Israele afferma che l’accordo di Hamas è “lontano dal” soddisfare le sue richieste mentre si avvicina l’attacco di Rafah



CNN

Israele ha affermato che i termini dell’accordo di cessate il fuoco accettato da Hamas lunedì sono ancora “lontani dal” soddisfare le sue richieste e ha avvertito che le sue operazioni militari a Rafah continueranno anche se ha inviato i negoziatori a parlare con i mediatori.

Lunedì Hamas ha dichiarato in un comunicato che il capo del suo ufficio politico, Ismail Haniyeh, ha informato il primo ministro del Qatar e il ministro dell’intelligence egiziano che il movimento ha accettato le loro proposte per un cessate il fuoco e l’accordo sugli ostaggi.

Poco dopo, Israele ha affermato che la proposta accettata da Hamas era ancora lontana dai “requisiti necessari”, ma che avrebbe inviato una delegazione ai mediatori. Ha inoltre ribadito il proprio impegno nell’attacco alla città di Rafah, nel sud di Gaza, affermando che il gabinetto di guerra “ha deciso all’unanimità” di continuare l’operazione “per esercitare pressioni militari su Hamas”.

Prima della risposta israeliana, i palestinesi festeggiavano nelle strade con gli annunci di Hamas. A Tel Aviv, le famiglie degli ostaggi e i sostenitori hanno fatto appello ai leader israeliani affinché accettino l’accordo.

Ma più tardi lunedì sera, l’esercito israeliano ha detto che “stava attualmente effettuando attacchi mirati contro obiettivi terroristici di Hamas a Rafah orientale, nel sud della Striscia di Gaza”.

Barak Ravid, analista politico e di affari globali della CNN, ha affermato che le forze israeliane prenderanno il controllo del lato palestinese del valico di Rafah nelle prossime ore, citando due fonti con conoscenza diretta della questione.

Questa notizia arriva poche ore dopo Israele Comando I palestinesi che vivono nella città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, hanno chiesto “l’evacuazione immediata”.

La questione ha sollevato il timore che un attacco israeliano alla città, a lungo minacciato, possa essere imminente. Più di un milione di palestinesi sono fuggiti a Rafah, dove si ritiene che Hamas si sia riorganizzato dopo che Israele ha distrutto gran parte del nord di Gaza.

READ  Nuova Delhi prevede di lanciare piogge per contrastare lo smog “pericoloso”.

Una fonte vicina ai piani israeliani ha detto alla CNN che l’incursione limitata a Rafah aveva lo scopo di mantenere la pressione su Hamas affinché accettasse un accordo che porterebbe ad un cessate il fuoco e al rilascio degli ostaggi.

Il portavoce del ministero degli Esteri del Qatar, dottor Majid bin Mohammed Al-Ansari, ha affermato che i colloqui per il cessate il fuoco continuano oggi, martedì Lo ha detto in un comunicato Martedì presto, ora locale.

Ha aggiunto che la delegazione del Qatar si recherà al Cairo martedì mattina per continuare i negoziati indiretti tra Israele e Hamas dopo che Hamas ha inviato una risposta ai mediatori partecipanti alla proposta di cessate il fuoco che “può essere definita positiva”.

L’annuncio del Qatar arriva nel mezzo delle richieste internazionali per raggiungere un accordo sul cessate il fuoco e sul rilascio degli ostaggi. Lunedì il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha invitato il governo israeliano e Hamas a concordare un accordo di cessate il fuoco dopo che Hamas ha dichiarato di accettare le condizioni proposte da Egitto e Qatar.

Un alto funzionario israeliano e un alto funzionario americano hanno affermato che Hamas ha accettato una proposta quadro, che differisce dalla proposta che Israele ha contribuito a elaborare con l’Egitto. L’alto funzionario americano ha affermato che l’ultima proposta chiede la fine della guerra, cosa che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu aveva precedentemente affermato che non avrebbe accettato.

Secondo un comunicato stampa, Hamas ha affermato che non si tirerà indietro rispetto alle richieste contenute nell’ultima proposta, che includono “un cessate il fuoco, un ritiro completo, uno scambio dignitoso, la ricostruzione e la revoca dell’assedio”.

READ  Ora il presidente francese Emmanuel Macron sostiene fortemente l’Ucraina, ma per quanto tempo?

Benny Gantz, membro del Gabinetto della Difesa israeliano, ha affermato lunedì che ci sono “grandi divari” tra Israele e Hamas. Nonostante questo continuiamo a girare ogni pietra e una delegazione andrà al Cairo”.

Un precedente quadro, che Israele ha contribuito a elaborare ma non ha pienamente accettato, prevedeva il rilascio di un numero compreso tra 20 e 33 ostaggi nell’arco di diverse settimane in cambio di un cessate il fuoco temporaneo e del rilascio dei prigionieri palestinesi.

Dopo lo scambio iniziale, secondo questo quadro, seguirà quello che le fonti descrivono come un “ripristino della calma sostenibile”, durante il quale gli ostaggi rimanenti, i soldati israeliani catturati e i corpi degli ostaggi verranno scambiati con altri prigionieri palestinesi.

Lunedì la Casa Bianca ha confermato che c’è stata una “risposta di Hamas” alla proposta di accordo sugli ostaggi in Israele, e che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden era stato informato di tale risposta, ma ha rifiutato di commentare specificamente cosa potrebbe comportare l’accordo. .

Il portavoce della sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha dichiarato in una conferenza stampa che Biden “è consapevole di dove sia la situazione e di dove sia l’operazione”. Kirby ha aggiunto che il direttore della CIA Bill Burns è ancora nella regione “lavorando direttamente sul campo”.

Ha detto: “Crediamo ancora che raggiungere un accordo sia il miglior risultato di sempre, non solo per gli ostaggi, ma per il popolo palestinese, e non smetteremo di lavorare per raggiungere questo risultato”.

In risposta alla domanda se l’accettazione dell’accordo da parte di Hamas potrebbe cambiare i piani di Israele riguardo a Rafah, il portavoce dell’esercito israeliano Daniel Hagari ha detto che l’esercito continuerà ad operare a Gaza. Ha detto che le operazioni continuano, ma l’esercito israeliano sta facendo ogni sforzo nei negoziati per riportare gli ostaggi in patria “il più rapidamente possibile”.

Netanyahu ha subito forti pressioni da parte dell’ala più estrema della sua coalizione affinché non accettasse la proposta di cessate il fuoco avanzata la settimana scorsa e si concentrasse invece sulla distruzione di Hamas a Rafah.

Orit Struck, ministro israeliano per gli insediamenti e membro del Partito sionista religioso di estrema destra, ha dichiarato la scorsa settimana che accettare l’accordo “getterebbe” il progresso militare di Israele “nella spazzatura”.

Itamar Ben Gvir, ministro israeliano della Sicurezza nazionale, ha affermato che Netanyahu “ha promesso che Israele entrerà a Rafah, ha confermato che la guerra non finirà e ha promesso che non ci sarà alcun accordo sconsiderato”.

Ma gran parte dell’opinione pubblica israeliana ha chiesto che Netanyahu accettasse l’accordo. La settimana scorsa le famiglie e i sostenitori degli ostaggi hanno chiuso l’autostrada Ayalon a Tel Aviv, issando uno striscione con la scritta: “Rafah o ostaggi – scegli la vita”.

Benny Gantz, membro del gabinetto di guerra israeliano, considerato un rivale e un potenziale successore di Netanyahu, ha affermato che il ritorno degli ostaggi è più urgente dell’ingresso a Rafah.

In risposta all’annuncio di Hamas di lunedì, l’Hostage Families Forum ha dichiarato: “Ora è il momento per tutte le parti coinvolte di adempiere ai propri obblighi e trasformare questa opportunità in un accordo per restituire tutti gli ostaggi”.

Questa è una storia in via di sviluppo e verrà aggiornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto