Lo STEREO-A della NASA torna sulla Terra dopo un viaggio di 17 anni intorno al Sole

Quasi 17 anni fa, la navicella spaziale A dell’Osservatorio per le relazioni solari-terrestri della NASA si è spostata nello spazio in una missione solitaria. Ha viaggiato intorno al sole lontano dalla terra e ha svolto ricerche rivoluzionarie su stella del sistema solare.

Come molti veicoli spaziali della NASA, STERO-A è sopravvissuto al suo periodo di missione di due anni. Invece, ha viaggiato sempre più lontano dalla Terra in un viaggio che è diventato pieno di incertezze quando è passato dietro il sole nel 2015, interrompendo temporaneamente il contatto con la NASA. Nello stesso anno, l’agenzia perse i contatti con la nave gemella di STEREO-A, STEREO-B, che si trovava su una rotta simile.

Ma STEREO-A persisteva. E il suo percorso orbitale attorno al sole significa che ha la possibilità di fare ciò che pochissimi altri veicoli spaziali della NASA possono fare: alla fine tornare a casa.

Ciò si è concretizzato all’inizio di questo mese, quando STEREO-A è passato tra il Sole e la Terra per la prima volta dal suo lancio nel 2006, ha affermato la NASA. annunciare. Il sorvolo è stato una pietra miliare per il veicolo spaziale e il team che ne ha monitorato i progressi e un’opportunità per STEREO-A di dimostrare il proprio valore quasi due decenni dopo. Mentre continua a passare attraverso la Terra, STEREO-A verrà utilizzato per condurre una nuova ricerca del Sole, con l’aiuto dei nuovi satelliti della NASA in fase di sviluppo sin dal suo lancio.

“Questo è un momento in cui questa missione tornerà a brillare”, ha detto al Washington Post la scienziata del programma STEREO Lika Guhatakurta.

READ  Filmati straordinari mostrano un satellite in fiamme che cade sulla Terra: ScienceAlert

I due veicoli spaziali STEREO sono stati lanciati nell’ottobre 2006 con una missione ambiziosa: creare una vista a 360 gradi del Sole osservando la stella da due punti di osservazione mentre orbita deviando dalla Terra in direzioni opposte. STEREO-A ha orbitato attorno al Sole di fronte alla Terra e STEREO-B ha iniziato a orbitare attorno al Sole nella direzione opposta dietro la Terra.

Guathakurta ha affermato che la differenza di prospettiva è stata rivoluzionaria. Gli strumenti a terra possono individuare solo un pezzo del Sole rivolto verso la Terra alla volta, mentre il resto della superficie solare in rapida evoluzione rimane oscurato. La navicella spaziale gemella STEREO ha permesso agli scienziati di fare proprio questo Yasser Una vista a 360 gradi del sole per la prima volta, un’impresa ancora sorprendente a Guathcorta.

“Vedere il sole dalla parte anteriore e dall’altra parte allo stesso tempo – straordinario”, ha detto. “Siamo sul pianeta terra, umani, e lo stiamo facendo accadere.”

STEREO ha anche permesso agli scienziati di studiare meglio la superficie oscillante del sole e i pericoli che ne derivano. I due veicoli, che funzionano nello stesso modo in cui gli occhi creano la percezione della profondità, hanno fornito una visione 3D del sole e del sole. Espulsione di massa coronale – un fenomeno in cui pennacchi di plasma e campo magnetico si proiettano verso l’esterno dall’atmosfera esterna del sole a centinaia o migliaia di miglia al secondo, minacciando potenzialmente la rete energetica e i satelliti della Terra, così come altri pianeti e la navicella spaziale della NASA. Queste immagini hanno permesso agli scienziati di tracciare la forma, la densità e la velocità dell’espulsione di massa coronale mentre si propaga attraverso il sistema solare.

READ  Cosa è successo a tutti i buchi neri supermassicci? Gli astronomi sono rimasti sorpresi dai dati di Webb

Con STEREO-A e STEREO-B ancora nelle loro orbite, hanno fatto proprio questo Avvicinati Il lato più lontano del Sole nel 2014. È stata una testimonianza della distanza che hanno percorso, ma anche un enorme rischio: spostarsi direttamente dietro il Sole avrebbe interrotto la comunicazione tra la navicella e la NASA per diversi mesi.

I due veicoli spaziali ribelli, anni dopo la loro data di scadenza, non sono stati progettati per funzionare offline dalla NASA a lungo. Durante lo svolgimento dei test in preparazione alla disattivazione, l’agenzia ha perso il contatto con STEREO-B. Tuttavia, la NASA ha ripreso brevemente i contatti con il veicolo spaziale nel 2016 determinato che un elemento malfunzionante lo aveva mandato in una rotazione incontrollabile, lasciandolo incapace di puntare correttamente l’antenna oi pannelli solari, e l’agenzia ha abbandonato gli sforzi di recupero.

Tuttavia, STEREO-A è emerso indenne dal lato più lontano del sole e ha iniziato il lungo viaggio di ritorno verso la Terra. All’inizio di questo mese, il veicolo spaziale è passato tra la Terra e il sole, a circa 5 milioni di miglia dalla Terra, secondo alla NASA.

Guathakurta ha detto che la navicella spaziale è tornata vicino alla Terra appena in tempo. Quando STEREO-A è stato lanciato 17 anni fa, osservava il sole durante il minimo solare, un punto basso nel ciclo di 11 anni di alta e bassa attività solare. Ciò ha limitato il numero di espulsioni di massa coronale e altri fenomeni inizialmente osservati dal veicolo spaziale. Il ritorno di STEREO-A quest’anno ha coinciso con un periodo di intensa attività solare.

E il suo rapido volo significa che può finalmente tornare al lavoro che faceva una volta con il fratello scomparso. L’agenzia ha affermato che una flotta capace di satelliti e sonde vicini alla Terra aiuterà STEREO-A a ricreare l’immagine 3D del Sole una volta acquisita con STEREO-B.

READ  Rompere l'approssimazione di Born-Oppenheimer: gli esperimenti rivelano fenomeni quantistici a lungo teorizzati

STEREO-A continuerà a lavorare ai margini della fisica solare. Gli scienziati sperano di utilizzare i nuovi dati raccolti durante il sorvolo del veicolo spaziale per un altro esame teoria Gli anelli coronali – archi giganti di materiale solare che attraversano la superficie del sole se visti alla luce ultravioletta – possono essere illusioni ottiche.

Per Guhathakurta, che ha iniziato a lavorare alla missione STEREO nel 1998, la perseveranza di STEREO-A dopo un viaggio così lungo è incoraggiante.

“È come vedere i tuoi figli crescere e fare cose straordinarie”, ha detto Guathakurta. Ha aggiunto che la missione STEREO-A potrebbe non finire, a seconda delle decisioni di budget della NASA. In entrambi i casi, STEREO-A continuerà la sua traiettoria in un’altra orbita attorno al sole.

“Non stanno a casa”, ha aggiunto con una risata. “Se ne vanno molto velocemente.”

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
3,878FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles