“Abbiamo finito”: gli avvocati dell’immigrazione lasciano l’amministrazione Biden

Ariana Saludares, un avvocato di 40 anni per Coloras United con sede nel New Mexico, ha dichiarato: “Non posso fingere di avere un incontro come loro”.

L’incontro e il successivo sciopero sono stati innescati dai piani dell’amministrazione per ristabilire le norme di protezione dell’immigrazione note come la politica “Soggiorno in Messico”. Un tribunale ha annullato il tentativo iniziale di Biden di rovesciare la politica e l’amministrazione del mandato di Trump Annunciato venerdì A partire dal prossimo mese, riprenderanno la pratica di costringere gli immigrati al confine meridionale ad aspettare fino a quando non chiederanno asilo in Messico.

Un funzionario della Casa Bianca ha dichiarato a Politico: “È molto chiaro che l’amministrazione Biden non è una politica sull’immigrazione che condividiamo o sosteniamo. Questo è il motivo per cui la corte ha immediatamente impugnato l’ordine restrittivo non appena il Dipartimento per la sicurezza interna lo ha ordinato. Nel frattempo, il funzionario ha affermato che devono rispettare la legge e il DHS ha annunciato l’intenzione di emettere un nuovo avviso di licenziamento per rimuovere l’MPH. Il funzionario ha aggiunto: “Siamo molto grati e apprezziamo il lavoro che gli avvocati e le aziende dell’immigrazione stanno facendo 24 ore al giorno per migliorare il nostro sistema di immigrazione”.

Ma mentre l’estensione della politica di “soggiorno in Messico” era la promozione di sabato, i pubblici ministeri hanno affermato che non era l’unico motivo. Le tensioni tra l’amministrazione Biden e gli avvocati dell’immigrazione sono in aumento da mesi e solo ora stanno venendo allo scoperto. Gli attivisti, che hanno fatto telefonate regolari con i funzionari di Biden durante tutto l’anno, credono sempre più che le decisioni dell’amministrazione siano in gran parte guidate dalla politica e che gli alti funzionari della Casa Bianca vedano il confine come una questione tossica per i democratici.

READ  Il Returnhouse Arbitration Board esaminerà due video richiesti dalla fonte su un laptop

“Penso che temono il ritiro dei gruppi anti-immigrati e continueremo a ricordare loro che qualunque cosa faranno avrà quella battuta d’arresto”, ha affermato Luis Guerrero, un funzionario di capacità strategica di 32 anni. Il Catholic Legal Immigration Network ha lasciato l’incontro sabato. “Non crediamo davvero che stiano facendo tutto ciò che è in loro potere per chiedere asilo al confine, nel modo in cui dicono che ci stanno provando”.

Un ordine sanitario pubblico che è stato utilizzato per la prima volta sotto Trump per espellere gli immigrati di frontiera preoccupati per il governo 19 si concentra maggiormente sull’uso continuato e sulla protezione dell’amministrazione del capitolo 42. La stessa amministrazione Biden è divisa sulla continua applicazione di tale politica.

Le differenze sono diventate evidenti all’inizio di questo mese dopo che l’amministrazione ha utilizzato il Titolo 42 per deportare un gran numero di immigrati haitiani che si erano radunati al confine con il Texas. Harold Coe, consigliere senior e delegato politico presso il Comitato legale del Dipartimento di Stato Di recente ha lasciato il suo posto E ha inviato una nota interna che criticava il comportamento dell’amministrazione agli immigrati haitiani. Nella nota, Go 42 ha continuato a chiamare il titolo “illegale”, “disumano” e “indegno di questa amministrazione che sostengo con forza”.

La rabbia degli attivisti nei confronti dell’amministrazione è particolarmente acuta perché ora sentono che Democratici e Repubblicani stanno abbracciando un approccio nativista all’immigrazione e non hanno scelta.

“È come se stessimo affogando nel bambù pensando che sia la scelta migliore. Non lo è. È davvero brutto”, ha detto Salutares. non quello. “

READ  AT&T respinge la richiesta di Boutique di ritardare il lancio del 5G di Verizon

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Il Tarlo