si saranno calmate. Il contratto di Iger, che è già stato prorogato una volta dal suo ritorno nel 2022, durerà fino al 2026. Sono stati identificati quattro candidati interni: i co-presidenti della divisione intrattenimento Dana Walden e Alan Bergman; il capo del dipartimento parchi Josh D'Amaro; e il presidente di ESPN Jimmy Pitaro. C'è anche una scuola di pensiero che la Disney potrebbe raggiungere al di fuori dell'azienda e sfruttare un grande nome nel mondo della tecnologia, soprattutto mentre si riposiziona per lo streaming. Non importa chi è stato cancellato, qualche danno è stato fatto.

“Iger ha capito questo”, dice un dirigente dello studio rivale, “lo fa sembrare arrogante e indeciso, e questo ferisce la Disney”. “Tutte le persone che sono state ignorate, la debacle di Chapek, la proroga del contratto (l’anno scorso), il consiglio deve avere la possibilità di svolgere il proprio lavoro ora”, ha aggiunto l’amministratore delegato.

READ  Le commissioni immobiliari potrebbero diminuire dopo l'accordo con gli agenti statunitensi

Un altro esperto del settore lo ha detto in modo più schietto: “Qualcuno deve dirlo a Bob, non c’è nessuno che non possa sostituire”.

Per alcuni osservatori, quella persona potrebbe essere James Gorman, che è stato coinvolto nel processo di successione lo scorso anno alla Morgan Stanley quando ha ceduto le redini della società prima di entrare nel consiglio di amministrazione della Disney a febbraio.

Il dirigente bancario è visto nell'alta borghesia della città come qualcuno che Iger considera suo pari e che ascolta. “Che sia d’accordo o meno, Gorman sa che la percezione è che il consiglio sia innamorato di Iger, e lui non sarà in disaccordo”, osserva un alto funzionario del settore.

La settimana scorsa, Gorman ha detto alla CNBC: “Quando sono entrato nel consiglio, la cosa su cui mi sono concentrato era che avevano un rigoroso processo di successione”. Notando che un comitato per la successione guidato dal presidente della Disney Mark Parker si è riunito a febbraio “ed è previsto che si riunisca altre otto o nove volte quest’anno”, Gorman ha osservato: “Ho appena affrontato un enorme processo di successione alla Morgan Stanley e lo ammiro. ” l'operazione.”

Le denunce di successione precedono Chapek, che è stato estromesso nel novembre del 2022 con Iger paracadutato di nuovo come amministratore delegato.

Gli analisti di Wall Street hanno ancora nostalgia di Tom Staggs, l’ex CFO e COO che si stava preparando per la successione prima di essere lasciato cadere, inizialmente contro Jay Rasulo, che anche Iger aveva lasciato. Rasulo ha lasciato la Disney nel 2015. Staggs è uscito nel 2016. (Anche il management del Trian Fund di Peltz ha nominato Rasulo nel consiglio, ma non ha ricevuto la stessa attenzione.) Due anni dopo, Kevin Mayer, responsabile dello streaming presso The Disney e responsabile strategico il dottore in pianificazione, ampiamente considerato il probabile successore di Iger, è uscito nel 2020 dopo che Chapek si è assicurato il lavoro più importante. “Sono sicuro che col senno di poi avrebbe scelto Kevin Mayer”, ha detto l'analista.

READ  Aggiornamento 3: la New York Commercial Bank ha concluso un'iniezione di capitale da 1 miliardo di dollari e ha annunciato un frazionamento azionario

Si tratta di “successione e governo”. “Non è solo che una volta che sanno chi dovrebbe essere il nuovo CEO, possono darsi una pacca sulle spalle e dire: 'Buon lavoro'”, ha detto a Deadline Michael Levin, della società di consulenza The Activist Investor. Ha chiaro le sue intenzioni e non è il solo a criticare questo argomento, espresso da molti investitori negli ultimi quindici anni.

Ha aggiunto: “Ci deve essere qualche cambiamento nel modo in cui questo consiglio vede il suo ruolo”. Innanzitutto, avrebbe potuto fare un lavoro migliore parlando con CalPERS: “non due mesi fa, due anni fa… È un consiglio molto concentrato su se stesso”.

Questa lotta per procura “dovrebbe servire da vero campanello d'allarme per questo consiglio che ha bisogno di maggiore controllo”.

“Si vede che gli azionisti sono in conflitto”, afferma un altro analista. La successione ora “sarà un processo molto più completo… penso che abbiano dovuto imparare fin dalla prima volta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto