Netanyahu afferma che lo sciopero che ha ucciso 7 operatori umanitari a Gaza non è stato intenzionale: aggiornamenti in tempo reale

Il bombardamento israeliano dell’edificio dell’ambasciata iraniana a Damasco, che ha ucciso alti funzionari dell’esercito e dell’intelligence iraniani, è una grave escalation di una guerra non dichiarata a lungo latente tra Israele e Iran.

L’Iran promette grandi ritorsioni e il rischio di errori di calcolo è sempre presente. Ma considerati i rischi che entrambi i paesi corrono, né Israele né l’Iran vogliono che scoppi una grande guerra, anche se spingono per ottenere vantaggi a Gaza e nel sud del Libano.

Invece, l’attacco è la prova vivente della natura regionale del conflitto mentre Israele tenta di ridurre e scoraggiare gli alleati e i delegati dell’Iran che minacciano la sicurezza di Israele da ogni direzione.

Spesso definita la “guerra tra le guerre”, Israele e Iran sono i principali rivali, che combattono all’ombra delle ostilità più visibili in tutta la regione.

I funzionari iraniani uccisi lunedì erano profondamente coinvolti per decenni nell’armamento e nella direzione delle forze per procura a Gaza, Libano, Siria, Iraq e Yemen come parte degli sforzi chiaramente dichiarati dell’Iran per destabilizzare e persino distruggere lo Stato ebraico.

Per il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, che presumibilmente ha approvato un attacco così delicato, l’eliminazione riuscita di figure chiave dell’esercito iraniano equivale a un colpo di stato politico. Ciò avviene in un momento in cui l'intensità delle manifestazioni che chiedono le sue dimissioni è aumentata, con la guerra contro Hamas che continua e gli ostaggi israeliani rimasti a Gaza.

Dimostrando la sua capacità di penetrare nell’intelligence iraniana, Israele sta cercando di colpire la parte operativa dei delegati regionali dell’Iran, o il cosiddetto asse di resistenza a Israele, con l’obiettivo di distruggerli e scoraggiarli, anche se la guerra a Gaza continua.

Ali Fayez, direttore del Progetto Iran presso l’International Crisis Group, ha affermato che dall’inizio della guerra in ottobre, Israele ha iniziato a prendere di mira i principali funzionari iraniani responsabili delle relazioni con i suoi delegati, non solo le armi avanzate fornite da Teheran.

Ma non importa quanti generali esperti Israele elimini, “non c’è nessuno insostituibile nel regime iraniano”, ha detto. “L’Iran sa che questo è un gioco rischioso e che ha un prezzo da pagare”.

READ  Gli attacchi di Graham Linehan cancellano la cultura durante un evento marginale della conferenza conservatrice

Alcuni temono che il prezzo possa essere sostenuto dagli alleati di Israele. Ralph Goff, un ex alto funzionario della CIA che ha prestato servizio in Medio Oriente, ha definito l’attacco israeliano “incredibilmente sconsiderato”, aggiungendo che “gli israeliani stanno firmando assegni che le forze del CENTCOM devono incassare”, riferendosi al comando centrale militare americano.

“Ciò porterà solo a un’escalation da parte dell’Iran e dei suoi delegati, il che è molto pericoloso” per le forze statunitensi nella regione che potrebbero essere prese di mira per attacchi di ritorsione da parte dei delegati di Teheran, ha affermato Gove.

Netanyahu sostiene da anni che il principale nemico di Israele è l’Iran e che un attacco potrebbe aiutarlo a “riabilitare la sua reputazione di ‘Mr Netanyahu’”. “La sicurezza è la risposta”, ha affermato Sanam Vakil, direttore del programma Medio Oriente e Nord Africa presso Chatham House. Tuttavia, potrebbe non essere sufficiente, ha detto, dato il coinvolgimento di Israele a Gaza, Hamas non ancora sconfitto e l’Iran e i suoi delegati non ridotti.

L’Iran ha promesso ritorsioni ancora e ancora per quello che ha definito un attacco senza precedenti, ma dal 7 ottobre “l’Iran ha chiarito che non vuole una guerra regionale”, ha detto la signora Vakil. “Vede che questo conflitto con Israele continuerà per un periodo di tempo più lungo”.

I funzionari americani non credono che l'Iran abbia avviato l'attacco di Hamas o che ne sia stato informato in anticipo. Susan Maloney, direttrice del Programma di politica estera presso la Brookings Institution, ha affermato che l’Iran considera ancora Gaza “una vittoria per lui, perché isola Israele e lo mette sulla difensiva nella regione e nel mondo”.

Ha affermato che la guerra in corso e le sue vittime civili rendono “quasi impensabile creare la visione per il Medio Oriente che Israele, Stati Uniti e Sauditi avevano sperato di elaborare prima del 7 ottobre”, una mossa che si oppone al riconoscimento regionale di Israele da parte degli arabi. Paesi. della crescente influenza iraniana.

READ  La Nigeria ripristina l'elettricità dopo un'interruzione di corrente a livello nazionale

Tuttavia, ha detto la signora Vakil, “sarà difficile per l’Iran ignorare questo attacco”, perché si tratta di un “attacco diretto al suo territorio”, dell’edificio di un’ambasciata e dell’uccisione di tre alti comandanti della forza iraniana Quds, militari stranieri. e intelligenza. Servizio del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche.

L'Iran ha detto che il raid israeliano ha ucciso il generale iraniano Mohammad Reza Zahedi, insieme al suo vice, un terzo generale e almeno altre quattro persone, tra cui alti funzionari del movimento palestinese della Jihad islamica, un ramo iraniano che combatte anche a Gaza.

L'uccisione del generale Zahedi, considerato responsabile delle relazioni militari dell'Iran con la Siria e il Libano, è considerata l'assassinio più significativo di un leader iraniano da anni.

Il generale iraniano Mohammad Reza Zahedi, ucciso lunedì in un attacco aereo israeliano nella capitale siriana.credito…Agenzia di stampa Fars, tramite AFP – Getty Images

Yaakov Amidror, ex consigliere per la sicurezza nazionale israeliano, ha descritto la morte del generale Zahedi come “un duro colpo alle capacità dirette dell'Iran nella regione”. Amidror ha affermato di aver contribuito a supervisionare il tentativo dell'Iran di costruire un “anello di fuoco” attorno a Israele attraverso i suoi delegati armati, tenendo a bada il coinvolgimento di Teheran.

Ma come e quando l’Iran sceglierà di rispondere aumenterà i rischi. L’esempio recente più visibile è la risposta all’assassinio di Qassem Soleimani, il comandante della Forza Quds, quattro anni fa da parte degli Stati Uniti. Poi l'Iran ha lanciato un grande attacco missilistico contro una base americana in Iraq, ma dopo aver avvertito in anticipo dell'attacco. Il Pentagono ha poi affermato che non ci sono state vittime immediate tra le forze statunitensi, anche se più di 100 membri del servizio hanno subito lesioni cerebrali traumatiche.

READ  L'esodo dal Nagorno-Karabakh supera i 100.000 con la prima missione ONU arrivata dopo 30 anni

Un Iran preoccupato, che era in massima allerta militare, ha anche abbattuto un aereo di linea ucraino, uccidendo 176 persone, credendo che fosse un aereo nemico.

“Ma una delle lezioni di Soleimani è che anche se uccidi qualcuno di importante, la rete e la ridondanza che l’Iran ha creato con i gruppi continueranno a funzionare”, ha detto Maloney.

L’Iran ha recentemente cercato di calmare le tensioni nelle sue relazioni con gli Stati Uniti dopo un attacco di droni a gennaio contro una base militare americana al confine giordano-siriano che ha ucciso tre soldati americani.

Ma l’Iran potrebbe essere più disposto a rischiare un’escalation militare con Israele.

Potrebbe scegliere altre opzioni: un grave attacco informatico alle infrastrutture israeliane o alle sue forze armate, una raffica di missili dal Libano meridionale, un simile assassinio di un comandante israeliano, un attacco a un’ambasciata israeliana all’estero o un’altra brusca accelerazione del programma di arricchimento nucleare. .

Quest’ultima opzione sarebbe una sorta di risposta diretta a Netanyahu, che da tempo mette in guardia dal rischio che l’Iran ottenga armi nucleari e si impegna a impedire che ciò accada. (L’Iran insiste da tempo sul fatto che il suo programma nucleare è puramente pacifico, anche se ha arricchito l’uranio a un livello vicino a quello militare.)

Oppure l’Iran può prendere il suo tempo. Amidror, ex consigliere per la sicurezza nazionale israeliano, ha affermato di dubitare che l'attacco possa portare a un'escalation più ampia tra Israele e Iran, come ad esempio una guerra totale che coinvolga Hezbollah lungo il confine settentrionale di Israele.

“I loro interessi non sono cambiati in seguito. Cercheranno vendetta, ma questa è tutta un'altra cosa”, ha detto, e non dovrebbe essere limitata all'area immediata.

Un esempio precedente da lui citato è stato l'attentato del 1992 all'ambasciata israeliana a Buenos Aires da parte del movimento della Jihad islamica, che uccise 29 persone e fu in risposta all'assassinio del leader di Hezbollah Abbas al-Musawi da parte di Israele.

Aaron Puckermann Eric Schmidt ha contribuito con un reportage da Gerusalemme e Washington.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto