I colloqui per il cessate il fuoco tra Israele e Hamas affrontano l’incertezza Attacco di Rafah: aggiornamenti in tempo reale

Lunedì un senso di panico ha attanagliato Rafah, nel sud di Gaza, quando Israele ha ordinato l’evacuazione di alcune parti della città, che è diventata la casa di più di un milione di palestinesi in cerca di asilo dopo la guerra durata sette mesi.

La gente ha disperso le tende sotto la pioggia battente. I prezzi del carburante e dei generi alimentari aumentarono vertiginosamente. E alcuni hanno valutato il rischio potenziale rispetto ai pericoli di viaggiare attraverso una zona di guerra.

“Se dobbiamo andarcene, entreremo nell’ignoto”, ha detto Nidal Quhail, una 29enne residente a Gaza City che si è rifugiata a Rafah con la sua famiglia. “Possiamo trovare un posto dove andare? Possiamo trovare un posto dove piantare una tenda?”

La sua tenda è in una zona di Rafah non chiusa ordine di sfrattoMa la sua famiglia è ancora preoccupata e divisa su cosa fare dopo.

“Alcuni dicono: ‘Usciamo di qui velocemente’, e altri dicono: ‘Aspettiamo ancora un po””, ha detto il signor. Ha detto Quhail.

Aiuti delle Nazioni Unite ai rifugiati palestinesi Il personale sul campo dell’agenzia UNRWA ha stimato che lunedì circa 200 persone hanno lasciato la zona di evacuazione attraverso le uscite principali ogni ora, ha detto Sam Ross, vicedirettore della pianificazione dell’agenzia, che ha trascorso lì gli ultimi due giorni. Settimane a Gaza.

L’umore di Rafa è stato ottimista durante il fine settimana quando sono emersi rapporti sui progressi nei colloqui per il cessate il fuoco, ha affermato il sig. Ha detto Rosa. Ma quella speranza è stata sostituita da paura e tensione onnipresenti dopo che Israele ha emesso il suo ordine di evacuazione per i quartieri orientali della città, segnalando che potrebbe procedere con un’invasione di terra pianificata nel tentativo di rovesciare Hamas a Gaza.

READ  40 La migliore te nero del 2022 - Non acquistare una te nero finché non leggi QUESTO!

Molti a Rafah hanno detto che sapevano che dovevano andarsene, ma non sapevano come gestirlo.

Musa Ramadan al-Bahabsa, 55 anni, si trovava con i suoi 11 figli in una tenda che aveva allestito in una scuola delle Nazioni Unite vicino a piazza al-Najma a Rafah. Sono stati sfollati tre volte dall’inizio della guerra in ottobre, ha detto.

Dopo che è stato emesso l’ordine di evacuazione, i residenti della scuola si sono guardati scioccati. Poi molte persone hanno iniziato a costruire le loro cose. Ma non aveva abbastanza soldi per andarsene.

“Le persone intorno a me se ne vanno tutte”, ha detto il signor. Al-Bahabsa ha detto che la guerra lo aveva lasciato senza un soldo. “Non so dove andare né a chi chiedere aiuto.”

Lasciare Rafah è costoso, hanno detto lunedì i palestinesi intervistati. Anche se l’esercito israeliano dice alla gente di guidare per meno di 10 miglia, prendere un taxi fuori città costa più di 260 dollari, e un piccolo risciò costa circa la metà. Un carretto trainato da un asino costa circa 13 dollari, ma per molti anche quello è troppo costoso.

L’ordine ha portato ad un aumento dei prezzi, hanno detto i palestinesi a Rafah. I prezzi del carburante sono aumentati da 8 a 12 dollari al litro, così come il prezzo dei prodotti alimentari di base come lo zucchero da 3 a 10 dollari al kg.

Per quanto riguarda la valuta utilizzata in Israele e Gaza, il sig. “Ho già perso la mia casa, ma non voglio perdere i miei figli.”

Dall’altra parte della città, Malak Burbak, 38 anni, stava cercando di andare a prendere i suoi otto figli. Ma dopo aver detto loro, ha detto che suo figlio maggiore era scappato da qualche parte e che non voleva lasciare Rafa dopo essere rimasta così a lungo.

READ  La maggioranza conservatrice della Corte Suprema è scettica sul programma di vaccinazione di Biden

“Ciò che mi spaventa di più è l’ignoto”, ha detto la signora Barbuck. “Sono così stanco di questa vita miserabile.”

Per rendere le cose più facili, la famiglia ha intenzione di tornare a casa nella città di Khan Younis, anche se sanno che non c’è più.

“Credo che possiamo costruire la nostra tenda sulle rovine della nostra casa”, ha detto.

L’ordine di sfratto è stato uno shock per Mahmoud Mohammed al-Burdaini, 26 anni. Ha detto che secondo lui Israele sta usando l’idea dell’invasione di Rafah solo come stratagemma per ottenere un accordo migliore da Hamas nei colloqui per il cessate il fuoco.

Ciò significa che non ha intenzione di lasciare la sua casa nel sud-est di Rafah. Ma ora sentiva che il pericolo era reale e trascorse la mattinata fuggendo dal quartiere.

“Ho visto una lunga strada lungo la costa piena di camion, furgoni e automobili”, ha detto il signor, che prima della guerra lavorava come tassista. Ha detto Al-Bardini. Ha detto che la scena lo ha lasciato “proprio come tutti gli altri”.

Quindi il Sig. Al-Bardaini e sua moglie hanno fatto le valigie e hanno iniziato a pianificare il peggio. Potevano prendere le porte delle loro case per usarle come rifugi, si resero conto. E possono usare i loro mobili come legna da ardere.

Altrimenti verrà tutto saccheggiato o sepolto sotto le macerie di un attacco aereo, signor Greene. Temeva Al-Bardini.

“Non voglio che quello che è successo alla gente di Gaza City e del nord accada di nuovo a Rafah,” ha detto. “Sono molto preoccupato per tutta la mia famiglia.”

READ  Valery Gergiev, alleato di Putin, è stato rimosso dalla carica di capo del comando a Monaco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto