Lo Utah implementa nuove restrizioni a causa della potenziale diffusione dell’influenza aviaria nel bestiame

Tempo di lettura stimato: 2-3 minuti

TAILORSVILLE – I funzionari agricoli dello Utah stanno imponendo restrizioni sulle nuove mucche da latte per impedire che una malattia infettiva raggiunga lo stato.

Il Dipartimento dell'Agricoltura e dell'Alimentazione dello Utah ora richiede certificati di ispezione veterinaria entro sette giorni se il bestiame proviene da Texas, Kansas, New Mexico o altri stati in cui si sospetta che il bestiame abbia l'influenza aviaria. In tutti i certificati dovrebbe essere inclusa anche una dichiarazione attestante che gli allevamenti sono esenti da malattie.

La malattia non è stata rilevata nei bovini dello Utah. Le nuove restrizioni sono entrate in vigore martedì e rimarranno in vigore almeno per i prossimi 30 giorni, ha affermato il dipartimento.

La scorsa settimana i funzionari dell'agricoltura dello Utah hanno rilasciato una dichiarazione in cui affermano che stanno monitorando una “malattia insolita” che colpisce le mucche da latte nei tre stati elencati nelle nuove restrizioni. È stato riferito che le mucche, soprattutto quelle più anziane, hanno subito un “improvviso calo” della produzione di latte e diversi sistemi sanitari sono stati colpiti, tra cui febbre e diarrea.

La misteriosa malattia potrebbe ora essere risolta. Quattro bovini in Kansas e Texas sono risultati positivi all'influenza aviaria ad alta patogenicità, ha detto lunedì il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti.

Campioni clinici non pastorizzati di latte e tamponi orofaringei hanno rilevato la malattia nei bovini. L'agenzia ha affermato che molte aziende agricole colpite hanno trovato uccelli selvatici morti nelle loro proprietà, supportando la teoria secondo cui dietro l'epidemia c'era l'influenza aviaria.

“A questo punto, la sicurezza della fornitura commerciale di latte o questa situazione rappresentano un rischio per la salute dei consumatori”, ha detto lunedì l'agenzia, sottolineando che i caseifici devono inviare solo latte proveniente da animali sani per la lavorazione.

READ  Santander ha accidentalmente aggiunto milioni ad account casuali il giorno di Natale

L'agenzia federale ha aggiunto che il processo di pastorizzazione è stato “coerentemente dimostrato” per eliminare batteri e virus come l'influenza.

I funzionari dello Utah hanno detto martedì che non è chiaro se l'influenza sia stata un fattore che ha contribuito alla malattia. Ecco perché sono cauti riguardo alla situazione.

“Ulteriori test vengono condotti presso altri caseifici sospetti per raccogliere ulteriori dati”, ha affermato la società. “I veterinari dello Utah dovrebbero segnalare immediatamente i casi di questa malattia emergente all'Ufficio del veterinario di stato al numero 801-982-2235 o statevet@utah.gov.”

L’influenza aviaria ad alta patogenicità ha rappresentato un grave problema negli ultimi due anni, colpendo milioni di uccelli selvatici e allevati, compresi gli uccelli dello Utah. Secondo l’Associated Press, solo nel 2022, più di 131 milioni di polli in tutto il mondo sono morti a causa della malattia o sono stati uccisi.

L’influenza aviaria ha ucciso l’anno scorso una dozzina di condor della California in via di estinzione che vivevano vicino al confine tra Utah e Arizona e, secondo l’AP, è uno dei principali colpevoli del recente aumento dei prezzi delle uova mentre la malattia continua a creare problemi.

Storie correlate

Le ultime storie ambientali

Carter Williams è un reporter pluripremiato che si occupa di notizie generali, attività all'aria aperta, storia e sport per KSL.com.

Altre storie che potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto