Politica

Pescherecci siciliani sequestrati, Caputo (FI): “Sia convocato un CdM per rientro immediato degli equipaggi”

Caputo: “Dal ministro Di Maio insostenibile silenzio, sia convocato un CdM per rientro immediato degli equipaggi”


“È impensabile che dopo più di un mese dall’accaduto non abbiamo ancora notizie sulle reali condizioni degli uomini degli equipaggi siciliani Antartide e Medinea, bloccati dalle Autorità libiche. È evidente l’incapacità del Ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, ma preoccupa ancora di più la sua assenza e il suo silenzio in Aula. Tutti noi e soprattutto le famiglie attendono notizie per il rientro a casa dell’equipaggio, ma il Governo ad oggi non ha dato nessuna risposta seria. Condivido quanto espresso dall’on. Matilde Siracusano che ha sollevato il problema a Montecitorio”. È quanto dichiara Mario Caputo, deputato di Forza Italia all’Assemblea Regionale Siciliana, a seguito dell’intervento di ieri alla Camera di Matilde Siracusano, sulla richiesta di chiarimenti al Governo circa la questione del sequestro libico degli equipaggi siciliani. In Parlamento però il Ministro degli Esteri era assente.

Caputo è primo firmatario dell’ordine del giorno presentato all’Ars per impegnare il Governo ad intervenire per garantire la libertà personale dei natanti e degli equipaggi, oltre a misure di sostegno economico alle famiglie dei due pescherecci, attualmente privi di mezzi di sostentamento. L’odg è stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento Siciliano ed ha avuto la condivisione di tutta l’Aula, grazie anche all’autorevole mediazione del Presidente Gianfranco Miccichè, il quale ha chiesto un’azione compatta in favore degli equipaggi sotto sequestro.

“Questa situazione – conclude Caputo – dimostra che il problema non è affrontato con la dovuta attenzione ed è sottovalutato dal Ministro degli Esteri perché è inconcepibile che ad oggi non ci venga riferita la verità. Il silenzio del Governo preoccupa non solo per le sorti dell’equipaggio e per la loro sicurezza, ma mette in evidenza la questione della tutela del comparto pesca, costretto a operare in condizioni di grave pericolo. Serve una forte presenza del Governo centrale per rassicurare le marinerie ed i loro equipaggi, per evitare che possano ripetersi episodi del genere. Serve un Consiglio dei Ministri urgente per adottare un provvedimento che garantisca il rientro immediato dei nostri connazionali”.

______________________________________________________________________
Seguici sulla nostra pagina Facebook de Il Tarlo

Articoli Correlati

Back to top button
Close