Si dice che Sam Altman stia discutendo un ritorno a OpenAI con il consiglio di amministrazione della società

Sam Altman e Greg Brockman, due dei massimi dirigenti di OpenAI che hanno lasciato l’azienda dopo una drammatica riunione del consiglio di venerdì, stanno di nuovo parlando con i membri del consiglio della possibilità di tornare alla startup AI, hanno detto due persone a conoscenza della questione.

Le discussioni arrivano sulla scia delle proteste dopo che Altman, 38 anni, è stato rimosso dalla sua posizione di CEO di OpenAI. Da allora, gli investitori di OpenAI e i sostenitori di Altman hanno fatto pressioni sui membri del consiglio di amministrazione della startup affinché reintegrassero Altman, hanno detto sei persone a conoscenza della situazione. Hanno parlato a condizione di anonimato perché i colloqui sono confidenziali.

Microsoft, che ha investito 13 miliardi di dollari in OpenAI, stava guidando la campagna di lobbying, ha detto una delle persone. Gli investitori di OpenAI che hanno espresso sostegno alla reintegrazione di Altman erano anche disposti a investire se avesse avviato una nuova società, qualcosa di cui ha iniziato a discutere quasi immediatamente dopo essere stato costretto a dimettersi, hanno detto persone a conoscenza della situazione.

Non vi è alcuna garanzia che il signor Altman o il signor Brockman verranno riportati su OpenAI, hanno detto le persone. A causa della struttura unica di OpenAI (è controllata da un’organizzazione senza scopo di lucro e il suo consiglio di amministrazione ha l’autorità di controllare le attività della filiale, dove si svolge il suo lavoro sull’intelligenza artificiale), gli investitori dell’azienda non hanno voce formale su cosa o chi accade all’avvio. Lo guida.

OpenAI, Microsoft e Thrive Capital hanno rifiutato di commentare. il bordo Ho riferito in precedenza che il consiglio di amministrazione di OpenAI stava parlando con il signor Altman della possibilità di tornare in azienda.

READ  McDonald's sta riportando i bagel come alimento base per la colazione

Le nuove discussioni tra Altman, Brockman e il consiglio di amministrazione di OpenAI sono state l’ultimo sviluppo di un dramma in rapido movimento in quella che potrebbe essere la principale azienda di intelligenza artificiale al mondo.

La startup di San Francisco è diventata famosa l’anno scorso quando ha lanciato ChatGPT e ha dimostrato il potere dell’intelligenza artificiale. Altman, il fondatore di OpenAI, divenne rapidamente il volto del settore dell’intelligenza artificiale mentre Google, Meta e altri giganti gareggiavano per prendere l’iniziativa nella tecnologia. Ma venerdì, OpenAI ha improvvisamente annunciato che il suo consiglio di amministrazione aveva rimosso il signor Altman dalla sua posizione di CEO, dicendo: “Non è stato costantemente schietto nelle sue comunicazioni con il consiglio”. Il Comune non ha fornito dettagli.

Al signor Altman è stato chiesto di partecipare a una riunione video con il consiglio di OpenAI venerdì a mezzogiorno ed è stato immediatamente licenziato, ha detto Brockman. Egli ha detto. Il signor Brockman ha affermato che, pur essendo il presidente della società, non ha partecipato alla riunione. In seguito ha detto che avrebbe lasciato l’azienda.

OpenAI aveva sei membri del consiglio prima che il signor Altman fosse costretto a dimettersi e il signor Brockman se ne andasse. Gli altri quattro sono Ilya Sutskever, fondatore di OpenAI; Adam D’Angelo, CEO del sito di domande e risposte Quora; Helen Toner, direttrice della strategia presso il Centro per la sicurezza e le tecnologie emergenti di Georgetown; e Tasha McCauley, imprenditrice e scienziata informatica.

Prima della cacciata di Altman, le tensioni aumentavano in OpenAI man mano che il profilo dell’azienda cresceva. In particolare, Sutskever, un rispettato ricercatore di intelligenza artificiale, è diventato sempre più preoccupato che la tecnologia di OpenAI potesse essere pericolosa e che il signor Altman non prestasse abbastanza attenzione a tale rischio, hanno detto tre persone che hanno familiarità con il suo pensiero. Il signor Sutskever si è anche opposto a quello che vedeva come il suo ruolo ridotto all’interno dell’azienda.

READ  I dati di tutti i dipendenti Santander e di milioni di clienti sono stati violati

Il licenziamento di Altman ha attirato l’attenzione su una divisione di lunga data nella comunità dell’intelligenza artificiale tra persone che credono che l’intelligenza artificiale sia la più grande opportunità di business in una generazione e altri che temono che muoversi troppo rapidamente possa essere pericoloso.

La sua uscita ha suscitato scalpore anche in tutto il settore tecnologico, poiché il signor Altman è ben noto non solo per OpenAI ma per i suoi anni alla guida di Y Combinator, l’incubatore di startup della Silicon Valley. Molti investitori di OpenAI, tra cui Microsoft, Thrive Capital e Sequoia Capital, non hanno saputo dell’uscita di Altman fino a un minuto prima dell’annuncio della sua partenza o dopo la diffusione della notizia.

Venerdì sera, il signor Altman e il signor Brockman stavano correndo per creare una nuova società di intelligenza artificiale, hanno detto tre persone a conoscenza della situazione. Hanno anche preso in considerazione quali dipendenti OpenAI si sarebbero uniti a loro. Almeno altri tre dipendenti di OpenAI si sono dimessi negli ultimi due giorni.

Altman si è preso una pausa per rivolgersi al consiglio di amministrazione di OpenAI sui social media, usando una battuta che minacciava di iniziare a “arrabbiarsi” o parlando francamente della situazione.

Anche gli investitori tecnologici si sono affrettati a mostrare il loro sostegno al signor Altman e hanno lasciato intendere che avrebbero sostenuto il suo prossimo progetto.

Alfred Lin, un investitore di Sequoia Capital, la società di venture capital che ha investito in OpenAI e nella prima startup di Altman, Loopt, ha pubblicato su X che non vede l’ora che arrivi “la prossima azienda che cambierà il mondo” come Altman e il signor Altman. Brockman costruirà. “Non vedo l’ora di vedere cosa farà dopo”, ha scritto Eric Schmidt, ex CEO di Google.

READ  Tutti i negozi Bob stanno chiudendo dopo 70 anni, nell'ultima perdita per la vendita al dettaglio negli Stati Uniti

Mentre Altman è ancora alla guida di OpenAI, negli ultimi mesi ha presentato diverse idee per nuovi progetti agli investitori e ad altri. Durante un viaggio di raccolta fondi il mese scorso in Medio Oriente, Altman ha parlato di progetti legati all’intelligenza artificiale, incluso un piano per sviluppare chip personalizzati per l’intelligenza artificiale che potrebbero competere con la società di chip Nvidia.

Il signor Altman ha anche parlato con Masayoshi Son, CEO e fondatore miliardario del gruppo tecnologico SoftBank, dell’investimento nello sforzo di costruire un dispositivo basato sull’intelligenza artificiale con Jony Ive, ex chief design officer di Apple.

Ma sabato pomeriggio, anche Altman e Brockman hanno parlato con OpenAI del ritorno.

Karen Wise E Tripp Michael Contributo ai rapporti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto