Mike Pence sospende la campagna presidenziale 2024

Apri Editor’s Digest gratuitamente

Mentre Mike Pence si ritira dalla corsa per le elezioni presidenziali americane del 2024, l’ex vicepresidente ha faticato a raccogliere consensi e ad aumentare l’affluenza alle urne.

In un annuncio a sorpresa durante un evento della coalizione ebraica repubblicana sabato, Pence ha dichiarato di aver deciso di sospendere la sua campagna “a partire da oggi”.

“Negli ultimi sei mesi di viaggio in giro per il paese, mi è diventato chiaro che questo non è il mio momento”, ha detto.

Pence ha detto di aver deciso di candidarsi alla presidenza “perché credo che questo Paese sia in grossi guai”. Ha aggiunto: “Abbiamo sempre saputo che sarebbe stata una battaglia in salita, ma non sono arrabbiato”.

La corsa dell’ex vicepresidente non è riuscita a decollare quest’anno, con l’ultimo sondaggio nazionale medio di FiveThirtyEight che lo mostra con solo il 3,8% di sostegno alle primarie repubblicane.

Secondo la Commissione elettorale federale, la campagna di Pence ha raccolto meno di 5 milioni di dollari tra luglio e settembre, collocandolo in fondo alla lista dei contendenti.

La partenza di Pence potrebbe segnare l’inizio di una serie di rivali, con diversi candidati ancora a una cifra, con Donald Trump, il chiaro favorito con oltre il 50%, e il governatore della Florida Ron DeSantis al secondo posto con il 14%. .

Art Pope, uno dei principali donatori di Pence, ha dichiarato sabato al Financial Times che la decisione dell’ex vicepresidente potrebbe aiutare a consolidare il campo in un unico sfidante repubblicano a Trump.

READ  Kanye West si oppone alla richiesta di divorzio di Kim Kardashian

“Sono deluso che si sia dimesso perché pensavo che fosse ben qualificato in termini di valori, esperienza e posizioni sulle questioni per essere il candidato repubblicano”, ha detto Pope.

“Ma non avendo alcuna possibilità di vincere la nomination, e poi la presidenza, ho pensato che fosse meglio per lui ritirarsi adesso piuttosto che ritirarsi più tardi”.

Pope ha aggiunto: “Penso che quando il campo si restringerà ci sarà un contendente che vincerà la maggioranza dei delegati per la nomina repubblicana in una corsa testa a testa con Donald Trump”.

Trump e Pence hanno avuto una drammatica divisione dopo che l’ex vicepresidente si è rifiutato di aderire alle richieste di Trump di bloccare la certificazione della vittoria del Collegio elettorale 2020 di Joe Biden. I sostenitori di Trump hanno preso di mira Pence per tale decisione durante l’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio 2021.

Pence e Trump si sono scontrati nelle loro campagne presidenziali affrontando quattro distinte accuse penali, di cui due che accusano l’ex presidente di aver tentato di manipolare le elezioni del 2020. Trump si è dichiarato non colpevole di tutte le accuse, che ha definito politicamente motivate.

Il vicepresidente ha affermato che Trump gli ha chiesto di “mettersi al di sopra della Costituzione” dopo le elezioni del 2020, aggiungendo che “nessuno che si pone al di sopra della Costituzione dovrebbe essere presidente degli Stati Uniti”.

Trump ha detto all’inizio di quest’anno che Pence era “delirante” ed era passato “al lato oscuro”.

L’ex governatore del New Jersey Chris Christie, X, che partecipa alle primarie repubblicane, in precedenza ha twittato che Pence “merita la nostra gratitudine. . . Per aver sottoposto il suo giuramento e la Costituzione degli Stati Uniti a pressioni personali e politiche”.

READ  Scelte/pronostici degli esperti della settimana 7 della NFL: Moneyline, Spread, Over/Under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto