PartinicoPoliticaPrimo Piano

Partinico, l’analisi di Pietro Rao: “Sindaco ha tradito paese ed elettori, adesso uniti per affrontare i problemi della città”

Il Consigliere Pietro Rao attraverso una nota stampa torna a discutere sulle dimissioni del sindaco di Partinico Maurizio De Luca. “Ho già avuto modo di esprimere diverse volte il mio punto di vista sull’attuale agonia della città – esordisce Rao – ciò è certamente dovuto al gesto che tuttora ritengo scellerato di un Sindaco che ha rimesso il proprio mandato tradendo la fiducia dei cittadini e degli elettori”.

Abbattimento Alberi a Partinico e Palermo

“Oggi siamo più che mai vittime di un’approssimazione della politica che ha portato a questo sfacelo. Impegnarsi per la causa comune non richiede esclusivamente buoni propositi e forza di volontà, qualcuno probabilmente era convinto che bastasse una visione astratta di un futuro ideale per rimettere a posto i problemi di Partinico, ma così non è  – afferma il consigliere Rao – la città ferità si è risvegliata dalle illusioni: ci hanno fatto credere di poter trasformare ogni centimetro di Partinico nel Paese delle Meraviglie salvo poi scaricare quintali di colpe addosso agli altri in un maldestro tentativo di mischiare le carte e nell’intento di far credere che gli errori fossero di tutti fuorché i loro, ma così non è”.

“Come già detto all’indomani delle dimissioni del Sindaco, la mia visione va oltre quel grigio passato firmato da Maurizio De Luca in cui nessuna soluzione è stata trovata per le emergenze di questa città, penso all’assenza di un bilancio comunale, alla stabilizzazione dei precari, alla triste vicenda della casa di riposo che senza una direzione finirà in un bieco pantano – continua il consigliere Rao – tutto ciò non è accettabile, non può accettarlo la gente e non possiamo accettarlo noi consiglieri, per questo serve unire le forze e spogliare il Consiglio Comunale da quelle fazioni di appartenenza che non portano da nessuna parte”.

“Occorre parlare di futuro con responsabilità e noi consiglieri dobbiamo ritrovarci su posizioni convergenti per fronteggiare un’emergenza resa ancora più grave dalle decisioni di De Luca, una città lasciata allo sbando è una città insicura, arrabbiata, disillusa ed è proprio questo lo stato d’animo che ogni partinicese porta dentro di se in questi giorni – conclude il consigliere di minoranza che aggiunge – non ho mai condiviso la politica di De Luca, ma bisogna riconoscere che quell’esperienza è terminata, è arrivato il tempo – adesso – di riorganizzarci ottimizzando al meglio gli strumenti e le virtù che abbiamo. Bisogna superare ogni barriera divisoria nell’interesse di Partinico, svolgere al meglio ciascuno il proprio compito è il primo passo per essere ancora credibili agli occhi di quella gente ingannata dalla bellezza di parole come “cambiamento”, “visione”, “sistema”, “idea”. Oggi più che mai serve un’azione pratica per salvare ciò che resta di Partinico”.

Leggi intero articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
close-link
Close