Perché il Donbass è al centro della crisi ucraina

Negli ultimi tre giorni, c’è stata un’escalation dei bombardamenti in diverse parti di prima linea. Gli ucraini affermano che il bombardamento dei separatisti sostenuti dalla Russia ha raggiunto il livello più alto in quasi tre anni e che i separatisti, da parte loro, hanno affermato che le forze armate ucraine hanno usato armi pesanti contro aree civili.

Giovedì un asilo nido è stato colpito in un’area controllata dall’Ucraina, a meno di 5 km dalla prima linea. Venerdì e sabato, le autorità ucraine hanno segnalato un’altra escalation di bombardamenti con armi pesanti, vietata dagli accordi di Minsk, da una distanza di 50 chilometri dalla prima linea.

Le autorità ucraine affermano che giovedì ci sono state 60 violazioni del cessate il fuoco, molte delle quali con armi pesanti.

I leader delle due regioni separatiste filo-russe – che si definiscono le Repubbliche popolari di Luhansk e Donetsk – hanno affermato che gli ucraini stavano pianificando una grande offensiva militare nella regione. Venerdì hanno organizzato evacuazioni di massa di civili in Russia, ordinando agli uomini di rimanere e prendere le armi.

Funzionari ucraini negano ripetutamente tali piani. Venerdì, il capo del Consiglio di sicurezza nazionale ucraino, Oleksiy Danilov, ha dichiarato: “C’è un grande pericolo che i rappresentanti della Federazione Russa presenti provochino determinate cose. Possono fare cose che non hanno nulla a che fare con il nostro esercito”.

Danilov non ha fornito prove ma ha aggiunto: “Non possiamo dire esattamente cosa faranno – se faranno esplodere autobus con persone che devono essere evacuate nella regione di Rostov, o faranno esplodere case – non lo facciamo. non lo so.'”

Danilov ha parlato solo poche ore dopo una misteriosa esplosione avvenuta in un’auto di proprietà di un alto funzionario nella città di Donetsk, vicino al quartier generale dei separatisti.

READ  Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin ha detto alla CNN che la Russia ha commesso degli "scivolamenti" nell'invasione dell'Ucraina

Il leader distrettuale Dennis Bushlin lo ha descritto come un atto di terrorismo. Ma le autorità ucraine e funzionari occidentali hanno affermato che si trattava di una provocazione inscenata, forse intesa a giustificare l’intervento russo.

Dopo una relativa calma per gran parte di quest’anno, la “linea di comunicazione” è stata più attiva negli ultimi giorni: il futuro delle regioni separatiste dell’Ucraina è rimasto invischiato in una gamma molto più ampia di lamentele e richieste russe.

Qual è la storia moderna del Donbass?

La guerra è scoppiata nel 2014 dopo che i ribelli sostenuti dalla Russia hanno sequestrato edifici governativi nelle città dell’Ucraina orientale. I pesanti combattimenti hanno lasciato parti delle regioni di Luhansk e Donetsk del Donbass orientale nelle mani di separatisti sostenuti dalla Russia. La Russia ha anche annesso la Crimea dall’Ucraina nel 2014, con una mossa che ha attirato la condanna globale.

I ribelli sostenuti dalla Russia hanno sequestrato un edificio governativo a Donetsk, in Ucraina, l'11 aprile 2014.

Le aree del Donbas controllate dai separatisti divennero note come Repubblica popolare di Luhansk (LPR) e Repubblica popolare di Donetsk (DPR). Il governo ucraino a Kiev afferma che le due regioni sono in realtà sotto l’occupazione russa. Le repubbliche dichiarate unilateralmente non sono riconosciute da nessun governo, inclusa la Russia. Il governo ucraino si rifiuta di parlare direttamente con una delle due repubbliche separatiste.

Cosa vuole Putin in Ucraina?  Conflitto spiegato

L’accordo di Minsk II del 2015 ha portato a un cessate il fuoco traballante e il conflitto si è trasformato in una guerra costante lungo la linea di comunicazione che separa il governo ucraino dalle aree controllate dai separatisti. Gli accordi di Minsk (dal nome della capitale della Bielorussia dove sono stati conclusi) vietano le armi pesanti vicino alla linea di contatto.

Il linguaggio che circonda il conflitto è profondamente politicizzato. Il governo ucraino chiama le forze separatiste “invasori” e “occupanti”. I media russi descrivono le forze separatiste come “milizie” e affermano che si stanno difendendo localmente dal governo di Kiev.

READ  Marc Thiessen: La Cina aiuta Putin chiudendo i canali Tik Tok dalla Russia

Più di 14.000 persone sono morte nel conflitto in Donbass dal 2014. L’Ucraina afferma che 1,5 milioni di persone sono state costrette a fuggire dalle loro case, la maggior parte risiede nelle regioni del Donbass ancora sotto il controllo ucraino e circa 200.000 persone si sono reinsediate nella più ampia regione di Kiev.

Come Putin ha acceso il conflitto?

I separatisti nel Donbass hanno ottenuto un sostegno significativo da Mosca. La Russia sostiene di non avere soldati sul campo, ma i funzionari degli Stati Uniti, della NATO e dell’Ucraina affermano che il governo russo sta fornendo i separatisti, fornendo loro consulenza e supporto di intelligence e integrando i propri ufficiali nei loro ranghi.

Negli ultimi anni Mosca ha anche distribuito centinaia di migliaia di passaporti russi a persone nel Donbass. Funzionari e osservatori occidentali hanno accusato Il presidente russo Vladimir Putin Cercare di stabilire i fatti sul campo naturalizzando gli ucraini come cittadini russi, che è un modo de facto per riconoscere le nazioni separatiste. Gli dà anche un motivo per intervenire in Ucraina.

E questa settimana, il parlamento russo ha raccomandato al Cremlino di riconoscere formalmente parti della LPR e della DPR come stati indipendenti, un’altra escalation di retorica che secondo i funzionari statunitensi è la prova che Putin non intende rispettare l’accordo di Minsk.

Parlando mercoledì, il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha affermato che l’Ucraina “non si fermerà finché non libereremo le nostre terre nel Donbass, in Crimea, fino a quando la Russia non ripagherà per tutti i danni che ha fatto in Ucraina”.

Putin ha a lungo accusato l’Ucraina di violare i diritti dei russi etnici e di lingua russa in Ucraina, e ha affermato che è diritto della Russia intervenire militarmente per proteggerli.

READ  Aggiornamento sulla guerra tra Russia e Ucraina: cosa sappiamo nel diciottesimo giorno dell'invasione russa | Ucraina

Mercoledì Putin ha affermato che nel Donbass era stato commesso un “genocidio”. Le sue affermazioni non sono nuove, ma il tempismo preoccupa i politici occidentali, che temono una ripetizione del conflitto del 2008 in Georgia.

Invocando il genocidio questa settimana, Putin ha fatto eco alla falsa affermazione della Russia secondo cui la Georgia ha commesso un genocidio contro i civili nella repubblica separatista dell’Ossezia del Sud nell’agosto 2008. Durante quel breve conflitto, la Russia ha lanciato un’incursione militare su larga scala che è andata in profondità nel territorio georgiano.

Un asilo nido a Stanytsia Luhanska, nella regione del Donbass, nell'Ucraina orientale, è stato colpito da un proiettile giovedì.

Cosa sta succedendo adesso nel Donbass?

Sabato, le persone provenienti dalle aree controllate dai separatisti hanno iniziato a rispondere all’ordine di evacuazione, partendo in autobus attraverso il confine russo. Le autorità russe hanno promesso loro riparo e risarcimento – mentre i media statali russi hanno coperto ogni aspetto e la segregazione della limitata immigrazione di massa – con il chiaro messaggio che migliaia di persone se ne sarebbero andate per paura dell’aggressione ucraina.

All’inizio di sabato, le agenzie di stampa russe hanno riferito che circa 10.000 persone avevano già attraversato il confine. Le autorità russe affermano di essere pronte per l’arrivo di un massimo di 900.000 persone, anche se la leadership separatista ha ordinato agli uomini di rimanere indietro e prendere le armi e ha annunciato una mobilitazione generale.

Come nel 2014, la regione del Donbass è ora un crogiolo di conflitto est-ovest, tra la campagna di Putin per riaffermare il controllo – l’indebolimento dello stato ucraino – e la crescente aspirazione degli ucraini di unirsi all’ovile delle democrazie europee.

Tamara Keblawi della CNN scrive da Leopoli, Ucraina; Nathan Hodge da Mosca; e Ivana Kutsova di Kiev, Ucraina. Anastasia Horbinchenko e Kara Fox hanno contribuito a questo rapporto.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
3,376FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles