Le azioni sono rimaste poco modificate in vista dei dati chiave sull’inflazione

Morgan Stanley prevede che l’S&P 500 chiuderà il 2024 a 4.500

Mike Wilson di Morgan Stanley prevede che le azioni si stabilizzeranno sostanzialmente nel 2024.

Wilson prevede che gli utili dell’S&P 500 (^GSPC) cresceranno fino a 229 dollari per azione, portando all’obiettivo di fine anno dell’indice di riferimento di 4.500. Questo obiettivo rappresenta un rialzo di circa il 2% rispetto ai livelli attuali, ben al di sotto del rendimento medio annuo. circa 10% Per l’indice Standard & Poor’s 500.

Le previsioni di Wilson derivano, in parte, dai commenti poco brillanti delle aziende sulla salute dell’economia e dei consumatori statunitensi entro il 2024.

“Sebbene le prospettive a medio termine per gli utili sembrino positive, il contesto a breve termine rimane impegnativo”, ha scritto Wilson. “La gamma di revisioni degli utili, che in genere guida le stime di consenso, è tornata indietro e si trova al livello più basso da marzo di quest’anno. Questa tendenza è supportata da commenti aziendali generalmente più cauti, che si concentrano ancora una volta sulla macroeconomia.”

Wilson sottolinea inoltre come l’erosione dello stimolo fiscale per alimentare la spesa dei consumatori e l’impatto della strategia dei tassi di interesse “più alti per più tempo” della Fed stiano “incidendo sempre più sulla fiducia delle imprese e dei consumatori”.

“La combinazione di questi fattori suggerisce che gli ostacoli agli utili probabilmente persisteranno fino all’inizio del prossimo anno prima che prenda piede una ripresa duratura”, ha scritto Wilson.

Ancora più importante, Wilson, che è stato pessimista riguardo al mercato e agli utili sin da prima del ritiro del 2022, vede futuri miglioramenti degli utili nel 2024.

READ  Le azioni americane salgono mentre gli investitori attendono la decisione della Fed e gli utili di Apple

Secondo lui, la leva operativa positiva e la crescita guidata dall’intelligenza artificiale guidano l’espansione dei margini. Ciò è in linea con molti analisti che prevedono che il calo degli utili raggiungerà probabilmente il fondo nel quarto trimestre, con le società S&P 500 che dovrebbero emergere dal crollo degli utili durante l’attuale periodo di riferimento.

Wilson sottolinea che la pressione sui margini è un driver primario comune della stagnazione degli utili poiché le aziende adeguano le loro operazioni per aumentare i profitti. Osung Kwon della Bank of America ha recentemente dichiarato a Yahoo Finance che il suo team è diventato sempre più fiducioso su ciò che è accaduto e che le aziende sono ben posizionate verso il 2024. Wilson la pensa allo stesso modo riguardo al riequilibrio delle aziende.

“Ci vuole tempo perché le aziende ridimensionino le spese in linea con il rallentamento della crescita dei ricavi”, ha scritto Wilson. “Tuttavia, una volta che ciò accade e la domanda inizia a riprendersi, la leva operativa positiva riprende e guida l’espansione dei margini e la crescita degli utili. Queste previsioni sono incluse nelle nostre prospettive per il 2024 (crescita +7%) e nelle prospettive sugli utili per il 2025 (crescita +16%). “

Leggi di più qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto