CronacaPalermo

Sospetto Coronavirus al “Cervello” di Palermo. Fuga collettiva daol pronto soccorso

Un uomo si è presentato in ospedale denunciando sintomi influenzali e riferendo di aver fatto colazione con alcuni turisti cinesi.

Panico poche ore fa al pronto soccorso dell’ospedale Cervello di Palermo per un caso sospetto di Coronavirus. A creare scompiglio è stato un uomo che si è presentato di sua spontanea volontà presso il reparto Malattie infettive dell’ospedale del capoluogo senza sottoporsi al passaggio dall’area di emergenza, il paziente ha manifestato i sintomi dell’influenza riferendo di aver fatto colazione con alcuni turisti cinesi provenienti dalla Germania un mese fa.

Giudicato non a rischio dai medici l’uomo si è recato al pronto soccorso per sottoporsi ad accertamenti sulle proprie condizioni di salute riferendo al triage di essere stato in contatto coi turisti cinesi, da qui la decisione dei sanitari di effettuare un tampone per scongiurare l’infezione da Coronavirus ed il trasferimento dell’uomo presso il reparto di Malattie infettive con l’ausilio di un’ambulanza di contenimento del 118.

Il protocollo ministeriale è scattato immediatamente con la distribuzione di centinaia di mascherine protettive al personale ed ai pazienti presenti nelle aree di emergenza. “L’uomo – racconta alla Repubblica il figlio di una donna in osservazione al Pronto soccorso – è arrivato in moto. Quando gli operatori hanno attivato la procedura di emergenza, chiudendo tutti i pazienti nelle loro stanze e facendo uscire tutti coloro che erano presenti nella sala d’attesa, è scattato il panico”.

All’arrivo del personale sanitario in tenuta di sicurezza si è scatenata la fuga collettiva coi pazienti del triage letteralmente scappati dal pronto soccorso, I primi esami eseguiti in laboratorio parlano di un caso positivo al virus RSV (Virus respiratorio sinciziale) ma non è del tutto escluso il referto negativo sul Coronavirus per cui si attende il referto del tampone inoltrato al Policlinido di Palermo, unica struttura dotata di kit specifici al momento.

Leggi tutto l'articolo

Articoli Correlati

Back to top button
Close