Johnson promette di “provare di nuovo” a fornire aiuti a Israele questa settimana, e possibilmente all’Ucraina

Politica

Il presidente della Camera Mike Johnson si è impegnato a fare un altro passo per approvare un pacchetto di aiuti per Israele questa settimana sulla scia degli attacchi iraniani senza precedenti contro un alleato degli Stati Uniti e ha lasciato intendere l’Ucraina devastata dalla guerra.

“Abbiamo capito l’urgenza di tutto questo fin dall’inizio”, ha detto Johnson a “Mornings with Maria” di Fox News Channel. “Abbiamo approvato il pacchetto di sostegno per Israele [last year]. Da allora è rimasto sulla scrivania di Chuck Schumer perché, come ricorderai, abbiamo incluso un pagamento.

Ha continuato: “Ci riproveremo questa settimana.” “I dettagli di questo pacchetto sono ora in fase di elaborazione. Stiamo valutando opzioni su tutte queste questioni complementari”.

Il presidente della Camera Mike Johnson ha detto che questa settimana cercherà aiuti per Ucraina e Israele. AP Photo/Wilfredo Lee

Johnson (R-La.) aveva precedentemente spinto per un pacchetto autonomo per Israele all’inizio della sua presidenza, ma non è mai stato accolto dal Senato controllato dai democratici, la cui leadership voleva che quel sostegno fosse abbinato agli aiuti militari all’Ucraina. I democratici si sono opposti anche ai tagli dell'IRS proposti in questo disegno di legge.

Lo scorso febbraio, il Senato ha approvato un importo aggiuntivo di circa 95 miliardi di dollari, stanziando circa 14 miliardi di dollari a Israele e 60 miliardi di dollari all’Ucraina, ma Johnson si è rifiutato di sottoporre la questione al voto della Camera dei Rappresentanti.

All’epoca, ha citato le preoccupazioni per la mancanza di riforme sulla sicurezza delle frontiere, anche se i repubblicani si erano opposti a un precedente aumento di 118 miliardi di dollari che includeva disposizioni volte a rafforzare la sicurezza delle frontiere.

READ  Il molo costruito dagli Stati Uniti a Gaza è crollato. Ecco come siamo arrivati ​​fin qui e cosa potrebbe succedere dopo

A marzo, Johnson aveva dichiarato al Washington Post che era importante che la Camera non accettasse gli aiuti all’Ucraina prima di aver completato il delicato processo di stanziamenti per l’anno fiscale 2024, che il Congresso ha concluso il mese scorso – con sei mesi di ritardo.

La deputata Marjorie Taylor Greene (R-Ga.) ha minacciato di presentare una mozione per mettere sotto accusa il presidente della Camera – come avvertimento che potrebbe iniziare un’insurrezione contro di lui se accetta gli aiuti all’Ucraina. Johnson l’ha già tormentata riguardo alla sorveglianza e agli stanziamenti del governo.

Soldati ucraini sparano con un obice M101 verso le posizioni russe vicino ad Avdiivka nella regione di Donetsk il 22 marzo 2024. Foto AFP/Efrem Lukatsky, file

Johnson ha incontrato Greene la scorsa settimana e successivamente Trump venerdì a Mar-a-Lago.

“[Trump’s] “Ho introdotto il concetto di prestito e locazione, che è un concetto davvero importante e che penso abbia molto consenso, così come queste altre idee, il REPO, di cui abbiamo discusso, che sta sequestrando i beni degli oligarchi russi corrotti per aiuta a spingere su questa resistenza.

“Metteremo insieme qualcosa e lo invieremo al Senato e completeremo questi impegni.”

Trump ha offerto il suo sostegno a Johnson, dicendo che questa “non è una situazione facile per nessun oratore” e che “penso che stia facendo un ottimo lavoro”. L'ex presidente ha anche cercato di spingere Greene ad essere più comprensivo.

“Lui e io siamo uniti al 100% su questi grandi temi all'ordine del giorno”, ha detto Johnson. Greene ha anche criticato Johnson per non aver spinto più forte contro l’amministrazione Biden sulla sicurezza delle frontiere.

“Ciò che Marjorie non ha notato è che stavamo combattendo al confine. “Lottiamo ogni giorno”, ha risposto Johnson, prima di sottolineare che aveva dato la priorità a evitare lo shutdown del governo per evitare implicazioni sul confine.

READ  Il Canada schiera un esercito nella Columbia Britannica per combattere gli incendi in rapida diffusione

“Immaginate che gli agenti della polizia di frontiera non vengano pagati, che le frontiere siano aperte e che la responsabilità di ciò ricada su di noi. Immaginate che le truppe non vengano pagate in questo momento pericoloso. Quindi quella non era un'opzione per noi, e si sarebbe riflettuto negativamente su di noi.”

Greene ha commentato per la prima volta la proposta di sfratto mentre la Camera stava concludendo il processo di stanziamenti il ​​mese scorso per evitare una chiusura del governo. Dopo l'incontro con il relatore, ha mantenuto questa opzione sul tavolo.

“Questa è una distrazione. Ciò che Marjorie ha fatto con la proposta di sfratto non è positivo per il nostro partito, per la nostra missione di salvare il Paese, perché se non riusciamo ad aumentare la maggioranza alla Camera, a mantenere la maggioranza alla Camera, a vincere il Senato e a prendere sostenere la Casa Bianca”, ha avvertito minacciosamente Johnson: Presidente Trump, perderemo la Repubblica.

Con fili postali

Johnson ha affermato che l’ex presidente Donald Trump è “unito al 100%” con lui su questioni come Ucraina e Israele Foto di Joe Raedle/Getty Images

Carica altro…




https://nypost.com/2024/04/14/us-news/house-speaker-mike-johnson-says-he-will-push-for-aid-to-israel-and-ukraine-this-week/ ?utm_source=url_sitebuttons&utm_medium=site%20buttons&utm_campaign=site%20buttons

Copia l'URL di condivisione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto