Ad un evento della Coalizione Ebraica Repubblicana, Haley critica Trump per i suoi commenti sulla guerra tra Israele e Hamas

Nikki Haley, ex ambasciatrice presso le Nazioni Unite, sabato ha lanciato una serie di feroci attacchi contro l’ex presidente Donald J. Trump, mettendo in dubbio la capacità dell’ex presidente di gestire gli affari esteri di un paese che deve affrontare molteplici coinvolgimenti militari all’estero.

Nel suo intervento a un incontro di repubblicani ebrei a Las Vegas, la Haley ha sottolineato i commenti di Trump che criticavano l’intelligence israeliana e il primo ministro Benjamin Netanyahu come deboli, pochi giorni dopo l’attacco.

Ha detto: “Come presidente, non farò i complimenti a Hezbollah. Né criticherò il Primo Ministro israeliano nel mezzo della tragedia e della guerra. “Non abbiamo tempo per le vendette personali.” “Con tutto il rispetto, non sono confuso.”

I commenti sono stati uno degli attacchi più aggressivi da parte di qualsiasi candidato del 2024 a Trump, il favorito, dall’inizio delle primarie. La signora Haley ha chiesto se l’ex presidente, una figura polarizzante sin dall’inizio della sua campagna per le primarie otto anni fa, potrebbe sconfiggere il presidente Biden nelle elezioni generali del prossimo novembre.

“Otto anni fa era bello avere un leader che rompesse le cose. Ma ora abbiamo bisogno di un leader che sappia anche rimettere le cose in carreggiata. L’America ha bisogno di un capitano che stabilizzi la nave”. , non capovolgerlo. “I repubblicani hanno bisogno di un candidato che possa effettivamente vincere”.

Le sue critiche sono arrivate poco dopo che un altro candidato – l’ex vicepresidente Mike Pence – ha annunciato la fine della sua candidatura presidenziale.

“Mi è diventato chiaro che questo non è il mio momento”, ha detto, facendo appello al suo partito affinché resista al “canto del populismo” e dell’isolazionismo in politica estera.

READ  I deputati della Camera stanno ricreando un lancio con il paracadute in Normandia per commemorare l'80° anniversario del D-Day

Trump è entrato nell’evento di sabato come il favorito del pubblico, amato per i suoi trascorsi su Israele come presidente, che includevano lo spostamento dell’ambasciata americana a Gerusalemme e la firma degli Accordi di Abraham, un accordo per normalizzare le relazioni tra Israele, Emirati Arabi Uniti e Bahrein. Ha anche tagliato gli aiuti ai palestinesi e la sua amministrazione ha preso provvedimenti per etichettare come antisemita la campagna di boicottaggio di Israele.

Ma la signora Haley, nota per il suo forte sostegno a Israele come ambasciatrice di Trump presso le Nazioni Unite, è balzata nei sondaggi dopo le sue ottime prestazioni nei due dibattiti.

Il raduno annuale della Coalizione Ebraica Repubblicana è diventato forse il momento clou della stagione delle primarie repubblicane, assumendo un’importanza ancora maggiore dopo l’attacco di Hamas contro Israele tre settimane fa.

È anche un momento galvanizzante per i funzionari repubblicani: all’ultimo minuto, il programma dell’evento è cambiato per accogliere il debutto nazionale del neoeletto presidente della Camera Mike Johnson, che parlerà al gruppo sabato sera.

Il sostegno a Israele unisce un’ampia coalizione di elettori e funzionari repubblicani, tra cui falchi della politica estera, leader aziendali e cristiani evangelici.

La guerra è diventata una questione dominante nel percorso della campagna presidenziale, e la sua discussione è stata onnipresente all’evento della coalizione, iniziato venerdì presso il vasto Venetian Convention Center di Las Vegas.

Durante la cena di Shabbat di venerdì sera, diversi funzionari repubblicani hanno promesso sostegno a Israele e al popolo ebraico davanti a un pubblico di 1.500 donatori, attivisti e funzionari.

“Qui in Nevada, siamo inequivocabilmente e impenitentemente dalla parte di Israele e della comunità ebraica”, ha affermato il governatore del Nevada Joe Lombardo.

READ  Zelenskyj vuole che la Cina partecipi ai colloqui di pace in Ucraina, citando “l’influenza sulla Russia”

Tra le espressioni di preoccupazione e solidarietà con uno dei più stretti alleati dell’America, nei discorsi di venerdì – e nelle dichiarazioni preparate da diversi candidati sabato – i politici repubblicani hanno visto opportunità politiche nelle divisioni che il conflitto aveva aperto in patria.

Diversi oratori venerdì sera hanno criticato i legislatori democratici progressisti che hanno chiesto un cessate il fuoco, tra cui i rappresentanti Ilhan Omar e Rashida Tlaib, i cui nomi hanno suscitato forti fischi dalla folla. Altri hanno parlato di tensioni nel campus, dove gli studenti si scontravano a causa della guerra.

Il deputato David Kostoff, un repubblicano del Tennessee, ha detto che dopo gli attacchi, un certo numero di ebrei americani andarono a dormire come progressisti e si svegliarono la mattina dopo come conservatori.

I discorsi hanno offerto un’anteprima del tipo di attacchi che i repubblicani potrebbero lanciare al presidente Biden l’anno prossimo, chiedendosi se la sua amministrazione sia preparata al conflitto in Medio Oriente ed evidenziando le divisioni tra l’ala progressista del suo partito e l’amministrazione.

“Conosciamo tutti ‘The Squad’ e molti democratici odiano Israele”, ha detto il senatore Rick Scott della Florida, che ha preso di mira anche Biden, accusando il presidente di “sostenere all’infinito tutto e niente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto