Il Segretario Generale delle Nazioni Unite afferma che le morti a Gaza mostrano qualcosa di “sbagliato” nelle tattiche israeliane

NEW YORK (Reuters) – Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha affermato mercoledì che il numero di civili uccisi nella Striscia di Gaza dimostra che c’è chiaramente qualcosa di sbagliato nelle operazioni militari israeliane contro i militanti palestinesi di Hamas.

Israele si è impegnato ad eliminare Hamas, che governa la Striscia di Gaza, dopo che i militanti hanno ucciso 1.400 persone e preso in ostaggio più di 240 persone in un attacco il 7 ottobre. Israele ha bombardato dal cielo la Striscia di Gaza, abitata da 2,3 milioni di persone, ha imposto un assedio e ha lanciato un’invasione di terra.

“Ci sono violazioni da parte di Hamas quando hanno scudi umani”, ha detto Guterres alla conferenza Reuters Next, “ma quando si guarda al numero di civili uccisi nelle operazioni militari, qualcosa è chiaramente sbagliato”.

Funzionari palestinesi hanno affermato che finora a Gaza sono state uccise 10.569 persone, il 40% delle quali erano bambini.

“È anche importante far capire a Israele che non è nel suo interesse vedere ogni giorno il terribile quadro dei tragici bisogni umanitari del popolo palestinese”, ha detto Guterres. “Questo non aiuta Israele in termini di opinione pubblica mondiale”.

Pur condannando fermamente l’attacco di Hamas a Israele, Guterres ha affermato: “Dobbiamo distinguere: Hamas è una cosa e il popolo palestinese è un’altra cosa”.

“Se non facciamo questa distinzione, credo che sarà l’umanità stessa a perdere il suo significato”, ha detto Guterres.

Guterres ha paragonato il numero di bambini uccisi a Gaza con il bilancio dei conflitti nel mondo, che riferisce ogni anno al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Lunedì ha detto che Gaza è diventata un “cimitero per i bambini”.

READ  La Russia afferma che i suoi aerei da combattimento hanno distrutto la "nave da ricognizione" ucraina nel Mar Nero | notizie di conflitto

“Ogni anno, il numero più alto di uccisioni di bambini da parte di qualsiasi attore in tutti i conflitti a cui assistiamo è dell’ordine delle centinaia”, ha detto Guterres.

E ha aggiunto: “Nel giro di pochi giorni, migliaia e migliaia di bambini sono stati uccisi a Gaza, il che significa che c’è un evidente errore anche nel modo in cui vengono condotte le operazioni militari”.

Il rapporto delle Nazioni Unite sui bambini e i conflitti armati include un elenco volto a esporre le parti in conflitto nella speranza di indurle ad attuare misure per proteggere i bambini. La questione è stata a lungo controversa, con i diplomatici che affermano che Israele ha esercitato pressioni negli ultimi anni nel tentativo di rimanere fuori dalla lista.

A giugno, Guterres ha aggiunto le forze armate russe all’elenco dei responsabili nel rapporto dopo che le Nazioni Unite avevano verificato che avevano ucciso 136 bambini in Ucraina nel 2022. Il prossimo rapporto dovrebbe essere pubblicato a metà del 2024.

“bisogni drammatici”

Guterres ha descritto la situazione umanitaria a Gaza come “catastrofica”. Il Segretario generale delle Nazioni Unite preme per un cessate il fuoco umanitario per consentire agli aiuti di raggiungere Gaza. Ha anche detto che 92 persone che lavoravano con l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi (UNRWA) sono state uccise.

“È assolutamente essenziale – assolutamente essenziale – che ci sia un flusso di aiuti umanitari a Gaza che soddisfi gli enormi bisogni che la popolazione si trova ad affrontare”, ha affermato Guterres.

READ  L'Ucraina afferma che la difesa missilistica russa è stata distrutta in Crimea e che due navi da guerra sono state danneggiate | Notizie sulla guerra russo-ucraina

Le Nazioni Unite stanno lavorando per aumentare la fornitura di aiuti umanitari a Gaza. Guterres ha detto che negli ultimi diciotto giorni solo 630 camion sono riusciti ad entrare attraverso il valico di Rafah dall’Egitto. L’ONU vuole anche poter utilizzare il valico di frontiera di Kerem Shalom controllato da Israele.

“Stiamo conducendo intensi negoziati con Israele, Stati Uniti ed Egitto, al fine di garantire la fornitura di aiuti umanitari efficaci a Gaza”, ha affermato Guterres. “Finora è stato troppo poco, troppo tardi”.

Per quanto riguarda ciò che accadrà a Gaza dopo la fine dei combattimenti, Guterres ha delineato quello che ha definito lo “scenario migliore” – cioè che un’Autorità Palestinese “rivitalizzata” sia in grado di assumere il controllo politico.

Guterres ha riconosciuto che deve esserci un periodo di transizione negoziato con i palestinesi e Israele. Egli ha definito “prematuro” parlare in futuro di una possibile forza di mantenimento della pace delle Nazioni Unite, affermando che tale passo non è stato discusso nell’organizzazione mondiale.

“Molte entità possono svolgere un ruolo. Le Nazioni Unite possono svolgere un ruolo. Molti paesi importanti nella regione possono svolgere un ruolo. Gli Stati Uniti possono svolgere un ruolo”, ha affermato Guterres, aggiungendo che questo dovrebbe essere il punto di partenza per ” Negoziati seri per una soluzione a due Stati” con la creazione di uno Stato palestinese accanto a Israele.

Scritto da Michelle Nichols. A cura di Will Dunham

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto