Un'esplosione stellare irripetibile appare nel cielo dopo un intervallo di 80 anni

Parigi:

Tra oggi e settembre, una massiccia esplosione esploderà nel cielo notturno a 3.000 anni luce dalla Terra, offrendo agli astrofili un'opportunità irripetibile di osservare questa stranezza spaziale.
Il sistema stellare binario nella costellazione della Corona Boreale – la “Corona Settentrionale” – è solitamente troppo debole per essere visto ad occhio nudo.

Ma ogni 80 anni circa, gli scambi tra le sue due stelle, strette in un abbraccio mortale, innescano un’esplosione nucleare fuori controllo.

La luce dell’esplosione viaggia attraverso l’universo e fa sembrare che una nuova stella – luminosa come la Stella Polare, secondo la NASA – sia improvvisamente apparsa nel cielo notturno per alcuni giorni.

Questa sarà almeno la terza volta che gli esseri umani saranno testimoni di questo evento, scoperto per la prima volta dallo scienziato irlandese John Birmingham nel 1866, poi riapparso nel 1946.

Sumner Starfield, astronomo dell'Arizona State University, ha detto all'AFP di essere molto entusiasta di vedere la nova “esplodere”.

Dopotutto, ha lavorato di tanto in tanto alla T Coronae Borealis – conosciuta anche come “Blaze Star” – sin dagli anni ’60.

Starfield si sta affrettando a finire un articolo scientifico che predice cosa scopriranno gli astronomi sulla nova ripetitiva quando apparirà nei prossimi cinque mesi.

“Potrei essere così oggi… ma spero che non sia così”, ha detto ridendo.

Nana bianca e gigante rossa

Starfield ha spiegato che ci sono solo circa 10 novae ricorrenti nella Via Lattea e nelle galassie circostanti.

Le novae regolari esplodono “forse ogni 100.000 anni”, ha detto. Ma le novae ricorrenti ripetono le loro esplosioni su una linea temporale umana a causa della strana relazione tra le loro stelle.

READ  La NASA pubblica un e-book gratuito sui misteri dello spazio di Hubble

Una è una stella fredda e morta chiamata gigante rossa, che ha bruciato il suo idrogeno e si è espansa notevolmente: un destino che attende il nostro sole tra circa cinque miliardi di anni.

L'altra è una nana bianca, che rappresenta uno stadio successivo della morte di una stella, dopo che l'intera atmosfera è stata spazzata via e rimane solo il nucleo incredibilmente denso.

La disparità di dimensioni tra loro è così grande che la nana bianca T Coronae Borealis impiega 227 giorni per orbitare attorno alla sua gigante rossa, ha detto Starfield.

Le due sono così vicine che il materiale espulso dalla gigante rossa si raccoglie vicino alla superficie della nana bianca.

Una volta che la massa della Terra si accumula all’incirca sulla nana bianca – operazione che impiega circa 80 anni – si riscalda abbastanza da avviare una reazione termonucleare fuori controllo, ha detto Starfield.

Ciò porta ad una “grande esplosione e in pochi secondi la temperatura sale a 100-200 milioni di gradi Celsius”, ha detto Joachim Kreuter, un astronomo tedesco in pensione che ha studiato la nova.

Il telescopio spaziale James Webb sarà solo uno dei tanti occhi puntati sulla Corona Boreale una volta iniziata, ha detto Croater all’AFP.

Ma non è necessaria una tecnologia così avanzata per assistere a questo raro evento, ogni volta che accade.

“Devi semplicemente uscire e guardare in direzione della Corona Boreale”, ha detto Croater.

Alcuni fortunati osservatori del cielo si stanno già preparando per il più grande evento astronomico dell'anno, lunedì, quando si verificherà una rara eclissi solare totale in un settore degli Stati Uniti.

READ  Torniamo nel New Jersey, dove ha avuto inizio l'universo

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto