non riesci a dormire? La colpa è del bagliore luminoso delle nuove tecnologie

dmb/e+/Getty Images

Molti dispositivi elettronici domestici al giorno d'oggi sono dotati di un indicatore luminoso, che secondo alcuni rende più difficile dormire la notte.


Washington
CNN

Per migliaia di anni, l’oscurità della notte quotidiana ha detto naturalmente agli esseri umani che è ora di dormire. Si tratta di un principio evolutivo radicato nel nostro cervello, e diventa evidente a chi non riesce a dormire sonni tranquilli la notte a causa della fastidiosa spia luminosa che fa parte di molti dispositivi elettronici domestici.

Innumerevoli elettrodomestici e dispositivi, dai dispositivi di protezione da sovratensione, televisori, cuffie e laptop, spesso hanno una luce intensa che si accende quando viene collegata ma non può spegnersi a meno che il prodotto non sia scollegato. È un fastidio fastidioso in camera da letto.

“L'esposizione alla luce notturna è un'esperienza completamente innaturale e strana”, ha affermato Stephen Lockley, neuroscienziato del Dipartimento di medicina del sonno della Harvard Medical School, nel libro del 2013 dell'autore Paul Bogarde “The End of Night”, che esplora gli effetti della luce. luce artificiale di notte. Luce sulla società e sulla salute.

Non solo ci sono più di quelle luci oggigiorno, ma molte di esse sono più luminose di quanto lo fossero in passato. Alcuni produttori affermano che gli indicatori luminosi a volte possono avere uno scopo pratico. Ma una cosa è chiara: prima di andare a dormire, chi non vede l’ora di dormire un po’ odia i punti luce che sono difficili da ignorare e che rovinano la confortevole oscurità necessaria per dormire un po’.

Per Kyle Motion, un professionista di pubbliche relazioni di 27 anni con sede a Seattle, sembrava quasi il cielo stellato notturno nel monolocale che condivideva con il suo amico, solo che non era bello come il famoso dipinto di Vincent van Gogh. Era fastidioso.

READ  I benchmark ufficiali di gioco e i benchmark sintetici di AMD Radeon RX 7800 XT e RX 7700 XT sono trapelati prima del lancio

Le luci intense provenienti da numerose fonti – dal forno, dalla ventola automatica, dall’allarme antincendio, dal purificatore dell’aria e dal caricatore del telefono wireless – hanno reso difficile a Motion dormire la notte.

La sua soluzione: legare immediatamente quei ragazzacci.

Per gentile concessione di Kyle Motion

Kyle Motion mette una cassetta su un dispositivo a casa sua.

“Mi guardavo intorno e continuavo a notare sempre di più e mi sentivo così confuso, chiedendomi perché ci sono così tante luci?” Mushin ha detto alla CNN. “Ero come una persona pazza che metteva queste strisce nere di nastro isolante su ogni piccola luce.”

Amazon, tra gli altri rivenditori, offre etichette e carte di diverse dimensioni e forme opache o leggermente opache.

La soluzione sembrava un po’ diversa a Jonathan King, un esperto finanziario con sede a New York.

“Collego le mie cuffie Logitech e la luce è un po' blu, ma ho difficoltà a dormire con la luce accesa, quindi devo indossare una maschera o quello che di solito finisco per fare è mettermi una maglietta sopra cuffie, quindi ho difficoltà a dormire”, ha detto King alla CNN in una nota e-mail: “Non le vedo”.

Scopi pratici ed estetici per le spie luminose

In poche parole, l'indicatore luminoso riflette lo stato del dispositivo e questo varia da prodotto a prodotto. Ad esempio, un indicatore luminoso può mostrare che il dispositivo si sta caricando o è collegato e funziona correttamente. Per i dispositivi Bluetooth è necessario durante l'accoppiamento con un telefono.

Questi indicatori luminosi sono spesso LED. L'illuminazione a LED è un'opzione ad alta efficienza energetica per la produzione di indicatori luminosi. La lampada ha una lunga durata e non genera calore in eccesso, qualità importanti per una tecnologia utilizzata quotidianamente.

La luce LED blu – un colore indicatore comune ma particolarmente dannoso per il sonno – è stata una tale svolta per l’industria che il Premio Nobel per la fisica 2014 è stato assegnato ai fisici Isamu Akasaki, Hiroshi Amano e Shoji Nakamura per la sua creazione.

Artera/Raccolta globale di immagini/Getty Images

Luce blu di standby per l'interruttore on/off.

Il LED blu è stato introdotto per uso commerciale negli anni '90. In un settore tecnologico in crescita, i LED blu hanno introdotto un colore nuovo e innovativo che ha conferito all’elettronica di consumo un aspetto sofisticato.

“A volte queste luci sono accese solo per motivi estetici, per contribuire al design, all'attrattiva e all'esperienza dell'utente del gadget”, ha detto alla CNN David Loftus, presidente e CEO della Electronic Components Industry Association.

Tuttavia, molti produttori ne fanno a meno. “Molte volte, alcune persone non ce l'hanno perché è un dispositivo molto economico e il produttore ha scelto di non spendere pochi centesimi per inserirvi una spia di stato a LED oppure l'hardware è così semplice che non ne hai bisogno “, ha detto Loftus.

Manny Linhares Jr., direttore senior della gestione dei prodotti presso il produttore francese di apparecchiature elettriche LeGrand, ha affermato che le spie luminose dei prodotti LeGrand sono necessarie per ragioni funzionali, estetiche e di sicurezza.

“Come produttore, aggiungere un LED costa qualcosa, quindi aggiungerne uno solo per aggiungerne uno sembra un grande spreco, quindi, nel nostro caso, viene utilizzato intenzionalmente per migliorare l’esperienza dell’utente.

“È un grande successo”, ha detto Linhares Jr.. Inoltre, le luci possono essere utili come luci notturne.

“Il nostro obiettivo è che le luci attenuate aiutino il cliente a sapere dove si trovano questi dispositivi quando le luci sono spente in luoghi in cui l'occupante della stanza non se ne accorge, come negli hotel, dove almeno c'è quel bagliore sottile”, ha affermato .

John Tofeghi ha contribuito a questa storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto