Parenti degli ostaggi israeliani arrestati durante la protesta mentre i colloqui a Gaza falliscono

  • Scritto da Yolande Knell
  • BBC Notizie, Gerusalemme

Commenta la foto,

Martedì circa 300 persone hanno partecipato ad una protesta davanti al quartier generale dell'esercito israeliano a Tel Aviv

Secondo quanto riferito, i parenti di un prigioniero israeliano detenuto a Gaza sarebbero tra quelli arrestati dalla polizia durante una manifestazione a Tel Aviv, dopo che i recenti colloqui su una tregua e sul rilascio degli ostaggi sono falliti.

Alcuni familiari e attivisti hanno usato gabbie per bloccare una strada principale martedì notte, chiedendo che si facesse di più per liberare coloro che sono ancora detenuti da Hamas.

Le loro richieste sono diventate più disperate dopo il ritorno dei negoziatori dal Qatar.

Un funzionario israeliano ha affermato che i colloqui indiretti erano arrivati ​​a un “vicolo cieco”.

I mediatori premevano per raggiungere un accordo per fermare l'attacco israeliano a Gaza per sei settimane in cambio del rilascio di 40 dei restanti 130 ostaggi. Si presume che siano morti almeno 30 ostaggi.

Circa 300 persone hanno partecipato a una manifestazione martedì davanti al quartier generale dell’esercito israeliano a Tel Aviv, alcune rinchiuse in gabbie, altre portando cartelli con la scritta “Nessun prezzo è troppo alto”.

La polizia israeliana ha detto di aver arrestato quattro manifestanti “dopo che si sono verificati dei disordini”.

La dichiarazione aggiunge: “La polizia ha agito con la necessaria sensibilità e ha permesso ad alcune famiglie degli ostaggi di protestare anche se ciò era illegale”. “Ma alcuni manifestanti hanno deciso di prendere l’autostrada Ayalon e bloccare il traffico, mettendo in pericolo gli automobilisti e loro stessi”.

I media israeliani hanno affermato che due dei detenuti sono parenti dell'ostaggio di 79 anni, Avraham Monder.

Tra loro c'era suo nipote, Shahar Mor Zahiro, che in seguito ha confermato in un video fuori dalla stazione di polizia di essere stato detenuto per quasi tre ore.

Spiegazione video,

“La speranza è obbligatoria”: la madre dell'ostaggio crede che suo figlio tornerà

Monder è stato rapito, insieme alla moglie Ruth, alla figlia Keren e al nipote Ohad, quando i combattenti di Hamas hanno preso d'assalto il sud di Israele il 7 ottobre, uccidendo circa 1.200 persone e prendendo 253 ostaggi, secondo le statistiche israeliane.

Ruth, Keren e Ohad sono stati rilasciati nel corso di un cessate il fuoco durato una settimana a novembre in base a un accordo in base al quale 105 ostaggi – la maggior parte dei quali donne e bambini – venivano rilasciati in cambio del rilascio di circa 240 prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane.

Il leader dell'opposizione israeliana Yair Lapid ha affermato che lo Stato “deve mostrare maggiore compassione e sensibilità nei confronti delle famiglie degli ostaggi”.

“Loro e le loro famiglie sono stati abbandonati e la loro lotta è la più giusta di tutte”. Ha scritto su X, ex Twitter. “Il minimo è lasciarli urlare.”

Ci sono state manifestazioni quasi quotidiane da parte delle famiglie degli ostaggi, ma la loro sofferenza è peggiorata dopo la notizia del ritiro dei funzionari israeliani dai colloqui di Doha mediati da Qatar, Egitto e Stati Uniti.

Un alto funzionario israeliano vicino al direttore del Mossad David Barnea – che guida la squadra negoziale israeliana – ha detto martedì all'agenzia di stampa Reuters che sono “arrivati ​​a un vicolo cieco” a causa delle richieste di Hamas.

Israele aveva accettato di raddoppiare il numero dei prigionieri palestinesi portandolo a 700 o 800 in cambio del rilascio di 40 ostaggi – tra cui anziani, donne, bambini e malati – e di consentire ad alcuni palestinesi sfollati di tornare alle loro case nel nord di Gaza. Il funzionario ha detto.

Spiegazione video,

Guarda: segnalazioni di residenti di Gaza che stanno annegando dopo che un video li mostrava mentre si precipitavano a gettare gli aiuti caduti in mare

Lunedì Hamas ha dichiarato di respingere l'ultima proposta di tregua e di restare fedele alla sua posizione originale, che chiedeva un cessate il fuoco permanente che porterebbe al completo ritiro delle forze israeliane da Gaza.

L'ufficio del primo ministro israeliano ha affermato che la posizione di Hamas dimostra il suo “assoluto disinteresse” a raggiungere un accordo e mostra il “danno” causato dalla risoluzione del Consiglio di sicurezza dell'ONU che chiede un cessate il fuoco immediato.

Ma gli Stati Uniti hanno affermato che la dichiarazione israeliana era “imprecisa sotto quasi tutti gli aspetti e ingiusta nei confronti degli ostaggi e delle loro famiglie” perché la risposta di Hamas “era stata preparata prima del voto del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite”.

Allo stesso tempo, il Qatar ha insistito sul fatto che i colloqui “continuano” e “non si sono fermati”.

La fine dei combattimenti appare più sfuggente che mai sul campo a Gaza, dove più di 32.490 persone sono state uccise dall’inizio della guerra, secondo il ministero della Sanità dell’enclave gestito da Hamas.

Con il rischio di una carestia provocata dall’uomo nel nord in aumento e con solo un rivolo di aiuti in arrivo, questa settimana ha visto ancora una volta folle in attesa di cibo lungo la costa.

Tuttavia, si dice che almeno 18 persone siano morte e video grafici mostravano alcune persone che annegavano mentre cercavano di recuperare pacchi di aiuti dal mare, mentre altre sarebbero morte nella fuga precipitosa.

READ  Il neozelandese Ardern etichetta le proteste contro i vaccini "importate" mentre la folla sfida le chiamate ad andarsene

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto