La Cina svela il “progetto” per l’integrazione di Taiwan mentre invia navi da guerra intorno all’isola autogovernata


Hong Kong
CNN

Martedì la Cina ha presentato un piano per approfondire l’integrazione tra la provincia costiera del Fujian e l’autogovernata Taiwan, pubblicizzando i vantaggi di una stretta cooperazione attraverso lo stretto e inviando navi da guerra intorno all’isola in una dimostrazione di potenza militare.

IL GuidaLa decisione, emessa dal Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese e dal Consiglio di Stato, si impegna a fare del Fujian una “area modello” per lo sviluppo integrato con Taiwan e la “prima patria” per i residenti e le imprese taiwanesi che si stabiliranno in Cina. .

Il documento è stato salutato dagli esperti cinesi come un “progetto” per il futuro sviluppo di Taiwan Citato dai media governativiCiò avviene in un momento delicato nelle relazioni tra le due sponde dello Stretto mentre Taiwan si prepara al suo accordo Elezioni presidenziali A gennaio.

Ciò avviene anche mentre la Cina continua ad aumentare la pressione militare su Taiwan, una vivace democrazia con una popolazione di 24 milioni di abitanti che il Partito Comunista al potere di Pechino rivendica come suo territorio, anche se non l’ha mai controllato.

Prima che Pechino pubblicasse il suo piano di integrazione, questa settimana una portaerei cinese e circa due dozzine di navi da guerra cinesi sono state viste radunarsi nelle acque vicino a Taiwan, secondo le autorità taiwanesi.

La Cina persegue da tempo una politica del bastone e della carota nei confronti di Taiwan, minacciandola con la possibilità di un’invasione militare e offrendo opportunità di commercio e scambio culturale a coloro che ritiene siano più allineati con la visione di Pechino.

Considerato lo sviluppo delle relazioni tra le due sponde dello Stretto negli ultimi anni, non è chiaro quanto il popolo di Taiwan sia ricettivo alla proposta globale della Cina.

READ  Johnson promette di “provare di nuovo” a fornire aiuti a Israele questa settimana, e possibilmente all’Ucraina

05:31- Fonte: CNN

I giornalisti della CNN spiegano una delle questioni più controverse nelle relazioni USA-Cina

Wang Ting-yu, un parlamentare taiwanese del Partito Democratico Progressista al potere, ha affermato mercoledì che il piano di integrazione è “ridicolo”.

“La Cina dovrebbe pensare a come gestire i suoi debiti inesigibili, ma non a come organizzare un’azione di fronte unito contro Taiwan”, ha detto Wang in un videomessaggio, riferendosi agli sforzi del governo per portare avanti gli obiettivi di Pechino all’estero.

Giovedì Pechino ha promosso il piano in una conferenza stampa dedicata, con i funzionari che hanno sottolineato che il leader Xi Jinping e la leadership del Partito comunista cinese “attribuiscono grande importanza al ruolo unico del Fujian nella strategia complessiva su Taiwan”.

“Sosterremo la costruzione della ‘zona dimostrativa’ come una grande iniziativa per approfondire lo sviluppo integrato attraverso lo Stretto e rafforzare le basi per la riunificazione pacifica”, ha affermato Pan Xianchang, vicedirettore dell’Ufficio per gli affari di Taiwan del Consiglio di Stato.

L’idea di trasformare il Fujian in una regione di sviluppo integrato con Taiwan è apparsa per la prima volta nel documento ufficiale della Cina nel 2021, ma all’epoca non veniva fornito alcun dettaglio.

A giugno, quando un alto leader cinese ha sollevato il piano di integrazione in un forum, il Consiglio per gli affari continentali di Taiwan ha definito la proposta “priva di significato” e “inutile”, affermando che non era in linea con le aspettative del pubblico a Taiwan e “denigrata” Taiwan.

La CNN ha contattato il Consiglio per gli affari continentali di Taiwan per un commento.

READ  Incendio durante una festa di matrimonio in Iraq: almeno 100 persone uccise nel governatorato nord-orientale di Ninive

Nella direttiva, Pechino si è impegnata a migliorare l’ambiente in cui le società taiwanesi possono fare affari nel Fujian, ad approfondire la cooperazione industriale e di capitale e a incoraggiare le società taiwanesi a quotarsi nelle borse cinesi.

Per la prima volta, in un programma pilota, le aziende taiwanesi potranno investire e fondare società di produzione radiofonica e televisiva nel Fujian.

La direttiva cerca anche di attrarre lavoratori e famiglie taiwanesi a stabilirsi nel Fujian. Si impegna a rafforzare i programmi di assistenza sociale per rendere più facile per i taiwanesi vivere e lavorare nel territorio, compreso l’acquisto di proprietà, e promette parità di trattamento per gli studenti taiwanesi che si iscrivono alle scuole pubbliche.

Il quotidiano statale Global Times ha affermato che gli osservatori cinesi hanno osservato che “il documento equivale a delineare il progetto per il futuro sviluppo dell’isola di Taiwan, che dovrebbe acquisire slancio e prospettive di sviluppo più ampi attraverso l’integrazione con il Fujian”.

Il Fujian, una provincia con una popolazione di 40 milioni di abitanti sul lato occidentale dello Stretto di Taiwan, è geograficamente e culturalmente la più vicina a Taiwan.

Molti taiwanesi discendono da immigrati provenienti dal Fujian, arrivati ​​a ondate nel corso dei secoli, portando con sé il dialetto, i costumi e la religione che costituivano la spina dorsale della cultura tradizionale della maggioranza della popolazione Han di Taiwan.

Il Partito Comunista cinese al potere ha cercato a lungo di utilizzare la vicinanza geografica, storica e culturale tra Fujian e Taiwan come argomento per promuovere l’integrazione economica e sociale – e la successiva unificazione – con l’isola.

Un focus particolare degli sforzi di integrazione di Pechino è sulle remote isole di Kinmen e Matsu, che si trovano molto più vicine al Fujian che a Taiwan e condividono storicamente i legami più forti con la terraferma.

READ  Terremoto in Marocco: gli incubi delle sorelle e la richiesta di rossetto

Nella direttiva emanata martedì, Pechino si è impegnata ad accelerare ulteriormente l’integrazione tra Xiamen e Kinmen, che distano solo poche miglia.

Si impegna a esplorare la cooperazione su progetti infrastrutturali tra le due città, che consentiranno il trasporto di elettricità e gas da Xiamen a Kinmen e collegheranno le due città con un ponte. Secondo il piano, anche i residenti di Kinmen potranno godere dello stesso trattamento dei locali di Xiamen.

Misure di integrazione simili sono state messe in atto anche per Fuzhou e Matsuo.

Per alcuni residenti di Kinmen, i piani per promuovere una maggiore connettività potrebbero essere interessanti. Quest’anno a Kinmen si è formata una coalizione multipartitica di otto consiglieri locali Proposta Costruire un ponte verso Xiamen per rafforzare i legami economici, come parte di una proposta più ampia per trasformare Kinmen in una zona demilitarizzata, o la cosiddetta “Isola della Pace”.

Kinmen, situata sulla linea del fronte tra Taiwan e la Cina, ha dovuto affrontare numerosi attacchi anfibi e bombardamenti da parte dell’esercito cinese negli anni successivi alla guerra civile cinese.

La proposta dei membri del consiglio prevede di rimuovere tutte le truppe e le strutture militari taiwanesi dalle isole e di trasformare Kinmen in un’arena per i colloqui Pechino-Taipei volti a “calmare le tensioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto