Il russo Prigozhin fu sepolto tranquillamente nella sua città natale, San Pietroburgo

  • Un funerale tranquillo per un maestro dell’autopubblicità
  • La segretezza impedisce a grandi folle di commemorare la sua morte
  • Putin si allontana dal funerale
  • La Casa Bianca suggerisce che dietro la morte di Prigozhin ci sia il Cremlino
  • Prigozhin è tra le 10 persone morte in un incidente aereo

SAN PIETROBURGO, Russia (Reuters) – Il comandante mercenario russo Yevgeny Prigozhin è stato sepolto pacificamente in un cimitero alla periferia di San Pietroburgo martedì, sei giorni dopo essere stato ucciso da un aereo non identificato. Si blocca.

Il funerale si è svolto lontano dall’attenzione dei media e in netto contrasto con lo sfrontato stile di autopubblicità con cui Prigozhin, con spietatezza e ambizione, ha consolidato la sua reputazione in Russia e all’estero.

E il suo servizio stampa ha detto in un breve post sull’applicazione Telegram: “Evgeny Viktorovich è stato salutato in privato. Chi desidera vederlo può visitare il cimitero Porokhovskoye”.

Prigozhin, due soci senior del Gruppo Wagner e quattro guardie del corpo erano tra le 10 persone uccise quando il suo aereo privato Embraer Legacy 600 si schiantò a nord di Mosca il 23 agosto.

È morto due mesi dopo aver organizzato una breve insurrezione contro l’establishment della difesa, la più grande sfida al governo del presidente Vladimir Putin da quando è salito al potere nel 1999.

Foto e video di Reuters martedì scorso hanno mostrato la tomba di Prigozhin ricoperta di fiori nel cimitero boscoso, con una forte presenza di agenti di polizia e membri della Guardia nazionale di Rosgvardia vicino ad essa.

L’agenzia di stampa indipendente Agentstvo ha citato un dipendente del cimitero che ha affermato che alla cerimonia hanno partecipato solo 20-30 persone tra amici e parenti e che è durata solo 40 minuti.

READ  Uragano Lee - Live: La tempesta si sta rapidamente rafforzando mentre si dirige verso le isole dei Caraibi

E a Washington, l’addetta stampa della Casa Bianca, Karen Jean-Pierre, ha fatto la sua dichiarazione più forte finora sulla possibilità che il presidente russo Vladimir Putin abbia ordinato l’uccisione di Prigozhin.

“Sappiamo tutti che il Cremlino ha una lunga storia di uccisioni di dissidenti”, ha detto. “È molto chiaro quello che è successo qui.”

La segretezza che circondava il funerale ha fatto sì che non potesse trasformarsi in una dimostrazione pubblica di sostegno su larga scala a Prigozhin, una figura brutale ammirata da alcuni in Russia per il suo coinvolgimento nelle più feroci battaglie della guerra in Ucraina e per la sua schiettezza. Sulle carenze dell’esercito russo e della sua leadership.

Negli ultimi giorni, i fan hanno deposto fiori nei santuari improvvisati di Prigozhin a Mosca, San Pietroburgo e altrove.

Il Cremlino ha respinto l’affermazione secondo cui Putin avrebbe ordinato il suo omicidio come vendetta per la ribellione di giugno, definendola una “menzogna assoluta”. Martedì aveva detto in precedenza che il presidente non avrebbe partecipato al funerale.

Mercenario ribelle

Dopo aver insultato per mesi i vertici di Putin con una serie di insulti grossolani e gergo carcerario per il loro percepito fallimento nel portare avanti la guerra in Ucraina nel modo giusto, Prigozhin ha preso il controllo della città meridionale di Rostov alla fine di giugno.

I suoi caccia abbatterono numerosi aerei russi, uccidendone i piloti, e avanzarono verso Mosca, prima di tornare a 200 km dalla capitale. In un primo momento, Putin ha definito Prigozhin un traditore la cui ribellione avrebbe potuto spingere la Russia nella guerra civile, anche se in seguito ha stretto un accordo con lui per disinnescare la crisi.

READ  Le Filippine affermano che tre pescatori sono stati uccisi dopo che la loro barca è stata speronata da una nave "straniera" nel Mar Cinese Meridionale

Il giorno dopo l’incidente, Putin ha inviato le sue condoglianze alle famiglie delle persone uccise e ha affermato di conoscere Prigozhin da molto tempo, dai caotici anni dei primi anni ’90.

“Era un uomo con un destino difficile, che ha commesso gravi errori nella vita”, ha detto Putin, descrivendolo come un uomo d’affari di talento.

Prima dell’ammutinamento, Prigozhin ha scherzato dicendo che il suo titolo avrebbe dovuto essere “macellaio di Putin” piuttosto che “chef di Putin” – un titolo che ha acquisito dopo che la sua società di catering ha vinto contratti dal Cremlino. Ha sempre dichiarato lealtà a Putin, anche se ha affermato che il suo ministro della Difesa, Sergei Shoigu, era così incompetente che avrebbe dovuto essere giustiziato per il suo tradimento.

Dopo la morte di Prigozhin, Putin ha ordinato ai combattenti di Wagner di firmare un giuramento di fedeltà allo Stato russo, una mossa che Prigozhin si è opposto a causa della sua rabbia nei confronti del Ministero della Difesa, che secondo lui rischiava di perdere la guerra in Ucraina.

Domenica gli investigatori hanno affermato che i test genetici avevano confermato l’identità di tutte le 10 persone uccise nell’incidente, inclusi due piloti e un assistente di volo.

Martedì scorso, Valery Chekalov, capo del dipartimento logistico di Wagner, è stato sepolto in un altro cimitero di San Pietroburgo. Alla sua famiglia si unirono dozzine di persone, alcune identificate dalla Reuters come mercenari Wagner e dipendenti dell’impero commerciale di Prigozhin.

Un prete ortodosso russo ha guidato le preghiere e ha agitato un incensiere davanti alla bara di Chekalov, e le persone in lutto si sono avvicinate per baciarlo.

READ  L'uragano Lee si trasforma in una tempesta di categoria 5 "estremamente pericolosa": ultime previsioni e modelli

Nello schianto rimase ucciso anche Dmitry Utkin, il braccio destro di Prigozhin, cofondatore di Wagner e massimo comandante militare del gruppo.

L’incertezza circonda ora il destino del grande impero commerciale di Prigozhin, comprese le operazioni mercenarie in diversi paesi africani dove ha concluso importanti affari minerari per oro e diamanti ed è stato determinante per il Cremlino nel promuovere gli interessi di sicurezza russi in concorrenza con potenze rivali come Francia e Stati Uniti. Stati. Stati.

Scritto da Mark Trevelyan e Jay Faulconbridge. Montaggio di John Boyle, Alex Richardson e Alistair Bell

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto