Kermit la rana primitiva? Gli scienziati hanno chiamato gli antenati degli antichi anfibi in onore della famosa bambola

Un antenato anfibio scoperto di recente ha preso il nome da Kermit the Frog, la rana verde lime che canta e ama i maiali e che fa parte della squadra dei Muppets. Secondo un nuovo studio Nel Giornale Zoologico della Linnean Society, Kermitob gratuiti Era un anfibio primitivo vissuto 270 milioni di anni fa e aveva un teschio che poteva stare nel palmo di una mano. L'osso fossilizzato è lungo poco più di un pollice e contiene orbite ovali ben conservate. secondo comunicato stampa Dai ricercatori del Museo Nazionale di Storia Naturale dello Smithsonian Institution, il fossile fu scoperto per la prima volta in Texas dal curatore di paleontologia del loro museo, il defunto paleontologo Nicholas Houghton III. Nel 2021, il paleontologo post-dottorato Arjan Mann ha trovato il cranio di Houghton e ha detto che “mi ha colpito: questo cranio ben conservato, per lo più adattato”.

Il fossile è stato identificato come un temnospondilo, un antenato dei moderni anfibi sopravvissuti per più di 200 milioni di anni dal Carbonifero al Triassico. K. gratuitamente Si distingue per il suo viso largo e gli occhi da cartone animato, che ricordano agli scienziati la famosa bambola. Tuttavia, il fossile si distingue in parte per le caratteristiche più fini che sono state preservate. Come hanno scritto i ricercatori a un certo punto, anche se mancavano parte del palato e del cervello, “il resto del cranio è ben conservato, mostrando anche una disposizione completa delle ossa delle palpebre al loro posto”. Gli ossicini palpebrali sono le piccole ossa trovate nelle palpebre degli animali, indicando che alcune parti più piccole dell'anatomia dell'antica Kermit sono state preservate.

READ  Gli astronauti durante una passeggiata spaziale lasciano cadere accidentalmente una borsa degli attrezzi che ora può essere vista dalla Terra

“L'uso del nome Kermit ha importanti implicazioni sul modo in cui la scienza svolta dai paleontologi dei musei si relaziona al pubblico in generale”, ha affermato Calvin Su, studente di dottorato presso la George Washington University e autore principale del nuovo articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto