“Metamorfosi”: censimento statunitense per aggiungere la categoria Medio Oriente e Nord Africa | Notizie su questioni razziali

I sostenitori degli arabi americani hanno abitualmente usato una parola per descrivere il modo in cui varie comunità del Medio Oriente e del Nord Africa sono state classificate per decenni nei censimenti statunitensi: “invisibili”.

Ma quando il prossimo censimento federale sarà condotto nel 2030, l’Ufficio di gestione e bilancio della Casa Bianca (OMB) ha annunciato giovedì nuovi standard federali per la raccolta di dati su razza ed etnia. Per la prima volta, gli americani che affondano le loro radici ancestrali nel Medio Oriente e nel Nord Africa (MENA) riceveranno una categoria a parte nel sondaggio decennale.

“Vale la pena cambiare”, ha detto Maya Perry, direttrice esecutiva dell'Arab American Institute (AAI), che da anni sostiene l'aggiornamento.

“Per più di quattro decenni, dalla fondazione della nostra organizzazione, abbiamo evidenziato la mancanza di una casella di controllo sui moduli federali di raccolta dati, in particolare sul censimento, che non consentono un conteggio accurato della nostra comunità”, ha affermato.

“È incredibilmente importante e avrà un impatto molto reale e tangibile sulla vita delle persone.”

Negli Stati Uniti, i conteggi ufficiali della popolazione hanno implicazioni di ampio respiro, che influenzano il modo in cui i dollari federali vengono distribuiti per soddisfare i bisogni di determinate comunità, il modo in cui vengono sorteggiati i distretti congressuali e il modo in cui vengono applicate alcune leggi federali contro la discriminazione e l’uguaglianza razziale.

Ma i residenti negli Stati Uniti con legami razziali ed etnici con i paesi MENA rientravano in precedenza nella categoria dei “bianchi”, sebbene potessero scrivere nel paese con cui si identificano etnicamente. Gli osservatori affermano che è stato a lungo sottorappresentato in gran parte della comunità, rendendo impossibile condurre ricerche significative sulle tendenze sanitarie e sociali.

READ  Attori cinematografici e televisivi - Scadenza

Parlando a Reuters giovedì, un funzionario dell'OMB ha affermato che gli ultimi standard servono a “garantire la disponibilità di dati federali di alta qualità su razza ed etnia”. Il funzionario ha affermato che ciò aiuterebbe a comprendere i vari impatti su “individui, programmi e servizi, risultati sanitari, risultati occupazionali, risultati educativi”.

'Il primo passo'

Abed Ayoub, direttore esecutivo del Comitato antidiscriminazione arabo-americano, ha salutato l'aggiornamento come un “primo passo” tanto necessario.

“È passato molto tempo”, ha detto Ayub ad Al Jazeera. “Riteniamo che reimposta la conversazione sulla questione.”

“Prima eravamo completamente ignorati. Non abbiamo categoria. La conversazione che va avanti è: “Come possiamo perfezionare questa categoria, rivisitandola nel corso degli anni per assicurarci che sia rappresentativa ed equa?”

Con l'ultimo aggiornamento del 1997, i cambiamenti nel modo in cui tali dati vengono raccolti sono rari. Il presidente Barack Obama ha proposto nuovi standard per il sistema di censimento degli Stati Uniti, ma il presidente Donald Trump ha ritardato la loro attuazione.

Oltre al censimento, i nuovi standard pubblicati giovedì richiederanno alle agenzie federali di presentare un piano di conformità entro 18 mesi e di aggiornare i propri audit e i moduli amministrativi entro cinque anni. Tra le altre misure, i nuovi standard rimuovono l’uso di termini dispregiativi come “Negro” ed “Estremo Oriente” dai documenti federali.

Confondono razza ed etnia in un’unica categoria, offuscando la distinzione spesso difficile da analizzare tra classificazioni basate su caratteristiche fisiche e classificazioni basate su lingua e cultura condivise.

I sostenitori hanno sostenuto che separare le due categorie ha storicamente causato confusione, complicando al tempo stesso gli sforzi per aggiungere nuove categorie.

READ  40 La migliore sedie da esterno del 2022 - Non acquistare una sedie da esterno finché non leggi QUESTO!

Il Leadership Conference Education Fund, una coalizione di gruppi per i diritti civili e umani, ha osservato che la segregazione ha colpito in modo sproporzionato coloro che si identificano come latini, in genere riferendosi alle etnie degli Stati Uniti, molti dei quali si identificano con la distinzione ispanica. e confusione latina.

Circa il 44% degli intervistati latini al censimento statunitense del 2020 ha scelto “qualche altra razza”. Secondo al gruppo.

“Danno alla vita”

Come Ayoub, Perry dell'AAI ha notato che la ricezione dei nuovi standard è stata in qualche modo attenuata, affermando che avrebbero dovuto essere condotti più test per perfezionare le sottocategorie incluse nella categoria MENA per riflettere meglio la popolazione degli Stati Uniti.

Ad esempio, sottolinea la mancanza di un sottogruppo specifico per gruppi come gli arabi neri che provenivano da tutto il Medio Oriente.

“Normalmente siamo in un luogo in cui dobbiamo celebrare il nuovo genere”, ha detto. “E purtroppo… dobbiamo preoccuparci un po' di più di come possiamo assicurarci di non creare una continua sottopopolazione della nostra comunità.”

Tuttavia, gli Stati Uniti sono un passo avanti verso un sistema di raccolta dati che rifletta la diversità del Paese, cosa che Perry ritiene essenziale.

“I governi, i governi statali, le autorità locali, tutti hanno bisogno di dati per svolgere ogni aspetto del modo in cui forniscono servizi ai cittadini”, ha affermato. “Non c'è davvero nulla da cui il budget federale multimiliardario e oltre non sia influenzato in termini di raccolta dati federali.”

Ha sottolineato che la pandemia di Covid-19 è un buon esempio di quanto sia importante per i governi a tutti i livelli essere in grado di identificare rapidamente i bisogni delle diverse comunità in tutto il Paese.

READ  40 La migliore levapelucchi elettrico del 2022 - Non acquistare una levapelucchi elettrico finché non leggi QUESTO!

“Parte del modo in cui il governo dovrebbe lavorare e informare la propria politica è con i dati su dove si trovano le comunità e come raggiungerle al meglio”, ha detto Perry.

“Se sei invisibile a quei dati, non sei lì. Sottovaluti drasticamente le politiche che danneggiano attivamente la vita delle persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto