L’attacco missilistico russo trasforma la cerimonia di premiazione dell’Ucraina in un bagno di sangue

KIEV – I membri della 128a Brigata d’assalto da montagna ucraina si sono riuniti venerdì mattina per una cerimonia di premiazione vicino alla linea del fronte nella regione sud-orientale di Zaporizhia, in Ucraina, continuando una tradizione militare risalente all’epoca sovietica, che gli ufficiali ucraini hanno mantenuto per sollevare il morale tra le truppe esauste.

“L’era sovietica è tornata”, ha detto un membro della 128a Brigata, che ha parlato in condizione di anonimato per descrivere gli eventi delicati. “Era come nelle scene dei film di propaganda russi della Seconda Guerra Mondiale, con i soldati in fila, che sembravano splendenti”.

Ma invece di celebrare il coraggio e il servizio reso dai combattenti, la cerimonia di premiazione si trasformò in un bagno di sangue. Un attacco missilistico russo ha ucciso almeno 19 soldati presenti, tra cui diversi ufficiali di alto rango e alcuni dei migliori guerrieri della brigata. Molti di loro si sono tolti il ​​casco durante le procedure e hanno riportato ferite alla testa. Decine di altri sono rimasti feriti.

Un membro della 2a Brigata, che ha parlato con i suoi colleghi dopo l’incidente e ha chiesto di rimanere anonimo, ha detto: “Quando è avvenuto l’attacco, era difficile determinare quante persone siano rimaste ferite o uccise”. Ha aggiunto: “Un attimo dopo l’attentato sono stati contati 21 corpi. Non è noto se tutti siano sopravvissuti in ospedale o meno.

L’attacco alla 128a Brigata ha scatenato un’ondata di critiche pubbliche sui social media, cosa insolita per l’Ucraina – una società che istintivamente minimizza le vittime sul campo di battaglia per patriottismo e paura di fornire carburante alla macchina di propaganda russa.

Inizialmente, infatti, non vi era alcun annuncio pubblico sull’incidente mortale avvenuto nel villaggio di Zarekhny, a circa 20 miglia dalla linea del fronte.

La notizia dell’attacco missilistico ha iniziato a diffondersi sui social media più tardi venerdì e durante il fine settimana.

Domenica, i media ucraini hanno riferito dell’attacco, e il ministro della Difesa ucraino Rustam Umarov ha detto che una “tragedia” ha colpito la brigata, ma non ha fornito alcun dettaglio. Successivamente, la 128a Brigata ha pubblicato il bilancio delle vittime sulla sua pagina Facebook.

Man mano che crescono le frustrazioni per la guerra, la situazione di stallo diventa un test per Zelenskyj e il generale Zalozny

READ  Un Boeing 737 ha preso fuoco ed è uscito di pista in un aeroporto del Senegal, ferendo 10 persone.

Le pesanti perdite derivanti dalla cerimonia, tenutasi in onore della Giornata delle forze missilistiche e di artiglieria ucraine, hanno sollevato interrogativi urgenti sul perché un evento pubblico così grande si sia svolto in un luogo che poteva essere facilmente visto dai droni russi ed era a lungo raggio. . Missili russi.

Un missile russo, due secondo alcuni, ha colpito il raduno 10 minuti dopo l’inizio della cerimonia, intorno alle 10 del mattino.

Le cerimonie di premiazione sono spesso piccole, a cui partecipano circa 30 persone e si svolgono in un bunker o una trincea ben protetti. Ma i membri del battaglione hanno detto che la manifestazione di venerdì si è svolta in un’area aperta e ha coinvolto quasi 100 persone, tra cui diverse persone che non hanno ricevuto medaglie.

“Hanno radunato persone da tutte le unità, le persone migliori”, ha detto un soldato ucraino che aveva familiarità con l’accaduto. “Ce n’erano 43 sulla lista [of those to receive medals]”.

“In realtà c’erano molte più persone, perché dovevano essere trasportate lì, e c’erano circa 20 veicoli”, ha detto.

Lunedì l’Ufficio investigativo statale ucraino ha dichiarato di aver aperto un’indagine penale sulle circostanze dell’attacco, basata sul reato di “negligenza di un ufficiale militare in servizio”.

Il membro della prima brigata ha detto che il luogo della cerimonia “era sempre nel raggio di attacchi di missili balistici e di tutto ciò che volava in lontananza”.

Il missile ha colpito il cortile di uno degli edifici dove si è svolta la cerimonia e la strada antistante lo stesso.

Riferendosi alle numerose ferite alla testa, il soldato ha detto: “I paramedici hanno detto di non aver visto nulla di simile dall’inizio della guerra totale”.

L’Ucraina dice che la brigata missilistica russa attacca a Zaporizhia

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha menzionato più volte lo sciopero cerimoniale negli ultimi giorni, esprimendo le sue condoglianze alle famiglie delle persone uccise. Zelenskyj nel suo discorso di domenica sera ha detto che si trattava di “una tragedia che avrebbe potuto essere evitata”.

Lunedì il presidente ha annunciato personalmente la sospensione del comandante della brigata Dmytro Lysyuk fino al proseguimento delle indagini.

“L’intera situazione viene analizzata minuto per minuto”, ha detto Zelenskyj. “Verrà scoperto chi ha violato esattamente le norme relative alla sicurezza delle persone nell’area accessibile alla ricognizione aerea nemica. Non ci sarà alcuna elusione di responsabilità.”

READ  Biden ospiterà le Isole del Pacifico, con in mente una Cina in ascesa

La questione principale è come i russi abbiano saputo prendere di mira il partito, hanno detto i membri della brigata.

“Non è ancora chiaro cosa sia successo esattamente: se sono stati i residenti locali a chiamare e denunciare un gruppo di persone che si stavano radunando o se c’è stata una fuga di informazioni dal quartier generale interno delle brigate”, ha detto il membro della prima brigata.

Ma ha detto che lo sciopero deve essere pianificato in anticipo. “Non è possibile lanciare un missile in due o 15 minuti: quando il nemico ha puntato un missile lì, era ben consapevole che c’era molta spinta e che sarebbe stato un colpo molto grande”, ha detto.

C’erano anche rapporti contrastanti su chi avesse organizzato la festa e a che ora avrebbe dovuto iniziare. Alcuni hanno detto che l’evento è stato ritardato di 30 minuti, lasciando i soldati in piedi nel cortile per molto tempo. Il membro della 2a brigata ha detto che Lysyuk, il comandante della brigata, è arrivato alla cerimonia tardi, pochi minuti dopo il colpo del missile.

Il membro della Seconda Brigata ha detto: “Tutti sono arrabbiati per questo”. “Avrebbero potuto emettere un ordine per spostare tutto in un altro luogo o in qualche luogo di rifugio. Spostare tutto e celebrare lì la cerimonia.

Ha aggiunto: “Perché questo non è accaduto, non lo so.” “È solo stupidità militare.”

Una granata regalo di compleanno uccide un aiutante del leader supremo dell’Ucraina

Tuttavia, anche dopo l’attacco, alcuni funzionari hanno difeso l’assegnazione di medaglie vicino alla zona di combattimento. L’ex viceministro della Difesa Hanna Maliyar ha affermato che le celebrazioni sono una “parte molto importante” della cultura militare.

“Personalmente sono stato onorato di assegnare premi ministeriali e internazionali ai nostri soldati in prima linea: questo è un momento molto emozionante per tutti”, ha scritto Maliyar sulla piattaforma di messaggistica Telegram. Ha aggiunto che tali eventi hanno un significato speciale, perché “questo avviene in presenza di fratelli d’armi, e non da soli”.

Maliar ha scritto che i russi avrebbero potuto venire a conoscenza del partito attraverso una “fuga involontaria di informazioni” dovuta al “fattore umano”.

READ  Cronaca: Arrestato il viceministro della Difesa di Putin con l'accusa di alto tradimento

“A causa del fatto che la guerra su larga scala va avanti da più di un anno, in molti il ​​senso di pericolo è svanito”, ha scritto. “È difficile per una persona essere costantemente in uno stato di elevata attenzione e concentrazione a rischio di morte.”

Ma il soldato ha detto che la pratica delle celebrazioni in stile sovietico dovrebbe cessare immediatamente. E ha aggiunto: “I soldati, gli ufficiali e il personale militare temono che ciò non accada e che la cosa si ripeta, Dio non voglia”.

Il soldato ha detto che se i parenti dei soldati non avessero “lanciato un grido” sui social media dopo l’attacco, “nessuno lo avrebbe saputo”.

Dopo il raid, Viktor Mikita, governatore della regione sud-occidentale della Transcarpazia, dove solitamente è di stanza la 128a Brigata, ha annunciato un periodo di lutto di tre giorni. Lunedì gli abitanti delle due città più grandi della regione, Uzhgorod e Mukachevo, hanno tenuto veglie a lume di candela in onore delle vittime.

Tuttavia, la 128a Brigata da montagna attira i suoi membri da tutta l’Ucraina. Mercoledì, decine di persone si sono radunate in una chiesa nel centro di Kiev per partecipare al funerale di Mykyta Vlaskov, 25 anni, morto nel raid.

Tra le persone in lutto c’era un gruppo di compagni di scuola di Vlaskov, che si conoscevano dalla prima media. Oleksiy Herasimchuk, 25 anni, ha detto che gli amici avrebbero incontrato Vlaskov ogni volta che tornava a casa dal fronte. Ha detto che l’ultima volta è stato il 18 agosto.

Herasymchuk ha detto che 10 dei loro compagni di classe facevano parte di una chat di gruppo su Telegram e che Vlaskov di solito “risponde molto rapidamente ai miei messaggi”.

“Seguo molti canali di notizie, quindi gli ho mandato un messaggio immediatamente dopo la notizia dell’attacco al suo battaglione”, ha detto Herasymchuk. “Non ha risposto ed è da venerdì che cerchiamo notizie su di lui.” Domenica la madre di Vlaskov ha detto agli amici che era morto.

“Era talentuoso, interessante e davvero elegante. Disegnava”, ha detto Herasimchuk, aggiungendo che l’attacco “non è solo una tragedia per questa brigata, ma per l’intera Ucraina”.

Andrey Schulz di Uzhgorod, Ucraina, ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto