Stellantis rinnova la sua spinta in Cina con una partecipazione di 1,6 miliardi di dollari in Leapmotor

  • Stellantis acquisisce una quota del 21% nel produttore di auto elettriche Leapmotor
  • Joint venture per costruire e vendere prodotti Leapmotor al di fuori della Cina
  • L’accordo dà a Stellantis un punto d’appoggio cruciale in Cina
  • Le azioni di Leapmotor sono scese dell’11%, invertendo il salto iniziale dell’11%.

HANGZHOU, Cina (Reuters) – Stellantis ha dichiarato giovedì che acquisterà una partecipazione del 21% nel produttore di auto elettriche Leapmotor in un accordo da 1,6 miliardi di dollari che le darà una nuova opportunità in Cina e alla piccola casa automobilistica cinese un punto d’appoggio in Europa.

Le case automobilistiche globali stanno cercando di recuperare terreno nel passaggio ai veicoli elettrici e l’accordo offre a Stellantis (STLAM.MI) l’accesso alla tecnologia avanzata Leapmotor.

Nel frattempo, un numero crescente di produttori cinesi di auto elettriche sta lanciando modelli a basso costo in tutta Europa.

“L’attacco cinese è evidente ovunque”, ha detto ai giornalisti Carlos Tavares, CEO di Stellantis. “Con questo accordo possiamo trarne vantaggio invece di esserne le vittime.”

Stellantis, nata all’inizio del 2021 dalla fusione della francese PSA con Fiat Chrysler (FCA), ha faticato a vendere automobili in Cina e sta cercando un ripristino nel paese, dove ha una joint venture con Dongfeng Motor Group ( 0489.Hong Kong).

Il gruppo, i cui marchi includono Fiat e Peugeot, aveva dichiarato un anno fa che avrebbe chiuso la sua joint venture con Guangzhou Automotive Group (601238.SS), che produce veicoli Jeep in Cina.

Il nuovo accordo fa seguito alla partnership tra Volkswagen (VOWG_p.DE) e Xpeng (9868.HK) annunciata a luglio che ha inaugurato una nuova era di alleanze automobilistiche in Cina e riflette come il Paese sia emerso come un hub globale per la tecnologia dei veicoli elettrici.

READ  Mercato azionario oggi: aggiornamenti in tempo reale

Nell’ambito di una joint venture in cui Stellantis deterrà una partecipazione del 51%, la società madre di Chrysler avrà i diritti esclusivi per esportare, vendere e produrre i prodotti Zhejiang Leapmotor Technology (9863.HK) al di fuori della Grande Cina.

Alcuni analisti erano scettici sul fatto che tali partnership con quote di minoranza avrebbero aiutato i marchi automobilistici stranieri a risollevare le loro deboli fortune in Cina.

“Piccoli investimenti che danno loro accesso a tecnologie più nuove che non possono sviluppare internamente non sembrano la soluzione miracolosa che sperano”, ha detto Tu Li, fondatore di una società di consulenza con sede a Pechino. Azienda sino Auto Insights.

Bill Russo, amministratore delegato della società di consulenza Automobility con sede a Shanghai, è d’accordo: “Le partnership automobilistiche di successo sono poche e spesso finiscono quando gli interessi divergono”.

Stellantis è preoccupata per la crescente concorrenza delle auto elettriche cinesi a basso costo in Europa, una preoccupazione condivisa dalla Commissione Europea che ha avviato un’indagine antisovvenzioni sull’opportunità di imporre tariffe per proteggere i produttori europei dalle importazioni cinesi.

Tavares è stato in passato un esplicito critico delle importazioni cinesi a basso costo in Europa, ma ha detto ai giornalisti che l’accordo con Leapmotor non ha reso Stellantis un “cavallo di Troia” e ha criticato l’indagine dell’UE.

“Ci piace competere”, ha detto, “e avviare un’indagine non è il modo migliore per affrontare questi problemi”.

Giovedì le azioni Leapmotor sono scese dell’11% a causa delle preoccupazioni sulla concorrenza e sulla diluizione degli azionisti esistenti, mentre le azioni Stellantis sono scese dell’1,3% nelle prime negoziazioni.

Più di 40 marchi di veicoli elettrici sono coinvolti in una guerra dei prezzi in Cina, scatenata da Tesla all’inizio di quest’anno. Nonostante i forti tagli dei prezzi, le vendite stanno rallentando a causa della debole domanda dei consumatori, mettendo sotto pressione i margini di profitto delle case automobilistiche e dei loro fornitori.

READ  GM e Stellantis sono in intense trattative sindacali per raggiungere un nuovo contratto

Più partnership

Si prevede che la joint venture con sede nei Paesi Bassi avvierà le sue attività di esportazione nella seconda metà del 2024, mentre Stellantis avrà due posti nel consiglio di amministrazione della società cinese.

Questa partnership aiuterà Stellantis ad espandere la propria gamma di veicoli elettrici e a raggiungere l’obiettivo del 2030 di far sì che i veicoli elettrici rappresentino la totalità delle sue vendite in Europa e la metà negli Stati Uniti.

Leapmotor, che si colloca al nono posto in termini di vendite di veicoli elettrici in Cina, sta cercando di concedere in licenza piattaforme di veicoli elettrici e altre risorse per veicoli elettrici a case automobilistiche straniere affermate per generare liquidità. La società ha dichiarato il mese scorso che aveva bisogno di aumentare le proprie vendite di almeno cinque volte per sopravvivere nel settore dei veicoli elettrici risultante dalla fusione.

“Vedremo sicuramente sempre più partnership di questo tipo, poiché le startup cinesi di veicoli elettrici hanno un reale bisogno urgente di sopravvivere e sono aperte all’acquisizione di azionisti stranieri”, ha affermato Yale Zhang, amministratore delegato della società di consulenza Automotive Foresight con sede a Shanghai.

In base all’accordo, soggetto all’approvazione normativa, Leapmotor emetterà 194,3 milioni di azioni a Stellantis per 43,8 dollari di Hong Kong per azione, un premio del 19% rispetto alla sua ultima chiusura, conferendo a Stellantis circa il 21,07% del totale delle azioni quotate a Hong Kong.

L’azionista Dahua (002236.SZ) ha dichiarato che venderà le sue 90 milioni di azioni di Leapmotor a Stellantis come parte dell’accordo.

($1 = 0,9466 euro)

(Relazione di Zhang Yan e Brenda Goh – Preparazione di Mohammed per il Bollettino Arabo) (Relazione aggiuntiva di Samir Manekar e Kanjik Ghosh a Bangalore, Giulio Piovaccari a Milano e Nick Carey a Londra – Preparazione di Mohammed per il Bollettino Arabo) Montaggio di Myung Kim, Stephen Coates e Alexander Smith

READ  Futures azionari oggi: aggiornamenti in tempo reale

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto