Carini/TorrettaEventi

Presentata al Castello di Carini l’opera poetica “La bella Baronessa” del Prof. Sergio Pisciotta

Domenica scorsa presso il Castello di Carini il Prof. Sergio Pisciotta ha presentato la sua ultima opera poetica e teatrale. L’opera intitolata “La bella Baronessa che di peccar più non cessa” è incentrata sulla vita di Laura Lanza, baronessa di Carini, rivisitata in chiave poetica nel rispetto della metrica e della musicalità propria dei cantastorie e della poesia classica. “Voglio ringraziare il vicesindaco di Carini Salvatore Badalamenti e il sindaco Monteleone per l’accoglienza e per la disponibilità – dice il Prof. Pisciotta – ho scelto il Castello di Carini per presentare la mia ultima opera perché il castello rappresenta per me un luogo dove poter sviluppare concetti teologici – spiega Pisciotta – va considerato oggi che tutti noi spesso cadiamo nell’esaltazione dell’ego che ci conduce a una forma di narcisismo e incapacità di amare e quindi questa opera poetica ha la funzione di trasmettere un messaggio che possa far riflettere i giovani a quelli che sono i comportamenti inconsapevoli che conducono spesso all’infelicità e all’incapacità di amare con il cuore, infatti, l’opera punta a far risvegliare la coscienza nei giovani e nei meno giovani, i quali, spesso confondono l’amore con la A maiuscola con l’attrazione sessuale”. Il poeta, infatti, nella sua opera rimarca come sia scomparsa l’educazione sentimentale, quando una donna veniva scelta per l’onestà, la laboriosità, dolcezza ed il garbo. Il poeta ispeziona anche chi si sposa per convenienza economica, per lucro, per salire qualche gradino della scala sociale. Insomma per lui il vero amore è quello del cuore che pesa le doti dell’anima e se la sposa. Opera poetica molto attuale, vista la scomparsa nella gioventù di questi valori.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close