Netflix e TikTok vietano i servizi in Russia per evitare la repressione

Netflix e TikTok hanno sospeso la maggior parte dei loro servizi in Russia domenica mentre il governo reprime ciò che le persone e i media possono dire sulla guerra russa in Ucraina..

Staccare la spina all’intrattenimento e all’informazione online rischia di isolare ulteriormente il paese e la sua gente dopo un numero crescente di multinazionali Hanno tagliato la Russia dai servizi finanziari vitali, dalla tecnologia e da una varietà di prodotti di consumo in risposta alle sanzioni economiche occidentali e all’indignazione globale per l’invasione dell’Ucraina.

Le società di carte di credito statunitensi Visa, Mastercard e American Express hanno tutte dichiarato durante il fine settimana che avrebbero interrotto il servizio in Russia. La sudcoreana Samsung Electronics, uno dei principali fornitori di smartphone e chip per computer, ha dichiarato che interromperà le spedizioni di prodotti nel Paese, unendosi ad altre grandi aziende tecnologiche come Apple, Microsoft, Intel e Dell.

Due delle cosiddette Big Four società di contabilità hanno dichiarato domenica di aver interrotto i rapporti con il paese. KPMG e PricewaterhouseCoopers stanno entrambi terminando i loro rapporti con le aziende associate in Russia, che impiegano ciascuna migliaia di persone.

Il ministro della Trasformazione digitale ucraino, Mykhailo Fedorov, ha invitato le società tecnologiche statunitensi a fare di più domenica per rispondere alla Russia. Ha twittato lettere aperte chiedendo ad Apple e Google di chiudere i loro app store in Russia e chiedendo ad Amazon e Microsoft di sospendere i loro servizi di cloud computing.

I fornitori di servizi e applicazioni basati su Internet sono stati spesso riluttanti a intraprendere azioni che potrebbero privare i cittadini russi dei servizi di social media e di altre fonti di informazione.

READ  Corea del Nord, Cina e Stati Uniti seguono da vicino le elezioni sudcoreane

La situazione è cambiata venerdì quando il presidente russo Vladimir Putin ha intensificato la sua repressione Sui media e sulle persone che non aderiscono alla linea del Cremlino sulla guerra, bloccano Facebook e Twitter e firmano un disegno di legge che criminalizza la pubblicazione intenzionale di quelli che Mosca considera “falsi” rapporti.

Netflix non ha specificato un motivo per la sospensione dei servizi di domenica se non per dire che riflette “le condizioni sul campo”. La società ha detto in precedenza che si rifiuterebbe di trasmettere i canali della TV di stato russa.

TikTok ha affermato che gli utenti russi della sua popolare app di social media non saranno più in grado di pubblicare nuovi video o live streaming e inoltre non saranno in grado di visualizzare video condivisi da nessun’altra parte del mondo.

“Alla luce della nuova legge russa sulle “notizie false”, non abbiamo altra scelta che sospendere le trasmissioni in diretta e i nuovi contenuti sul nostro servizio video mentre le implicazioni sulla sicurezza di questa legge vengono esaminate”, ha affermato TikTok in una dichiarazione su Twitter. Il servizio di messaggistica in-app non sarà interessato.

La portavoce di TikTok Hilary McQuaid ha affermato che l’app TikTok in Russia è ora in modalità “solo visualizzazione” e non consentirà alle persone di pubblicare o guardare nuovi video o streaming live. Ha detto che possono ancora guardare i vecchi video, ma non se provengono da fuori del paese.

“La sicurezza dei dipendenti è la nostra massima priorità”, ha affermato, aggiungendo che il servizio di condivisione video – parte della società tecnologica cinese ByteDance – non voleva mettere i suoi dipendenti o utenti russi a rischio di gravi sanzioni penali. Alcuni dei manifestanti scesi in piazza a Mosca, San Pietroburgo e in altre città russe per denunciare l’invasione dell’Ucraina hanno utilizzato le piattaforme dei social media per diffondere la loro causa.

READ  Marina Ovsianikova: la giornalista televisiva russa che ha protestato in onda contro la guerra in Ucraina appare in tribunale

Una nuova legge sulle “fake news”, prontamente approvata da entrambe le camere del parlamento controllato dal Cremlino e firmata da Putin, prevede pene detentive fino a 15 anni per coloro che diffondono informazioni che contraddicono la versione della guerra del governo russo.

Diverse testate giornalistiche hanno anche affermato che interromperanno il loro lavoro all’interno della Russia per valutare la situazione. Le autorità russe hanno ripetutamente denunciato come notizie “false” le notizie di battute d’arresto militari russe o morti di civili in Ucraina. I media statali si riferiscono all’invasione russa dell’Ucraina come a una “operazione militare speciale” piuttosto che a una guerra oa un’invasione.

La legge prevede pene fino a tre anni o multe per la pubblicazione di ciò che le autorità considerano false notizie sui militari, ma la pena massima è fino a 15 anni per casi ritenuti “gravi conseguenze”.

___

Segui la copertura di AP sull’invasione russa dell’Ucraina su https://apnews.com/hub/russia-ukraine

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
3,432FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles