Un cucciolo di gorilla è quasi morto prima che un guardiano dello zoo lo trovasse vicino a lui. Ora ha una nuova madre adottiva


Brisbane, Australia
CNN

Chad Staples, padre di quattro figli e direttore del Mogo Wildlife Park, un piccolo zoo privato nell’omonima città sulla costa sud-orientale dell’Australia, afferma che allevare cuccioli di gorilla è per molti versi simile al prendersi cura di un neonato.

Le somiglianze sono sorprendenti: “Anche solo guardandolo negli occhi, è come guardare un neonato e assorbire l’intero universo in ogni batter d’occhio”, ha detto Staples alla CNN di Caius, il piccolo gorilla dagli occhi spalancati che ha allevato dalla nascita.

Per i primi mesi, Caius dormiva nella camera da letto di Staples, veniva regolarmente nutrito con latte e cambiato i pannolini da un guardiano dello zoo: un compito difficile da eseguire su un primate molto più forte di un bambino umano e capace di afferrare sia con le mani che con i piedi.

“Con il bambino, devi solo occuparti di alcune piccole mani che potrebbero aiutarti, ma con il gorilla aveva davvero ragione a renderlo molto difficile”, ha detto. “Ho riso e mi sono detto: ‘Oh, mio ​​Dio.'”

Man mano che cresceva, Caius si aggrappava alla schiena del guardiano dello zoo mentre visitavano lo zoo.

Poi, venerdì, Staples ha osservato con meraviglia – ma soprattutto sollievo – mentre Caius, di 10 mesi, condivideva la sua colazione a base di patate dolci e pomodori con Ji Ann, una gorilla di 42 anni non imparentata con lui, che ora sembrava felice. i doveri genitoriali nella casa dei gorilla dello zoo.

“Sono così felice di vederli insieme adesso”, ha detto Staples. “È stata una cavalcata incredibile.”

Caius è nato al Wildlife Park lo scorso ottobre da genitori per la prima volta, la madre Kipensi di 10 anni e il padre Kisanee di 17 anni, un enorme cane argentato del peso di circa 220 chilogrammi (485 libbre).

READ  Gli scontri infuriano in tutta Gaza in occasione della ripresa dei colloqui di tregua

I gorilla appena nati sono solitamente più piccoli dei bambini umani e Caius sembrava stare bene a 2,2 kg (4,85 libbre) – finché Caius, che era gigantesco rispetto al suo neonato, prese il bambino da sua madre.

“Era terrificante perché ti chiedevi se avrebbe fatto qualcosa di stupido”, ha detto Staples. “In realtà teneva il bambino molto delicatamente. Ma, sai, Caius pesava poco più di 2 kg… quindi c’è un’enorme differenza in termini di dimensioni.”

Per 14 ore, il personale dello zoo ha cercato di convincere Kesaney a restituire il bambino, dandogli del cibo che richiedeva due mani per tenere e spostando le femmine – Kepensi e sua madre Kripa – in diverse aree della casa del gorilla affinché lui le potesse seguire. E metti giù il bambino.

“Non sapremo mai perché, ma mi piace pensare che forse papà abbia cercato di intervenire perché ha visto che c’era qualcosa che non andava con la mamma”, ha detto Staples.

Kippense non è riuscita a superare la placenta, il che era motivo di preoccupazione per i veterinari preoccupati per il rischio di infezione, e non ha chiesto al suo partner di restituire il bambino, come Staples ha detto che ci si sarebbe potuta aspettare che facesse in natura.

Alla fine, Keysaney mise da parte il bambino e lo staff dello zoo si precipitò a prenderlo. A quel punto, il bambino aveva fame, quindi lo hanno allattato con il biberon e hanno cercato di riportarlo dalla madre e dalla nonna il giorno successivo.

“Si sono avvicinati a lui, lo hanno guardato e se ne sono andati”, ha detto Staples. “Poi hanno continuato a esaminarlo per procurarsi del cibo ed erano piuttosto interessati, ma non così interessati come ci aspettavamo.”

READ  Un ministro israeliano si ritira dal governo di unità nazionale guidato da Netanyahu, affermando di essere stato emarginato

Il personale dello zoo intendeva dargli da mangiare e riprovare, ma quando Staples lo prese in braccio, disse, “il suo comportamento cambiò”.

“Aveva perso colore e sembrava molto spento ai suoi occhi, quindi lo abbiamo portato d’urgenza dal veterinario e ha iniziato a schiantarsi molto velocemente.”

A Caius viene diagnosticata una polmonite settica dopo che i suoi genitori non si prendono cura di lui.

A Caius, che aveva solo un giorno, fu diagnosticata una polmonite settica.

“È caduto tipo sei volte in cui è stato praticamente rianimato e, sai, colpi di adrenalina e tutta questa roba per far funzionare di nuovo il suo corpicino”, ha detto Staples.

“I veterinari parlavano di eutanasia. I medici dicevano che forse non sarebbe riuscito a passare la notte.

Quindi Staples rimase sveglio tutta la notte con il piccolo gorilla che gli dormiva sul petto.

“Questo è stato ciò che gli ha dato più sollievo ed è stato effettivamente in grado di controllare la frequenza cardiaca e la respirazione, semplicemente il contatto pelle a pelle e sentire il battito cardiaco come faceva con sua madre.”

Alla nascita Caius pesava solo 2,2 chilogrammi, la dimensione media di un gorilla appena nato.

Poi Caius cominciò a migliorare e crescere.

I pannolini furono abbandonati quando cominciarono ad uscire di più, e poi vennero presentati gli altri lavoratori dello zoo, in modo che Caius non si legasse troppo con la sua principale badante.

Caius si è trasferito dalla casa degli Staples all’interno dello zoo e nel recinto dei gorilla, in un fienile accanto alla sua nuova madre adottiva, J. Ann.

L’obiettivo era far sì che i due interagissero abbastanza da poter eventualmente condividere una lattina. Ma il reinsediamento dei cuccioli di gorilla comporta enormi rischi.

La sua più grande paura? “I gorilla lo uccideranno. Perché questo è successo con i gorilla e gli scimpanzé in tutto il mondo”, ha detto Staples.

READ  L’Ucraina afferma di aver distrutto gli aerei da guerra russi in uno dei più grandi attacchi di droni della guerra

Il Mugu Wildlife Park si trova nella piccola cittadina omonima sulla costa del Nuovo Galles del Sud, in Australia.

Due giorni dopo, quelle paure sono state dissipate quando G-Anne ha assunto il suo nuovo ruolo.

“È una ragazza bellissima e mostra sempre segni di volerlo tanto quanto noi”, ha detto. “Non sono più preoccupato per questo. Sai, è sempre nella tua testa. Sai cosa succederebbe se? Ma non è la stessa cosa.”

Per ora, la coppia trascorrerà un po’ di tempo insieme prima che Caius sia pronto a fare il suo debutto pubblico allo zoo, che ospita anche giraffe, zebre, leoni, tigri e lemuri.

Staples dice che Kaius sembra riconoscerlo e spera che la connessione continui.

“Non appena mi avvicino a lui, infila la sua faccia nella mia faccia e fa un bellissimo respiro, e si tiene stretto, sai, e cerca di baciare, e tutte quelle cose dolci”, ha detto Staples.

“Spero che ci sia un legame con la sua vita. Sarà molto speciale.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto