La risposta di Biden a Netanyahu significa che la relazione americano-israeliana è cambiata per sempre

Sono trascorse meno di 24 ore da quando il presidente Joe Biden ha detto senza mezzi termini al primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu che ci sarebbero state conseguenze se l’esercito israeliano non avesse adottato misure per proteggere i civili palestinesi e gli operatori umanitari. Sembra che Netanyahu se ne sia accorto.

Secondo i funzionari della Casa Bianca, Biden ha utilizzato la conversazione per sfogare mesi di crescente frustrazione nei confronti del leader israeliano. L’ostinato rifiuto di Netanyahu di proteggere i civili palestinesi e l’insensibile disprezzo dell’esercito israeliano per la sicurezza di coloro che cercano di fornire a quegli stessi civili cibo e assistenza medica hanno causato il panico alla Casa Bianca. La morte di sette operatori umanitari che consegnavano cibo ai civili affamati per l'organizzazione no-profit World Central Kitchen in tre attacchi aerei mirati è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale John Kirby ha detto giovedì ai giornalisti che Biden aveva chiarito che “l’assenza di cambiamenti nella protezione dei civili sul terreno, l’assenza di cambiamenti nella quantità di aiuti umanitari in arrivo, l’assenza di qualsiasi movimento per un cessate il fuoco che consentirebbe agli ostaggi di uscire”. “L’uscita e l’entrata di maggiori aiuti, l’assenza di… calma, poiché dovrà riconsiderare le sue opzioni politiche riguardo a Gaza”.

“Se non ci sono modifiche a [Israeli] “La politica e i suoi metodi, quindi devono esserci cambiamenti nella nostra politica”, ha aggiunto Kirby.

READ  Aggiornamenti sulla guerra tra Israele e Hamas: Gaza riceve i primi aiuti dal bacino americano

Uno degli assistenti di Biden che gli hanno parlato L'indipendente Ha detto, a condizione di anonimato, che il presidente era ansioso di spingere Netanyahu ad apportare cambiamenti dopo aver parlato con José Andrés, il famoso chef con sede a Washington che ha fondato la World Central Kitchen. L'assistente ha aggiunto che Biden considera Andres un amico personale.

Per anni Netanyahu ha operato impunemente per quanto riguarda il modo in cui il suo Paese tratta i palestinesi, fiducioso di avere il sostegno quasi incondizionato dei leader americani. Non è un segreto che essere considerati “anti-israeliani” nel sistema politico americano può essere il bacio della morte. I repubblicani in particolare hanno cercato di rendere il sostegno a Israele una questione di parte.

Ciò è in parte dovuto a quella dinamica tossica che ha ostacolato la capacità di Biden di spingere Netanyahu a cambiare rotta.

Ma il presidente potrebbe non essere più impotente.

Nel giro di poche ore dalla telefonata tra il presidente degli Stati Uniti e il primo ministro israeliano, i funzionari israeliani hanno annunciato l'apertura di un altro valico terrestre nel nord di Gaza. Questa apertura dovrebbe consentire l’afflusso di aiuti in una zona di conflitto che da settimane è sull’orlo della carestia.

Inoltre, venerdì scorso, l’IDF ha pubblicato i risultati di un’indagine preliminare su come i suoi soldati professionisti altamente addestrati hanno lanciato tre missili separati contro tre veicoli recanti il ​​logo Global Central Kitchen. La conclusione è che il “grave errore” che ha ucciso gli operatori umanitari è stato “un fallimento critico dovuto a un errore di identità, a errori nel processo decisionale e a un attacco contrario alle procedure operative standard”.

READ  L'Ucraina segnala radiazioni di Chernobyl elevate ma "non critiche".

L’ammiraglio Daniel Hagari, portavoce militare israeliano, ha detto ai giornalisti in una conferenza stampa giovedì scorso che l’attacco al convoglio umanitario è stata una “tragedia” e “un evento serio di cui siamo responsabili”. Ha ribadito che questo “non sarebbe dovuto accadere”.

L'esercito israeliano ha detto che i pubblici ministeri militari valuteranno se qualcuno coinvolto negli attacchi debba affrontare un processo militare. Valuterà inoltre se i due agenti licenziati a causa del loro coinvolgimento negli scioperi verranno riassegnati o licenziati dal servizio.

Kirby, portavoce del Consiglio di Sicurezza Nazionale, ha detto venerdì ai giornalisti che le azioni intraprese da Israele nelle ultime 24 ore sono state un buon inizio. Ma ha sottolineato che gli Stati Uniti sono ancora in una modalità di attesa quando si tratta di valutare la risposta di Israele alle richieste di Biden.

Si è rifiutato ripetutamente di esprimere la sua opinione sulla sostanza dell'indagine israeliana e ha affermato che era sotto esame da parte di funzionari americani.

“Ciò che conta davvero per noi… è che questi cambiamenti siano verificabili, che siano sostenibili e che vengano adottate le misure appropriate per garantire che qualcosa come il colpo accaduto a Global Central Kitchen pochi giorni fa possa essere efficace.” “Non accadrà più”, ha detto. “Quindi valuteremo l’azione di sciopero per assicurarci che stiano facendo tutto il possibile per prevenire un altro errore come questo”.

Kirby ha anche detto ai giornalisti che gli Stati Uniti stanno osservando per vedere se gli impegni presi da Israele per aumentare gli aiuti umanitari a Gaza rimangono “sostenibili”.

Andres, fondatore di World Central Kitchen, ha affermato di non essere ancora soddisfatto del rapporto condotto da Israele e ha chiesto un'indagine esterna. Potrebbe ottenerne uno, a seconda di come l’amministrazione Biden vede l’indagine israeliana, condotta dall’equivalente nazionale di un ispettore generale indipendente.

READ  Centinaia di manifestanti filo-palestinesi si riuniscono sotto la pioggia nella capitale per ricordare il presente e il doloroso passato

Il governo Netanyahu potrebbe mantenere i suoi impegni, il che significa, in teoria, che Biden non avrebbe motivo di cambiare alcuna politica nei confronti di Israele o Gaza. Ma solo perché non vi è stato alcun cambiamento politico non significa che non vi sia stato alcun cambiamento.

Non è più un tabù per un presidente americano pensare di collegare l'assistenza alla difesa al comportamento di Israele sul campo di battaglia.

Anche se così non fosse, il fatto che ora se ne possa discutere apertamente alla Casa Bianca potrebbe essere il più grande cambiamento derivante da questa guerra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto