March Madness: Clemson esclude Caleb Love dell'Arizona per raggiungere il primo Elite Eight dal 1980

LOS ANGELES – Per la prima volta in più di quattro decenni, Clemson è diretto agli Elite Eight.

I Tigers hanno bloccato Caleb Love e il numero 2 dell'Arizona per tutta la notte vincendo 77-72 sui Wildcats alla Crypto.com Arena di Los Angeles. Ciò ha confermato ufficialmente il secondo viaggio del loro programma agli Elite Eight. Ha segnato la quarta sconfitta consecutiva negli Sweet 16 dell'Arizona e la seconda in tre stagioni sotto la guida dell'allenatore Tommy Lloyd.

“Erano una squadra degna di nota oggi”, ha detto Lloyd. “Hanno una piccola formula adesso. Sono i ragazzi che entrano in partita, fanno tre gol di fila e costringono le squadre a giocare da dietro. Abbiamo scavato in profondità, ma abbiamo giocato. Non riuscivamo proprio a sopportare la passo successivo.”

Per gran parte della notte, l'amore e il crimine selvaggio in generale furono implacabili. Sono partiti male aprendo la partita dalla parte sbagliata di un parziale di 16-6. Love è partito 0 su 5 dal campo per iniziare e Clemson ne ha approfittato appieno. I Tigers hanno mantenuto un vantaggio a doppia cifra per tutta la metà tempo, dominando per lo più il campo in difesa. Chase Hunter ha bloccato un Omar Ballo di 7 piedi sul bordo, poi Chauncey Wiggins lo ha seguito con una tripla dopo che Love ha fatto un brutto turnover sul tabellone.

Palo ha tagliato il gioco a una cifra all'intervallo con un paio di schiacciate, inclusa un'enorme schiacciata con una mano su assist di Jaden Bradley nell'ultimo minuto, ma i Wildcats sono comunque entrati negli spogliatoi sotto otto.

Finalmente l'amore e i gatti selvatici prendono vita. Sono usciti con un pareggio di 12-4 all'intervallo e hanno pareggiato la partita con Love pochi minuti dopo. L'amore ha poi realizzato un altro layup esattamente due minuti dopo, regalando loro il primo vantaggio della partita.

READ  Molte chiese americane stanno annullando i servizi di Natale di persona mentre il governo aumenta

Ma quel periodo di criminalità fu di breve durata. L’Arizona è di nuovo quasi completamente chiusa. Sebbene i Wildcats arrivassero sulla linea del tiro libero ogni volta che colpivano il canestro – e si trovavano in doppio bonus pochi secondi dopo la metà del periodo – iniziarono ad accontentarsi di tiri scadenti e veloci da dietro l'arco. Hanno effettuato solo uno dei successivi 19 tentativi di canestro, il che ha permesso ai Tigers di rimanere un passo avanti nella direzione opposta.

L'Arizona finalmente si è avvicinata dopo che Bradley ha messo a segno una tripla che ha tagliato il gioco a due punti a meno di un minuto dalla fine. Eppure Hunter è uscito dall'altra parte e ha trasformato un layup che ha mandato coach Brad Brownell in un pugno in stile Tiger Woods. Suo fratello, Dillon Hunter, ha seguito l'esempio con un suo gioco da tre punti per sigillare la vittoria da cinque punti.

Chase Hunter e Clemson hanno sbalordito l'Arizona giovedì sera raggiungendo gli Elite Eight per la seconda volta nella storia del programma.

Chase Hunter e Clemson hanno sbalordito l'Arizona giovedì sera raggiungendo gli Elite Eight per la seconda volta nella storia del programma. (Harry How/Getty Images)

“È sicuramente un grande momento per la nostra squadra”, ha detto Chase. “Quando è entrato, ero fiducioso che avremmo vinto la partita. E il fratellino ha preso quello e uno e l'ha sigillato per noi. Una grande giocata, ha sigillato la vittoria.”

Palo ha guidato l'Arizona con 15 punti e 15 rimbalzi, anche se è andato solo 1 su 7 dalla linea di tiro libero. Bradley ha aggiunto 18 punti dalla panchina e Love ha concluso con 13 punti.

Hunter ha guidato i Tigers con 18 punti e sei rimbalzi nella vittoria, e PJ Hall ha concluso con 17 punti e otto rimbalzi. Clemson, in svantaggio di meno di un minuto nell'intero torneo NCAA, sabato affronterà l'Alabama negli Elite Eight. I Crimson Tide hanno battuto i Tar Heels 89-87 nella loro partita Sweet 16 grazie ad uno straordinario finale dell'attaccante Grant Nelson.

READ  Attacco al Campidoglio degli Stati Uniti: il leader dei Proud Boys viene condannato a 18 anni di prigione, troppo a lungo

L'Arizona, invece, tornerà ora a Tucson dopo un'altra deludente uscita dal torneo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto