PoliticaTrappeto

Trappeto, ok del Consiglio al parco giochi. Orlando rassicura: “Il ficus di via Sanzio non sarà distrutto”

Passa in consiglio la variazione di bilancio per l'inizio dei cantieri, Randazzo chiede certezze sul servizio bancomat al Sindaco.


Buone notizie dall’amministrazione comunale di Trappeto in vista dell’imminente avvio dei cantieri per la realizzazione di un’area giochi con annessa piazzetta tra le vie Trento e Raffaello Sanzio. Dopo le preoccupazioni di alcuni cittadini sulla sorte dell’imponente ficus, arrivano le rassicurazioni di Salvatore Orlando: «L’albero sarà piantumato in una nuova area – dichiara il Presidente del Consiglio Salvatore Orlando – un posto con meno confusione. Stiamo pensando di creare anche delle panchine intorno ad essa nella futura posizione per poter accogliere tutti coloro che si sentiranno privati del buon augurio di cui la pianta è portatrice, non a caso è anche denominata pianta del buon augurio! Inoltre volevo dire che per l’amministrazione Cosentino questo non viene considerato un cavallo di battaglia e nemmeno l’unico posto di aggregazione giovanile che nascerà nel breve tempo. Ci saranno anche posti circondati dal verde e meno ombrosi, vedrete i progetti presentati nel breve tempo.»

Le certezze sul futuro del ficus sono arrivate anche in aula consigliare dove l’unanimità dei consiglieri – ad eccezione dell’assente Salvatore Cutrò – ha votato la variazione di bilancio per rendere fruibili le somme pertinenti l’inizio dei lavori, tutto pronto – dunque per la nascita del primo parco giochi cittadino che, qualsiasi cosa pensi Orlando, è si da considerare un punto forte della campagna elettorale del sindaco Cosentino, «Ci siamo consultati attentamente – risponde il Presidente del Consiglio al consigliere Salvo Randazzo in aula – e si è deciso di rivedere l’idea iniziale che prevedeva l’abbattimento della pianta, adesso invece è prevista la piantumazione in un’altra area del comune.».

Il dibattito in aula ha visto discutere il punto fuori programma della soppressione dell’ultimo bancomat del territorio comunale, ad esporre il problema è stato il consigliere Salvo Randazzo che pur comprendendo le dinamiche avverse che hanno portato la Banca Don Rizzo a tirarsi fuori dai giochi definitivamente nel giro di 10 mesi, ha comunque chiesto lumi al primo cittadino, investendolo della responsabilità di trovare una soluzione per i tanti risparmiatori trappetesi. Pronta la risposta del sindaco che in tono stizzito ha esposto gli iniziali accordi tra comune e Don Rizzo, accordi su cui – secondo Cosentin o – l’istituto creditizio si sarebbe tirato indietro, la proposta del comune, infatti, era quella di installare una postazione all’interno del palazzo comunale. «Ad oggi – conclude Santo Cosentino – abbiamo contattato circa 40 banche del territorio siciliano, alcune hanno risposto di non essere interessate, altre invece stanno valutando l’investimento, stiamo inoltre cercando un accordo con Unicredit e cercheremo di coinvolgere i tabacchi nell’affiliarsi ai servizi di proposti da Intesa San Paolo». La banca torinese, infatti, da modo di prelevare denaro contante fino a 150 euro giornalieri presso le tabaccherie convenzionate Banca5 senza costo di commissione fino al 31 dicembre 2019, un servizio che – per quanto comodo – sembra attualmente essere fruibile solo dai correntisti di banca Intesa.

Ultimo punto all’ordine del giorno è stato l’approvazione del progetto da presentare alla Regione Siciliana volto alla realizzazione di un applicazione per smartphone proprietaria con cui il Comune intende offrire servizi ai cittadini per migliorare la raccolta differenziata e segnalare problemi e disservizi sul territorio, altro punto del progetto è quello di creare un sistema informatizzato per la gestione automatica dei procedimenti amministrativi riguardanti i certificati di destinazione d’uso e lo sportello SUAP. 31.400 euro di cui circa 25.000 buoni per l’investimento.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close