Si prevede che l’inflazione rimarrà elevata, con il dibattito sui tagli dei tassi di interesse al centro della scena

Mercoledì gli investitori digeriranno uno dei dati più importanti che la Federal Reserve prenderà in considerazione nella sua prossima decisione sui tassi di interesse: l’indice dei prezzi al consumo di marzo.

Secondo le stime di Bloomberg, il rapporto sull'inflazione, pubblicato alle 8:30 EDT, dovrebbe mostrare un'inflazione complessiva del 3,4%, un'accelerazione rispetto all'aumento annuale dei prezzi del 3,2% di febbraio. Si prevede che l’aumento dei costi energetici, alimentato da un aumento dei prezzi del gas, sarà il motore di questo aumento.

Nel corso del mese precedente, i prezzi al consumo dovrebbero aumentare dello 0,3%, in calo rispetto all'aumento mensile dello 0,4% di febbraio.

Su base “core”, che esclude i costi più volatili di cibo e gas, i prezzi a marzo dovrebbero aumentare del 3,7% rispetto a un anno fa – un modesto rallentamento rispetto all’aumento annuo del 3,8% osservato a febbraio, secondo i dati di Bloomberg. .

“Dopo due rapporti confermati all’inizio dell’anno, l’inflazione core CPI dovrebbe rallentare a marzo”, hanno scritto venerdì gli economisti della Bank of America Stephen Juneau e Michael Jaben in una nota ai clienti.

Si prevede che i prezzi core aumenteranno dello 0,3% su base mensile a marzo, rispetto all’aumento dello 0,4% del mese precedente.

L’inflazione core è rimasta ostinatamente elevata a causa dell’aumento dei costi degli alloggi e dei servizi di base come assicurazioni e assistenza medica.

Ma la Bank of America prevede un leggero calo dei prezzi delle materie prime, guidato in gran parte dal calo dei prezzi delle auto nuove e usate. La banca si aspetta anche una minore pressione sui prezzi dei servizi essenziali come i biglietti aerei e l’alloggio fuori casa.

READ  I problemi che la Cina deve affrontare a Evergrande stanno peggiorando

“Se le nostre previsioni si rivelassero corrette, ciò dovrebbe fornire un po’ di fiducia alla Fed”, hanno affermato gli economisti.

Anche altri economisti vedono un ulteriore miglioramento dell’inflazione core nel corso dell’anno.

“In futuro, prevediamo che l’inflazione core mensile dell’IPC rallenterà allo 0,20-0,25%”, ha scritto lunedì Jan Hatzius, capo economista di Goldman Sachs.

“Prevediamo un’ulteriore contrazione in programma nel 2024 a causa di un riequilibrio nei mercati automobilistico, degli alloggi in affitto e del lavoro”, ha aggiunto l’economista.

Tagliare o non tagliare?

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell parla durante una conferenza stampa della Federal Reserve a Washington, mercoledì 20 marzo 2024. (AP Photo/Susan Walsh)

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell parla durante una conferenza stampa della Federal Reserve a Washington, mercoledì 20 marzo 2024. (AP Photo/Susan Walsh) (Agenzia di stampa)

L'inflazione è rimasta al di sopra del target della Federal Reserve del 2% su base annua. I funzionari della Fed hanno descritto il percorso verso il 2% come “accidentato”.

Vale la pena notare che la misura dell'inflazione preferita dalla Fed, il cosiddetto indice dei prezzi della spesa per consumi personali core, ha mostrato un leggero rallentamento negli ultimi mesi.

La variazione annuale delle spese principali per i consumi personali è rallentata al 2,8% a febbraio, in calo rispetto al 2,9% di gennaio. Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha affermato che i dati sono “coerenti con ciò che vogliamo vedere”.

Ma non tutti i dati erano favorevoli alla riduzione dei tassi di interesse. Proprio la scorsa settimana, un ottimo rapporto sull’occupazione ha mostrato che l’economia statunitense ha aggiunto più posti di lavoro del previsto a marzo, poiché il tasso di disoccupazione è sceso mentre la crescita dei salari è rimasta stabile.

READ  Il mare affonda del 22% dopo una perdita inaspettata dovuta alla crescente concorrenza

Gli investitori ora si aspettano solo due tagli e mezzo di 25 punti base quest’anno, in calo rispetto ai sei tagli previsti all’inizio dell’anno, secondo i dati di Bloomberg. L'ex presidente della Fed di St. Louis James Bullard ha detto martedì che uno scenario di taglio dei tassi triplo rimane il “caso base”.

“[The Fed] “Vuole abbassare i tassi di interesse, ma l'economia si sta mettendo di mezzo”, ha detto martedì a Yahoo Finance Live Stephen Ricciuto, capo economista di Mizuho Securities USA. “La Fed sta combattendo l'economia. In particolare, sta combattendo i consumatori americani, ed è una battaglia nella quale non voglio essere coinvolto.”

Martedì pomeriggio, i mercati scontavano una probabilità del 56% che la Federal Reserve iniziasse a tagliare i tassi di interesse nella riunione di giugno. Secondo i dati del Gruppo CME. Questo è inferiore alla probabilità del 62% di una settimana fa.

Canale di Alessandra È un reporter senior presso Yahoo Finance. Seguitela su X @allie_canal, linkedin, E invialo via email a alexandra.canal@yahoofinance.com.

Clicca qui per le ultime notizie sul mercato azionario e analisi approfondite, compresi gli eventi di movimento dei titoli

Leggi le ultime notizie finanziarie e commerciali da Yahoo Finanza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto