L’ex cancelliere austriaco Kurz accusato di falsa dichiarazione – DW – 18/08/2023

Lo ha detto venerdì l’ufficio del pubblico ministero austriaco per i crimini economici e la corruzione (WKStA). L’ex cancelliere Sebastian Kurz accusato di aver rilasciato false dichiarazioni.

Ha 36 anni Si è dimesso nel 2021 In mezzo a una serie di accuse sulla scia Scandalo “Ibizagate”. che ha intrappolato il Partito della Libertà di estrema destra (FPÖ), ex partner della coalizione di Kurz.

Quali sono le accuse contro Kurtz?

L’accusa riguardava dichiarazioni rese da Kurz a una commissione investigativa del parlamento austriaco.

Kurz avrebbe minimizzato il suo ruolo nella nomina del giugno 2020 di Thomas Schmid, presidente della holding statale Obag.

Il politico all’epoca affermò di essere stato informato della decisione in anticipo, ma non fu coinvolto ulteriormente.

Tuttavia, a causa delle prove dei messaggi di chat, l’ufficio del procuratore generale afferma che era più coinvolto nell’appuntamento.

L’accusa di falsa testimonianza può portare fino a tre anni di reclusione.

Schmid, un ex confidente di Kurtz, ha detto ai pubblici ministeri che Kurtz sapeva di appropriazione indebita di fondi pubblici tra il 2016 e il 2018 per promuovere la sua ascesa, secondo fughe di notizie rilasciate ai media.

Giornale scandalistico gratuito Heot Presumibilmente ha pubblicato articoli impressionanti in cambio di pubblicità finanziate con fondi pubblici.

Risposta del consigliere precedente

Curtis ha rilasciato una dichiarazione sulla piattaforma di social media X, precedentemente nota come Twitter, poco dopo aver informato i giornalisti che un atto d’accusa era imminente. IL ex politico Ha detto di non essere sorpreso dal fatto che l’ufficio del Pubblico Ministero “abbia deciso di presentare una denuncia penale nonostante 30 certificati di diniego”.

READ  Esclusivo: fonti dicono che è improbabile che Biden partecipi alla conferenza sul clima di Dubai

Kurz ha dichiarato: “Le accuse sono false e non vediamo l’ora di rivelare finalmente la verità e dimostrare che le accuse sono infondate in tribunale”.

Ex ala destra “Wunderkind”

Kurtz, una volta una stella nascente tra i conservatori di tutta Europa, ha presieduto la Coalizione due volte in Austria, la prima quando aveva solo 31 anni.

La commissione d’inchiesta stava indagando sulla presunta corruzione nella prima coalizione di cui Kurz era presidente Partito popolare conservatoredal 2017 fino al suo collasso nel 2019.

Kurz ha posto fine a quel governo dopo che è emerso un video che mostrava l’allora vice cancelliere e leader dell’FPÖ Heinz-Christian Strache che sembrava fornire favori a un presunto investitore russo.

Dal 2020 è a capo di un governo di coalizione dell’ÖVP-Green Party, ma si è dimesso nell’ottobre 2021 per accuse di pubblicità sui giornali.

Kurz ha annunciato il suo completo allontanamento dalla politica pochi mesi dopo. Da allora è diventato un uomo d’affari e un lobbista.

rc/ab (dpa, Reuters)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto