Notizie della guerra tra Russia e Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

A dispetto dei bombardamenti russi, una mattina tre donne hanno camminato per diverse ore dalle loro case in prima linea nel villaggio di Kamianske, nel sud dell’Ucraina, per raccogliere rifornimenti da un punto di raccolta umanitaria nel villaggio di Stepnohersk, a circa otto chilometri di distanza.

Svetlana, Lesya e Natasha vivono nella cosiddetta zona grigia, una zona cuscinetto tra le posizioni ucraine e russe sul fronte Zaporizhia nel sud dell’Ucraina. La linea del fronte è cambiata poco da quando la Russia ha lanciato la sua invasione totale dell’Ucraina nel febbraio 2022, quando le forze di Kiev hanno fermato l’avanzata russa facendo saltare in aria un ponte a Kamiansk.

Le forze russe posizionate a sud del villaggio scambiavano artiglieria giorno e notte con le forze ucraine di stanza a nord e ad est. Sebbene la maggior parte dei residenti abbia lasciato il borgo dopo l’invasione, le tre donne sono rimaste, nutrendosi dei raccolti dei loro orti e badando ai loro cani nonostante il pericolo quasi costante dei bombardamenti di artiglieria che hanno lasciato il villaggio in gran parte in rovina.

L’area del fronte è stata oggetto di bombardamenti sempre più pesanti da gennaio, mentre le forze russe si preparano a difendersi dalla tanto attesa controffensiva ucraina.

Il marito di Lesya è stato ucciso nel suo giardino quando una granata russa è atterrata nelle vicinanze nell’aprile dello scorso anno. La casa di Svetlana è stata distrutta dai bombardamenti la scorsa primavera e lei si è trasferita nella casa di un vicino. È stato anche colpito da un’esplosione ad aprile, quando venivano distribuite scorte di pane agli abitanti del villaggio. I cognomi delle donne sono stati nascosti per motivi di sicurezza.

READ  Corina Llores: al candidato dell'opposizione venezuelana è stato vietato di candidarsi alle elezioni

Erano venuti a Stepnohersk, il luogo più vicino a cui i servizi di emergenza del governo stanno fornendo aiuti umanitari, principalmente per raccogliere sacchi di cibo per cani, che hanno bilanciato sulle loro biciclette per il viaggio verso casa.

“Stiamo camminando dalle cinque del mattino”, disse Lesya. Abbiamo dovuto ripararci più volte dai bombardamenti.

A casa, hanno trasformato i loro scantinati in confortevoli alloggi per proteggersi dai bombardamenti.

“Ci siamo abituati”, ha detto Natasha. “Siamo seduti negli scantinati, che sono davvero come gli hotel. Stiamo aspettando la vittoria. Stiamo pregando”. Ha iniziato a piangere mentre parlava.

“Sono nato lì, sono stato battezzato lì, morirò lì”, ha detto Svetlana a proposito di Kamianske.

Membri del servizio di emergenza statale ucraino caricano cibo per animali e altri rifornimenti su un camioncino in una caserma dei vigili del fuoco a Stepnohersk, in Ucraina, all’inizio di questo mese.credito…Diego Ibarra Sanchez per il New York Times

I vigili del fuoco locali sono tra i pochi che si avventurano ancora nel villaggio per spegnere i bombardamenti, soccorrere i feriti nelle esplosioni e fornire aiuti umanitari ai restanti residenti.

“Solo le persone stupide non hanno paura”, ha detto Serhiy, 47 anni, comandante di una stazione dei vigili del fuoco locale a Stepnohersk. “Ma stiamo ancora lavorando”. Ha anche dato il suo nome solo per motivi di sicurezza.

Ha detto che la sua casa, insieme a quasi tutti gli edifici di Kamiansk, è stata distrutta dai bombardamenti russi. “Non è rimasto niente di Kamianske”, ha detto.

Ha mostrato una foto del suo giardino rosa sul suo cellulare. “Così era prima dell’arrivo del ‘mondo russo'”, ha detto, riferendosi alla visione del presidente russo Vladimir Putin di un territorio di lingua russa unificato che avrebbe incluso l’Ucraina. ora è – bruciato e coperto di macerie.

READ  Gli Stati Uniti hanno emesso un avviso di viaggio per Israele nella convinzione che un attacco iraniano sia imminente e nel timore che la guerra a Gaza possa estendersi

In un mercatino di Stepnohersk, Alla Viktorievna vendeva patate, cipolle e pomodori del suo orto.

Alla Viktorivna, al centro, si trova con altri venditori in un mercato di strada a Stepnohersk. credito…Diego Ibarra Sanchez per il New York Times

“Gli affari non vanno molto bene”, ha detto, spiegando che nel villaggio erano rimaste solo poche persone da vendere.

“Non ho mai pensato di andarmene”, ha continuato. “Come lasci la tua casa, il tuo giardino, i tuoi gatti, i tuoi cani? Ho un grosso cane.”

Quando è iniziato il bombardamento, ha detto che di solito si nascondeva nel suo seminterrato.

“Ma a volte di notte, non hai tempo, ti rotoli semplicemente sotto il divano”, ha detto. “Lo senti fischiare e fracassare.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto