CronacaTrappeto

Il ritratto di Pino Vitale: “Nessun ha avuto consenso personale pari al suo”. Arriva anche il ricordo commosso delle minoranze

Lo storico locale Benedetto Zenone traccia un pofilo di Pino Vitale mentre i consiglieri di minoranza esprimono cordoglio per la scomparsa dell'ex Sindaco trappetese



Mentre arriva la proclamazione di lutto cittadino per il 19 maggio giorno dei funerali del compiato ex sindaco di Trappeto Giuseppe Vitale, abbiamo chiesto allo storico locale Benedetto Zenone di tracciare l’esperienza politica di Vitale partita al fianco di Filippo Bologna nel 1997 ed conclusa 20 anni dopo con la sua ricandiatura al fianco della lista civica “Trappetesi”.

«Nel novembre 1997 – scrive Zenone – Vitale si presenta ai seggi candidato con prof. Filippo Bologna che diventa sindaco, di quella legislatura è vicepresindente del Consiglio. Dal 27 maggio 2002 sino al 13 maggio 2007 è consigliere d’opposizione al sindaco Vito Lo Grasso mentre alle amministrative del 14 maggio 2007 è vice sindaco di Pino Muscolino, carica a cui rinuncia dopo pochi mesi per divergenze con l’allora primo cittadino, il suo posto come vice Muscolino viene preso da Salvatore Orlando mentre Vitale resta tra le fila dell’opposizione fino a fine mandato. Il 6 e 7 maggio 2012 Pino Vitale si candida a sindaco e vince contro Pino Muscolino, conclude il suo mandato nel 2017, nello stesso anno si presenta con quasi come da outsider sfidando Salvatore Cutrò e Santo Cosentino classificandosi al terzo posto con poco scarto sui due avversari. Dal punto di vista politico – conclude Zenone – era una gioiosa macchina da guerra, capace di ottnere preferenze ovunque. Nessun politico trappetese ha avuto consenso personale come lui. Persona sempre disponibile e pronta a risolvere i problemi di chiunque, amico o avversario politico. Incapace di portare risentimento, cordiale con tutti.».

In queste ore sono arrivati i messaggi di cordoglio dei consiglieri comunali. Nello specifico sono le tre anime di minoranza che affidano ai social un ricordo di Giuseppe Vitale. Parole tottcanti quelle dei consiglieri Nancy Bologna e Salvo Randazzo, attuale espressione in consiglio comunale di quella che è stata l’ultima esperienza elettorale di Vitale nel 2017: «Sapevamo che il nostro Pino Vitale stava conducendo la sua silenziosa grande battaglia, ma mai avremmo potuto credere che avrebbe ceduto, perché chi lo conosce sa come è fatto, un grande lottatore vincente. Chi è Pino Vitale? È un grande Amico, dalle doti rare: leale, sincero, altruista, disponibile con tutti, aperto al dialogo e al mondo, affidabile, onesto, umile, che non si dà arie, alla portata di tutti. Questo è stato Pino Vitale per Trappeto e per i Trappetesi, un grande uomo che per rappresentare al meglio la sua amata cittadina indossava in maniera ordinata il vestito più bello e con cravatta, quello che rende onore e rappresenta al meglio la sua terra, il suo mare, la sua Trappeto. Ha amato tutti e ha dato tutto se stesso per gli altri. Trappeto non ti dimenticherà mai!».

Intenso anche il messaggio di Maurizio Alfano che con Pino Vitale ha partecipato all’ultima tornata elettorale ed è stato eletto in consiglio proprio tra le fila della lista civica “Trappetesi” rappresentata dal compianto ex sindaco: «Quando penso a Pino, penso ad un uomo di altri tempi, un signore nella vita, nel lavoro e nella politica. Non conosceva la parola no, non sapeva sottrarsi alle richieste di nessuno, la sua comunità, il suo paese, non li distingueva dalla propria famiglia ed il suo dogma era il fare. Ha saputo infondere nella politica di questo paese, entusiasmo ed efficenza come solo lui sapeva fare, riuscendo a portare verso di se sia il più fine intellettuale che il più umile degli operai. Da oggi, siamo tutti più poveri, abbiamo perso un trappetese, ma di lui rimane indelebile un modello, a cui spero si inspirino gran parte di noi. Il mio cordoglio, la mia vicinanza va alla sua famiglia ed a tutti i suoi cari.».

Infine anche il consigliere Salvatore Cutrò, ex sindaco della cittadina trappetese ed avversario di Vitale alle amministrative del 2017 ha voluto ricordare il collega con un messaggio rivolto alla famiglia: «Se ne va un amico ed un personaggio importante per la comunità trappetese. Il mio pensiero va alla famiglia di Giuseppe Vitale, alla moglie Rosalia ed ai figli Gianpiero ed Angela. Pino Vitale è stato un uomo disponibile e gentile e questi valori lo hanno distinto tra tutti. Con lui ho condiviso l’ultima campagna elettorale sia pure da avversari ma all’insegna del rispetto e della genuinità, virtù di cui Pino era portatore. Oggi è un giorno triste per tutti i trappetesi che perdono una persona dalla grande umanità.».

Articoli Correlati

Back to top button
Close