CronacaPartinico

Omicidio Ana Di Piazza, Partinico ferita urla contro ogni forma di violenza sulle donne

Gli appelli sul web: "Non ci sono parole per descrivere queste atrocità, Partinico unita contro la violenza di genere"


La morte della giovane Ana Di Piazza uccisa per mano di un uomo di 51 anni di Partinico (Antonio Borgia ndr) ha fatto il giro di tutti i tg nazionali ed è diventata l’icona della lotta alla violenza di genere di cui ricorre la giornata internazionale il 24 novembre. La comunità di Partinico sui social esprime grande dolore per l’assassinio della giovane, accoltellata e uccisa a colpi di bastone dopo aver detto al suo killer di aspettare un bambino da lui, come sempre è Facebook a recitare la parte del leone e ad inglobare le impressioni degli utenti sulla vicenda: “Fa male al cuore – scrive una giovane – sapere che Partinico va sui tg nazionali per notizie così gravi, questa città è ben altro!”.

Tanti i messaggi di solidarietà e di difesa all’identità cittadina, coeso il coro di condanna all’omicida per cui su ogni spazio del social network vengono spese parole di fuoco, tutti chiedono che sia fatta giustizia e che l’uomo venga punito in maniera esemplare, queste le voci di una città che si è svegliata stordita ed incredula e che urla a gran voce contro ogni forma di violenza sulle donne.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close