La Grande Barriera Corallina subisce lo sbiancamento dei coralli “più grave” di sempre poiché i filmati mostrano danni a 18 metri di profondità | Crisi climatica

Sono aumentati i timori che la Grande Barriera Corallina possa essere colpita dal più grave evento di sbiancamento di massa dei coralli mai registrato dopo che un gruppo ambientalista ha pubblicato filmati che mostrano danni fino a 18 metri sotto la superficie.

La dottoressa Selina Ward, biologa marina ed ex direttrice accademica della Heron Island Research Station dell'Università del Queensland, ha affermato che questo è stato il peggiore sbiancamento che avesse visto in 30 anni di lavoro sulle barriere coralline e che alcuni coralli stavano iniziando a morire.

Autorità del Parco Marino della Grande Barriera Corallina Lo ha detto la settimana scorsa Le indagini aeree su oltre 1.000 singole barriere coralline hanno rivelato che più della metà erano classificate come soggette a livelli elevati o molto elevati di sbiancamento e che un numero minore a sud – meno del 10% del totale – stava subendo un grave sbiancamento. Solo circa un quarto di essi sono rimasti relativamente inalterati.

Ha confermato che il sistema di barriera corallina lungo 2.300 chilometri era testimone del quinto evento di sbiancamento di massa in otto anni. L’autorità ha affermato che le temperature della superficie del mare erano tra 0,5 gradi Celsius e 1,5 gradi Celsius più calde del previsto per questo periodo dell’anno.

Una tartaruga sotto una roccia corallina sbiancata sulla Grande Barriera Corallina. Immagine: Film di Tartaruga arrabbiata

Giovedì, l’Australian Marine Conservation Society ha pubblicato video e foto in cui si afferma che lo sbiancamento nella parte meridionale della barriera corallina si è esteso a una profondità maggiore rispetto a quanto riportato in precedenza quest’anno.

Ward ha affermato che l'impatto dello sbiancamento è stato diffuso nei 16 siti visitati nella sezione meridionale della barriera corallina, colpendo specie di coralli che normalmente erano resistenti allo sbiancamento. Alcuni coralli hanno iniziato a morire, un processo che di solito richiede settimane o mesi dopo lo sbiancamento.

READ  Come vedere e cosa sapere sulla Harvest Moon, l'ultima superluna dell'anno

“Mi sento devastata”, ha detto. “Lavoro sulle barriere coralline dal 1992, ma questo [event]”Sto davvero soffrendo.”

Guida veloce

Cos'è lo sbiancamento dei coralli?

Visualizza

Lo sbiancamento dei coralli descrive un processo in cui un corallo espelle le alghe che vivono nei suoi tessuti, conferendogli il suo colore e molte delle sue sostanze nutritive.

Senza le alghe, lo scheletro bianco del corallo può essere visto attraverso la sua carne traslucida, conferendole un aspetto sbiancato.

Il massiccio sbiancamento dei coralli su vaste aree, osservato per la prima volta negli anni ’80 intorno ai Caraibi, è causato dall’aumento della temperatura dell’oceano.

Alcuni coralli mostrano colori fluorescenti anche sotto stress quando rilasciano un pigmento che filtra la luce. Anche la luce solare svolge un ruolo nello stimolare il processo di sbiancamento.

Le barriere coralline possono sopravvivere allo sbiancamento se le temperature non sono estremamente elevate o prolungate. Ma le ondate di caldo marino estreme possono uccidere istantaneamente le barriere coralline.

Lo sbiancamento dei coralli può anche avere effetti quasi fatali, tra cui una maggiore suscettibilità alle malattie e una diminuzione dei tassi di crescita e riproduzione.

Gli scienziati affermano che gli intervalli tra gli eventi di sbiancamento stanno diventando troppo brevi per consentire alle barriere coralline di riprendersi.

Le barriere coralline sono uno degli ecosistemi del pianeta più a rischio a causa del riscaldamento globale. Le barriere coralline sostengono la pesca che nutre centinaia di milioni di persone, nonché le principali industrie del turismo.

Il più grande sistema di barriera corallina del mondo, la Grande Barriera Corallina australiana, ha subito sette eventi di sbiancamento di massa dal 1998, di cui cinque si sono verificati negli ultimi dieci anni.

Grazie per il tuo feedback.

Ward ha detto che le temperature del mare in due dei siti visitati erano le stesse in superficie e 20 metri sotto la superficie. Ha detto che questo è “molto insolito” e rafforza la necessità di un’azione rapida per ridurre le emissioni di gas serra.

“Cosa facciamo per prevenire la perdita delle barriere coralline?” Ha detto Ward. “Non possiamo aspettarci di salvare la Grande Barriera Corallina e aprire nuovi sviluppi per i combustibili fossili. È tempo di agire e non ci sono più scuse.”

Lo sbiancamento dei coralli si verifica quando il corallo subisce uno stress termico ed espelle minuscole alghe marine, note come zooxantelle, che vivono nei suoi tessuti e conferiscono la maggior parte del suo colore ed energia. Con la scomparsa delle zooxantelle, il corallo muore di fame e il suo scheletro di calcio bianco diventa visibile.

Varie specie di coralli tra cui il corallo cervello con sbiancamento. Immagine: Film di Tartaruga arrabbiata

Se le alte temperature non durano a lungo, le barriere coralline possono riprendersi. Altrimenti comincia a morire. Nei casi più gravi, il processo di sbiancamento viene saltato e il corallo muore quasi immediatamente, assumendo solitamente un colore marrone sporco.

Terry Hughes, professore emerito alla James Cook University e ricercatore di lunga data sullo sbiancamento dei coralli, ha affermato che le indagini aeree hanno mostrato “l’evento di sbiancamento di massa e mortalità più diffuso e grave mai registrato sulla Grande Barriera Corallina”.

Ha affermato che l’entità del danno è paragonabile a quella del 2016, l’anno peggiore che il mondo avesse mai visto, ma ora ci sono meno barriere coralline non toccate dallo sbiancamento tra il Queensland meridionale e lo Stretto di Torres. Ha detto che l'area a sud di Townsville è stata particolarmente colpita quest'anno.

“Stiamo già assistendo a una diffusa perdita di coralli nel momento del picco dello sbiancamento”, ha affermato. “È straziante vedere danni così gravi così rapidamente”.

Coralli e alghe sbiancate crescono a circa 10 metri sotto la superficie. Immagine: Film di Tartaruga arrabbiata

Hughes ha detto che ogni parte del sistema della barriera corallina è stata sbiancata almeno una volta dal 1998. Alcuni coralli sono stati sbiancati tre o quattro volte. Secondo lui, il danno cumulativo ha reso difficile il recupero delle barriere coralline, che probabilmente soccomberanno.

Il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici ha scoperto nel 2018 che la maggior parte delle barriere coralline sono tropicali Ci perderemo se il riscaldamento globale sarà limitato a una media di 1,5°C Al di sopra dei livelli preindustriali, il 99% di essi probabilmente avrebbe perso il riscaldamento raggiungendo i 2°C. Hanno scoperto che sarebbero maggiormente a rischio quando la temperatura raggiungesse 1,2 gradi Celsius, che è il livello di 1,2 gradi Celsius. Potrebbe essere già stato raggiunto.

Quest'anno i coralli non sbiancati si colorano di blu.

Si tratta dell’evento di sbiancamento e mortalità di massa più diffuso e grave mai registrato sulla Grande Barriera Corallina. https://t.co/eE5LCrSwtL

– Terry Hughes (@ProfTerryHughes) 9 aprile 2024

La dottoressa Lisa Schindler, ecologista e responsabile della campagna sulla barriera corallina presso l'Australian Marine Conservation Society, ha chiesto alla Great Barrier Reef Marine Park Authority di pubblicare mappe che mostrino l'entità e la gravità dello sbiancamento in modo che il pubblico abbia un quadro reale della portata dello sbiancamento. impatto.

Schindler ha anche esortato l’organismo, da lei descritto come il guardiano delle barriere coralline, a svolgere un ruolo maggiore nel sostenere un’azione più forte sulle emissioni.

Ha affermato che in passato l’organismo aveva chiesto “un’azione nazionale forte e rapida” per affrontare la crisi climatica, ma la sua più recente dichiarazione sul clima si è concentrata sull’azione globale e non ha detto nulla sulla necessità dell’Australia di farsi avanti. .

“Se il governo albanese prende sul serio il suo impegno nei confronti dell’UNESCO per proteggere le barriere coralline, deve impegnarsi a zero emissioni nette entro il 2035 e smettere di approvare nuovi progetti di combustibili fossili”, ha affermato.

Gli scienziati hanno affermato che gli obiettivi di riduzione delle emissioni del governo – un taglio del 43% rispetto ai livelli del 2005 e zero emissioni nette entro il 2050 – sono coerenti con l’azione globale che potrebbe vedere la temperatura globale aumentare di 2 gradi Celsius.

Mercoledì in un'intervista con ABC Radio National, il ministro dell'Ambiente Tanya Plibersek ha affermato che il governo è “molto preoccupato per lo sbiancamento che stiamo vedendo in questo momento, sfortunatamente, non solo nella Grande Barriera Corallina, ma in tutto il mondo”.

Ha detto che il governo sta facendo “tutto il possibile” per raggiungere emissioni nette pari a zero. “Dobbiamo proteggere le barriere coralline perché sono… uniche al mondo e 64.000 persone dipendono da esse per il loro lavoro”, ha affermato.

Un portavoce della Coral Reef Authority ha affermato di aver confermato all’inizio di marzo che un diffuso sbiancamento dei coralli stava cominciando a manifestarsi. Hanno detto che le indagini sui coralli nelle acque continuano e che un rapporto contenente dati e mappe sarà pubblicato “nelle prossime settimane”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto