La Lituania chiude due valichi di frontiera con la Bielorussia

VILNIUS (Reuters) – Il governo lituano ha dichiarato mercoledì di aver deciso di chiudere due dei sei valichi di frontiera del Paese con la Bielorussia a causa di “circostanze geopolitiche”, settimane dopo che i mercenari russi del Wagner Group hanno cercato rifugio nel Paese.

Il governo non ha chiarito le circostanze o le minacce nelle sue motivazioni per la chiusura dei valichi di villaggio a partire da venerdì, poiché non erano utilizzati da veicoli commerciali.

Nelle ultime settimane, i funzionari lituani hanno scoraggiato i propri cittadini dal recarsi in Bielorussia, stretto alleato della Russia, affiggendo cartelli al confine che dicevano: “Non rischiare la tua incolumità – non recarti in Bielorussia. Potresti non riuscire a ritorno.”

La guardia di frontiera bielorussa ha affermato che la Lituania sta usando il pretesto di “presunte minacce alla sicurezza, inclusa la presenza di Wagner in Bielorussia” per frenare il flusso del commercio e delle persone lituane attraverso il confine.

“Con queste decisioni, la parte lituana sta consapevolmente e deliberatamente creando barriere artificiali al confine per servire le sue ambizioni politiche”, ha dichiarato il servizio della guardia di frontiera in una dichiarazione sul suo sito web.

La vicina Polonia quest’anno ha chiuso tutti i valichi di frontiera con la Bielorussia tranne uno dopo l’arresto di un giornalista di etnia polacca e l’espulsione di diplomatici polacchi.

La Lettonia, il terzo paese dell’UE confinante con la Bielorussia, ha due valichi funzionanti.

Martedì il ministro della difesa lettone ha ordinato ai militari di aiutare a proteggere il confine, dopo quasi 100 tentativi da parte di immigrati clandestini di attraversare dalla Bielorussia in 24 ore.

READ  La guerra russo-ucraina: elenco dei principali eventi, giorno 842 | Notizie sulla guerra russo-ucraina

La scorsa settimana la Polonia ha annunciato l’intenzione di spostare altri 10.000 soldati al confine con la Bielorussia per sostenere le guardie esistenti.

Nel 2021, Lettonia, Polonia e Lituania hanno affrontato una crisi migratoria quando migliaia di persone, principalmente dal Medio Oriente e dall’Africa, hanno iniziato ad attraversare dalla Bielorussia. Alla fine ricorsero a bandirli, una politica che è ancora in vigore.

I migranti continuano a presentarsi al confine, in numero molto minore.

Segnalazione aggiuntiva di Andreas Sitas, montaggio di Terry Solsvik, Angus McSwan e David Gregorio

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Acquisizione diritti di licenzaapre una nuova scheda

Andreus copre la politica e le notizie generali nei paesi baltici: Estonia, Lettonia e Lituania, i tre principali paesi sul fianco orientale della NATO, convinto filo-Ucraina e critici più accesi della Russia nella NATO e nell’UE. Ha scritto storie su tutto, dalla Cina che faceva pressioni sulle compagnie tedesche affinché lasciassero la Lituania sovvenzionando Taiwan agli immigrati iracheni nascosti nei boschi al confine con la Bielorussia a un contadino che bruciava grano per riscaldarsi durante una crisi energetica. Contatto: +37068274006.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto