La tempesta solare più veloce degli ultimi anni ha causato una bellissima aurora verde e viola

Gli osservatori del cielo hanno segnalato una bellissima aurora verde, viola e rossa nel cielo domenica in alcune località in Europa, Nuova Zelanda e parti degli Stati Uniti settentrionali, almeno per un breve periodo. L’aurora boreale, nota anche come aurora boreale e australe, è stata causata dalla tempesta solare più rapida degli ultimi cinque anni, ma è diminuita man mano che l’attività geomagnetica diminuisce rapidamente.

In Finlandia, “l’aurora boreale ha fatto una danza spettacolare subito dopo il tramonto”, ha scritto Alexander Kuznetsov, un sedicente “cacciatore di aurore”. SpaceWeather.com. “È iniziato come un arco acuto e danzante sull'orizzonte meridionale, per poi spostarsi rapidamente verso l'alto, creando alcune delle aurore rosse e viola più vibranti che abbia mai visto in tutta la mia carriera di cacciatore di aurore!”

Matti Helin, un altro osservatore dell'aurora nel sud-ovest della Finlandia, Egli ha detto Il “bellissimo spettacolo” è durato solo 20 minuti.

La potente tempesta solare e gli spettacolari spettacoli di luci arrivano quando il sole raggiunge il suo apice tra due decenni. Gli scienziati si aspettano una maggiore attività aurorale nei prossimi anni, compresi i prossimi mesi.

Intense esplosioni sul sole

L'aurora inizia quando il Sole invia un'onda di particelle solari verso la Terra e disturba il nostro campo magnetico, creando una tempesta geomagnetica. Le particelle solari eccitano le molecole di ossigeno e azoto nell'atmosfera superiore e rilasciano fotoni di luce, che vediamo come aurore.

Le tempeste geomagnetiche sono valutate su una scala da 1 (minore) a 5 (grave) dallo Space Weather Prediction Center della NOAA. Domenica, la tempesta geomagnetica ha raggiunto il livello G4, ma poche ore dopo si è indebolita ai livelli G2 e G1.

READ  La NASA pubblica un e-book gratuito sui misteri dello spazio di Hubble

Lunedì mattina un rapido flusso di particelle solari ha continuato a colpire il campo magnetico terrestre, muovendosi ancora al doppio della sua velocità normale. Bill Murtagh, coordinatore del programma per il Centro di previsione meteorologica spaziale della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), ha affermato che la possibilità di una forte attività dell’aurora è stata ridotta a causa della debole attività geomagnetica.

I migliori spettacoli crepuscolari si sono verificati in alcune parti dell’Europa e dell’emisfero meridionale, quando l’attività G4 coincideva con la sera o la notte. Sfortunatamente, le condizioni G4 si sono verificate durante il giorno per gli Stati Uniti, quando il nostro sole ha bloccato lo spettacolo di luci, ma le parti settentrionali del paese hanno comunque visto alcune luci danzanti durante la tempesta geomagnetica più debole notturna.

La Nuova Zelanda, poiché era prima dell’alba quando colpì la tempesta solare, era in una buona posizione per osservare l’aurora boreale.

“Mentre le nuvole interferivano con la vista, l'aurora boreale era forte nonostante la luna piena”, ha scritto sul suo sito web Ian Griffin, un fotografo della penisola di Otago in Nuova Zelanda. SpaceWeather.com.

La settimana scorsa gli scienziati hanno monitorato l’attività geomagnetica su un gruppo di macchie solari, o aree scure e più fredde del sole. Le macchie solari sono aree in cui il campo magnetico del Sole è molto forte. Murtagh ha affermato che le linee del campo magnetico vicino alle macchie solari spesso si aggrovigliano, si intersecano e si riallineano finché la pressione non si accumula e provoca un grande rilascio di energia.

L’attività è esplosa attorno alle macchie solari venerdì sera. Uno degli eventi fu un'impressionante eruzione solare, che inviò un'intensa onda di radiazione elettromagnetica sulla Terra. Secondo uno scienziato meteorologico spaziale, l’evento del brillamento solare è durato diverse ore e ha influenzato le comunicazioni radio Tamitha Skov.

READ  Lo studio afferma che le stelle marine non hanno braccia, ma piuttosto una testa pentagonale

Murtagh ha detto che più o meno nello stesso momento si è verificata un'altra esplosione sulla superficie del sole. L’eruzione, o espulsione di massa coronale, si è irradiata dal centro del sole e ha inviato un’onda di particelle solari direttamente verso la Terra. L'esplosione era commovente Incredibilmente veloce Murtagh ha affermato che la velocità del vulcano ha raggiunto circa 1,7 milioni di miglia orarie e ha raggiunto la Terra circa 10 ore prima del previsto, che è l’eruzione più rapida nell’attuale ciclo solare.

“Quando abbiamo calcolato quanto velocemente [the eruption] “Ci sono volute poco più di 37 ore per andare dal sole alla Terra”, ha detto Murtagh. Ogni volta che vediamo qualcosa sotto le 40 ore, è troppo veloce.

Perché l’attività dell’aurora è diminuita così rapidamente?

Ma anche un potente colpo diretto da parte di un’espulsione di massa coronale in rapido movimento non è sufficiente per garantire una meravigliosa propagazione dell’aurora. Anche la direzione magnetica di un’espulsione di massa coronale deve essere esattamente parallela alla Terra per una forte connessione, come se si collegassero due barre magnetiche insieme.

“Si parla spesso della direzione magnetica del [coronal mass ejection]”Come si accoppia con il campo magnetico terrestre”, ha detto Murtagh. “Quello che abbiamo visto inizialmente è stata una forte reazione… ma è durata per un periodo relativamente breve.”

L'onda iniziale di un'espulsione di massa coronale è fortemente accoppiata al campo magnetico terrestre ed emerge in una forte direzione sud per contattare la Terra, registrata come una tempesta G4. Dove il cielo era buio, la gente poteva vedere la bellissima aurora boreale. Murtagh ha anche ricevuto segnalazioni da operatori di rete dalla Columbia Britannica al Quebec, che hanno segnalato irregolarità di tensione ma le hanno gestite.

READ  Il Webb Space Telescope ha appena pubblicato due straordinarie immagini della Nebulosa Anello

Ma quando la maggior parte della massa coronale raggiunse la Terra alcune ore dopo, la direzione magnetica si invertì, proprio come una palla da baseball che gira nell’aria. L’espulsione della massa coronale ha ora preso una direzione più a nord, indebolendo il suo accoppiamento con il campo magnetico terrestre. La tempesta geomagnetica si è poi indebolita ai livelli G1 e G2 durante la notte, ha detto Murtagh.

Anche se la tempesta geomagnetica si è indebolita, alcuni osservatori del cielo alle latitudini settentrionali sono ancora in grado di catturare le luci danzanti.

Ma se ti sei perso l'attività della domenica perché stavi dormendo o perché era giorno, non preoccuparti. L'attività del sole diminuisce e scorre ogni 11 anni circa, noto come ciclo solare. Gli scienziati si aspettano che nei prossimi mesi il sole raggiunga il culmine del suo attuale ciclo solare.

“Commento. Ce ne saranno altre in arrivo”, ha detto Murtagh. “Vedremo più di questo tipo di esplosioni nei prossimi mesi a causa della fase del ciclo solare.”

Jason Samino ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto