La guerra tra Israele e Hamas a Gaza e le trattative per il cessate il fuoco: aggiornamenti in tempo reale

Venerdì l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato a stragrande maggioranza una risoluzione che dichiara che i palestinesi possono beneficiare del pieno status di membro delle Nazioni Unite, una mossa altamente simbolica che riflette la crescente solidarietà globale con i palestinesi e un rimprovero a Israele e agli Stati Uniti.

La risoluzione è stata approvata con 143 voti favorevoli, 9 contrari e 25 astensioni. Dopo la votazione l’Assemblea Generale è scoppiata in un grande applauso.

Ma la decisione non significa che lo Stato palestinese sarà riconosciuto e accettato come membro a pieno titolo delle Nazioni Unite in tempi brevi. L’Assemblea Generale può garantire la piena adesione solo con l’approvazione del Consiglio di Sicurezza e, se la storia insegna, gli Stati Uniti inevitabilmente eserciteranno il loro veto per respingere tale azione, come hanno fatto in aprile.

Sebbene la maggioranza dell’Assemblea Generale sostenga da tempo la creazione di uno Stato palestinese, la risoluzione è stata la prima volta che l’organo ha votato sulla questione della piena adesione. La risoluzione dichiara che “lo Stato di Palestina ha i requisiti per diventare membro delle Nazioni Unite” secondo le regole della sua Carta e raccomanda al Consiglio di Sicurezza di riconsiderare la questione con un esito positivo.

La risoluzione è stata preparata dagli Emirati Arabi Uniti, attuale presidente del Gruppo Arabo delle Nazioni Unite, ed è stata sponsorizzata da 70 paesi. Gli Stati Uniti hanno votato no, insieme a Ungheria, Argentina, Papua Nuova Guinea, Micronesia e Nauru.

L’ambasciatore degli Emirati Arabi Uniti Mohammed Abu Shehab ha dichiarato, durante il suo discorso: “La stragrande maggioranza dei paesi in questa sala è pienamente consapevole della legittimità del dossier palestinese e della giustizia della sua causa, che oggi deve affrontare feroci tentativi di sopprimerlo e renderlo privo di significato. ” Presentazione della risoluzione a nome del Gruppo Arabo.

READ  Il numero delle vittime dell'incendio in una fabbrica a Taiwan è sceso a nove persone, di cui una dispersa. Le quattro vittime erano vigili del fuoco

Sebbene la decisione sia in gran parte simbolica, fornisce ai palestinesi nuovi privilegi diplomatici. I palestinesi ora possono sedere tra gli stati membri in ordine alfabetico; Possono parlare alle riunioni dell’Assemblea Generale su qualsiasi argomento invece di limitarsi alla questione palestinese. Possono apportare suggerimenti e modifiche; Possono partecipare alle conferenze delle Nazioni Unite e agli incontri internazionali organizzati dall’Assemblea e da altri enti delle Nazioni Unite.

L’Assemblea Generale, composta da 193 membri, ha discusso la questione dell’adesione dei palestinesi dopo che gli Stati Uniti hanno posto il veto in aprile contro una risoluzione del Consiglio di Sicurezza che riconosceva la piena appartenenza allo Stato palestinese. Mentre la maggioranza dei membri del consiglio ha sostenuto l’iniziativa, gli Stati Uniti hanno affermato che il riconoscimento di uno Stato palestinese deve essere ottenuto attraverso negoziati tra israeliani e palestinesi.

La frustrazione nei confronti degli Stati Uniti cova da mesi tra molti alti funzionari e diplomatici delle Nazioni Unite, compresi alleati come la Francia, perché Washington ha ripetutamente bloccato le risoluzioni di cessate il fuoco nel Consiglio di Sicurezza e ha sostenuto con forza la guerra di Israele contro Hamas a Gaza, anche se la sofferenza cresce. Civili.

“Gli Stati Uniti si sono rassegnati a un’altra brutta giornata alle Nazioni Unite”, ha affermato Richard Gowan, un esperto delle Nazioni Unite presso l’International Crisis Group, un’organizzazione per la prevenzione dei conflitti. Ma ha aggiunto che la decisione “dà ai palestinesi una spinta senza causare un collasso riguardo alla loro appartenenza o meno alle Nazioni Unite”.

Riyad Mansour, l’ambasciatore palestinese presso le Nazioni Unite, ha dichiarato all’Assemblea Generale prima del voto che il diritto dei palestinesi alla piena adesione alle Nazioni Unite e alla creazione di un proprio Stato “non è oggetto di negoziazione, ma piuttosto lo sono i nostri diritti intrinseci come palestinesi. .” Ha aggiunto che un voto contro la creazione di uno Stato palestinese è un voto contro la soluzione dei due Stati.

READ  Emergono dettagli sulle vittime di omicidi di massa in Canada

L’ambasciatore israeliano all’ONU Gilad Erdan, un forte critico dell’ONU, ha affermato che un voto per uno Stato palestinese inviterebbe uno “stato di terrore” al suo interno e ricompenserebbe i “terroristi” che hanno ucciso civili ebrei con concessioni, e ha invitato gli stati membri a sostenere Questo. È “Odiatori degli ebrei”.

Roberto A. ha detto: Wood, l’ambasciatore statunitense alle Nazioni Unite, ha affermato che mentre gli Stati Uniti sostengono la soluzione dei due Stati come unico mezzo per raggiungere una pace sostenibile, “l’opinione americana resta che le azioni unilaterali alle Nazioni Unite e sul terreno non porteranno progredire.” “Questo è l’obiettivo.”

Wood ha affermato che se l’Assemblea rinviasse la questione al Consiglio, si avrebbe di nuovo lo stesso risultato con gli Stati Uniti che bloccherebbero la mossa.

Le Nazioni Unite attualmente riconoscono i palestinesi come uno Stato osservatore non membro, uno status concesso loro dall’Assemblea Generale nel 2012. Essi non hanno diritto di voto sulle risoluzioni dell’Assemblea Generale o di nominare alcun candidato alle agenzie delle Nazioni Unite.

La Francia, uno stretto alleato degli Stati Uniti e uno dei cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza, ha sostenuto lo sforzo palestinese di creare uno Stato indipendente dalla posizione degli Stati Uniti nelle Nazioni Unite, sia con un voto del Consiglio che con l’Assemblea Generale. “È tempo che le Nazioni Unite si muovano con l’obiettivo di risolvere il conflitto israelo-palestinese, sulla base di una soluzione a due Stati”, ha detto venerdì nel suo discorso Nicolas de Rivière, ambasciatore francese alle Nazioni Unite. .

L’assemblea, che sarebbe dovuta durare fino a lunedì a causa della lunga lista dei relatori, non è stata priva di momenti di drammaticità performativa.

READ  Zelenskyj ucraino destituisce il capo della Guardia di Stato per un complotto omicida Notizie sulla guerra russo-ucraina

Il signor Erdan, l’ambasciatore israeliano, ha mostrato una foto del leader militare di Hamas, Yahya Sinwar, considerato l’architetto degli attacchi del 7 ottobre contro Israele, con la parola “Presidente”, quindi una macchina da taglio trasparente, e ha inserito un pezzo di carta all’interno. Ha detto che gli stati membri stanno “stracciando la Carta delle Nazioni Unite”.

Alla fine del suo discorso, il signor Mansour, l’ambasciatore palestinese, ha alzato il pugno in aria, trattenendo visibilmente le lacrime, e ha detto: “Palestina libera”. L’assemblea è scoppiata in un applauso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto