Caro Tarlo ti scrivo...Trappeto

“Caro Sindaco di Trappeto e se fosse solo fuffa?” I timori di un locatore per l’assenza di promozione territoriale

Inauguriamo una nuova rubrica di confronto, condivisione e denuncia. Partiamo dai timori di un operatore dell'accoglienza trappetese: promozione nulla e pochi turisti alle porte di luglio.

Parte oggi la rubrica “Caro Tarlo ti scrivo…“, uno spazio dedicato alle segnalazioni dei cittadini, la rubrica, qualora richiesto, garantirà la privacy degli scriventi a patto di non essere dinanzi a chiari messaggi di carattere intimidatorio o diffamatorio. Iniziamo il sodalizio con i nostri affezionati lettori pubblicando la lettera di V. – un residente impegnato nel settore dell’accoglienza turistica e che lamenta una scarsa affluenza di visitatori.

«Gentile redazione, opero da diversi anni nel mondo del turismo a Trappeto, premetto che la mia struttura è una delle poche in regola dal punto di vista fiscale quindi non siamo davanti al lamento di chi vuole la botte piena (i servizi di promozione) e la moglie ubriaca (i guadagni!). Da subito ho avuto un buon impatto con questo lavoro ottenendo molte recensioni positive e grazie al passaparola dei nostri ospiti siamo riusciti a ritagliarci la nostra visibilità. Vi scrivo per esprimere un mio giudizio sulla situazione attuale dove in un paese ricco di attrazioni e di posti meravigliosi e con un mare tra i più belli del circondario non ci sono servizi per i turisti. Info point biciclette elettriche sono scomparsi, la pulizia delle spiagge è iniziata a metà giugno e non ho visto fino ad ora un vero impegno degli amministratori nel promuovere il nome di Trappeto.

Nessuno sta puntando sulle particolarità che Trappeto offre quindi si parla a vanvera di San Vito e di un turismo che non c’è perchè non è mai nato e quindi è inutile anche cercarlo! Mi faccio molte domande perchè a metà giugno vedo un paese vuoto e abitato solo dai residenti e spero che la fortuna venga incontro anche a noi locatori che investiamo capitali privati per sponsorizzare non solo le nostre case ma anche il paese. Questo non mi infastidisce, ma da un sindaco giovane che ha parlato tanto di sviluppo turistico e dall’associazione pro loco mi aspetto qualcosa di più concreto perchè con le sole buone intenzioni non si va da nessuna parte.

Mi auguro che le paroline sentite durante le elezioni e ripetute da tutti e 3 i candidati non siano la fuffa di chi si è presentato con il vestito buono il giorno del matrimonio per comportarsi come un cattivo padre di famiglia poco attento al futuro dei figli! Come operatori del turismo sentiamo la mancanza dell’associazione turistica trappetese che ha dato un grande insegnamento di umiltà e di impegno a tutta Trappeto e che meritava più considerazione, ma le cose belle durano e ci accorgiamo della loro importanza quando finiscono… anzi, spesso ci adoperiamo per farle finire.»

Tags
Leggi intero articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
close-link
Close