L’OMS sta conducendo una missione umanitaria congiunta ad altissimo rischio presso l’ospedale Al-Shifa di Gaza

Questa mattina, un team congiunto di valutazione umanitaria delle Nazioni Unite guidato dall’OMS ha visitato l’ospedale Al-Shifa nel nord di Gaza per valutare la situazione sul campo, condurre una rapida analisi situazionale, valutare le priorità mediche e stabilire opzioni logistiche per ulteriori operazioni. Il team era composto da esperti di sanità pubblica, funzionari logistici e personale di sicurezza di OCHA, UNDSS, UNMAS/UNOPS, UNRWA e OMS.

La missione si è scontrata con le Forze di Difesa Israeliane (IDF) per garantire un passaggio sicuro lungo il percorso concordato. Tuttavia, si trattava di un’operazione ad alto rischio in una zona di intenso conflitto, con pesanti combattimenti che si svolgevano nelle vicinanze dell’ospedale.

In precedenza, l’IDF aveva emesso ordini di evacuazione per i restanti 2.500 sfollati interni che si erano rifugiati nel complesso dell’ospedale. Loro, insieme a molti pazienti mobili e al personale ospedaliero, avevano già lasciato la struttura quando è arrivata la squadra.

A causa dei limiti di tempo legati alla situazione di sicurezza, il team ha potuto trascorrere solo un’ora all’interno dell’ospedale, che hanno descritto come una “zona della morte” e la situazione come “disperata”. C’erano segni di bombardamenti e spari. La squadra ha visto una fossa comune all’ingresso dell’ospedale e gli è stato detto che lì erano sepolte più di 80 persone.

Privo di acqua pulita, carburante, medicine, cibo e altri aiuti essenziali nelle ultime 6 settimane, l’ospedale Al-Shifa – un tempo l’ospedale di riferimento più grande, avanzato e meglio attrezzato di Gaza – ha sostanzialmente smesso di funzionare come struttura medica. Il team ha osservato che la situazione della sicurezza ha reso impossibile per il personale effettuare un’efficace gestione dei rifiuti nell’ospedale. I corridoi e le strutture ospedaliere sono pieni di rifiuti sanitari e solidi, aumentando il rischio di malattie infettive. I pazienti e gli operatori sanitari con cui hanno parlato temevano per la loro sicurezza e salute e li hanno implorati di andarsene. L’ospedale Al-Shifa non può più accogliere pazienti e i feriti e i malati vengono ora inviati in un ospedale indonesiano intensivo e raramente gestito.

READ  Rasool Douglas di Green Bay Packers INT di salvataggio del gioco Vs. L'ex squadra cardinali.

Al-Shifa ha 25 operatori sanitari e 291 pazienti, negli ultimi 2 o 3 giorni si sono verificati diversi decessi a causa della sospensione dei servizi medici. Tra i pazienti ci sono 32 bambini in condizioni critiche, 2 in terapia intensiva senza ventilazione e 22 pazienti in dialisi il cui accesso alle cure salvavita è stato gravemente compromesso. La maggior parte dei pazienti presentava traumi da combattimento, molti dei quali con fratture complesse e amputazioni, ferite alla testa, ustioni, lesioni al torace e all’addome, e 29 pazienti con gravi lesioni spinali incapaci di muoversi senza assistenza medica. Molti pazienti traumatizzati presentano ferite gravi a causa della mancanza di misure ospedaliere di controllo delle infezioni e dell’indisponibilità di antibiotici.

Dato lo stato attuale dell’ospedale, che non è più funzionante né ammette nuovi pazienti, all’équipe è stato chiesto di evacuare gli operatori sanitari e i pazienti in altre strutture. L’OMS e i partner stanno sviluppando urgentemente piani in tal senso Subito Evacuazione dei restanti pazienti, del personale e delle loro famiglie. Nelle prossime 24-72 ore, in attesa delle garanzie di un passaggio sicuro da parte delle parti in conflitto, verranno organizzate ulteriori missioni per portare i pazienti da Al-Shifa al Nasser Medical Complex nel sud di Gaza e all’European Gaza Hospital. Tuttavia, questi ospedali stanno già operando oltre le loro capacità e le nuove raccomandazioni dell’ospedale Al-Shifa metteranno ulteriormente a dura prova gli operatori sanitari e le risorse sovraccariche.

L’OMS è profondamente preoccupata per le esigenze di sicurezza e salute dei pazienti, degli operatori sanitari e degli sfollati interni che risiedono nei pochi ospedali parzialmente funzionanti rimasti nel nord, che rischiano di chiudere a causa della carenza di carburante, acqua, forniture mediche e altro ancora. cibo e amari antagonismi. È necessario compiere sforzi immediati per ripristinare il funzionamento di Al-Shifa e di tutti gli altri ospedali per fornire i servizi sanitari urgentemente necessari a Gaza.

READ  I Minnesota Vikings presentano giovedì il nuovo allenatore Kevin O'Connell

L’OMS ribadisce il suo appello a sforzi congiunti per porre fine alle ostilità e al disastro umanitario a Gaza. Chiediamo un cessate il fuoco immediato, aiuti umanitari, accesso umanitario senza ostacoli a tutti coloro che ne hanno bisogno, il rilascio incondizionato di tutti gli ostaggi e la fine degli attacchi all’assistenza sanitaria e ad altre infrastrutture critiche. L’estrema sofferenza della popolazione di Gaza richiede una risposta immediata e decisiva con umanità e compassione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto